Coronavirus nel mondo: contagi, aggiornamenti e tutte le novità della situazione

Gli Stati Uniti hanno superato 18 milioni di casi di contagio da Covid-19. Questo è quanto emerge dai dati della Johns Hopkins University. Il numero di morti dall’inizio della pandemia è di 319.190.

Covid Usa, l’immunologo Anthony Fauci viene vaccinato in diretta televisiva


Fauci viene vaccinato in diretta in TV

“È importante essere qui perché il vaccino è un’opportunità per tutti”. Con queste parole l’immunologo più famoso d’America, Anthony Fauci, ha subito il vaccino Moderna. La vaccinazione Covid di uno dei massimi esperti americani è stata seguita in diretta televisiva su tutti i canali nazionali. Al termine dell’operazione, durata un minuto, Fauci è stato accolto con applausi dal pubblico. La segretaria sanitaria si è vaccinata con lui Alex Azar e il direttore del National Institutes of Health Francis Collins.

USA, più di 600.000 vaccini somministrati

Negli Stati Uniti, fino ad oggi sono stati somministrati 614.117 vaccini, secondo i dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Operazione Warp Speed, voluta dal presidente Donald Trump, ha consegnato più di 4,6 milioni di dosi a tutti gli stati dal 13 dicembre. Le dosi spedite sono sia PfizerBionTech che Moderna mentre quelle somministrate sono solo Pfizer che ha ricevuto l’autorizzazione di emergenza una settimana prima.

Coronavirus, Joe Biden si vaccina in diretta televisiva: “Non c’è nulla da temere”


Usa, timbro per chi arriva dal Regno Unito

La Casa Bianca sta valutando l’opportunità di chiedere ai viaggiatori in arrivo negli Stati Uniti dal Regno Unito di provare la loro negatività al Covid-19 fornendo i risultati del tampone prelevato nelle precedenti 48 o 72 ore. Segnala il Cnn, chiarendo che questa ipotesi è stata discussa ieri durante la riunione della task force sul coronavirus e che il piano sarà presentato oggi al presidente Donald Trump. Da quando il primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato la scoperta di una nuova variante del virus ancora più contagiosa, più di 40 paesi hanno bloccato i collegamenti aerei con il Regno Unito.

Antartide, 36 casi di Covid. Il continente era libero da Covid

L’Antartide, ad oggi l’unico continente dichiarato “esente da virus” è contagiato: in una base cilena sono stati registrati 36 casi di coronavirus. Secondo i resoconti dei media cileni, l’epidemia è stata identificata nella base del generale Bernardo O’Higgins Riquelme, che è una delle 13 basi cilene in antartico. I contagiati, 26 soldati e 10 addetti alla manutenzione, sono già stati trasferiti in Cile, ha affermato l’esercito cileno in un comunicato che “grazie a un’azione preventiva tempestiva è stato possibile” individuare i casi, secondo le autorità. rapporti Newsweek. Anche tre membri dell’equipaggio della nave inviati per aiutare alla base sono stati infettati. Al momento della massiccia diffusione della pandemia la scorsa primavera, nel antartico iniziò l’inverno e la notte di sei mesi continuò ei ricercatori rimasero chiusi, isolati nelle loro basi. Ma il ritorno del sole e l’arrivo di nuovi ricercatori in decine di basi hanno portato il virus nella regione più fredda e inospitale del mondo.

Germania, confini con Regno Unito e Sudafrica chiusi fino al 6 gennaio

La Germania proroga “fino al 6 gennaio” la chiusura dei suoi confini con il Regno Unito e il Sudafrica, colpiti dall’emergere di una variante più contagiosa del virus Covid-19, ha annunciato il ministero martedì della salute. La sospensione dei collegamenti “treno, autobus, nave e aereo” e il divieto generale di ingresso nel territorio di persone provenienti da questi paesi erano inizialmente previste fino al 31 dicembre. Le persone “autorizzate a risiedere in Germania” o “residenti abitualmente” nel paese possono tuttavia essere autorizzate a entrare “con l’accordo del Ministero dell’Interno” a partire dal 1 ° gennaio.

Germania, polizia per verificare il rispetto delle regole su Natale e Capodanno

Durante le vacanze di Natale e Capodanno, le forze dell’ordine tedesche monitoreranno “rigorosamente” il rispetto delle restrizioni per contenere la diffusione del coronavirus. Lo ha affermato il vice segretario dell’Unione di polizia tedesca (Gdp), Joerg radek, durante un’intervista al quotidiano Giornale della Germania meridionale. In particolare, Radek ha affermato che le forze dell’ordine stanno aumentando la loro presenza nei luoghi pubblici, al fine di monitorare il rispetto delle normative anti-Covid. Tuttavia, la polizia “non andrà di casa in casa senza un motivo per contare il numero di persone sedute a tavola”. Tuttavia, se la polizia riceve segnalazioni di violazioni delle disposizioni anti-contagio, “indagherà”. È molto probabile che la mutazione del coronavirus, trovata in Gran Bretagna, esista anche in Germania, ha detto martedì il direttore dell’assistenza sanitaria del Robert Koch Institute (RKI), aggiungendo tuttavia che c’era ancora nessun dato preciso.

Svizzera, gli sciatori britannici già arrivati ​​nel Paese si trovano in quarantena “retroattiva”

Decisa a lasciare aperte le sue piste da sci, la Svizzera si rifugia. In seguito all’annuncio del nuovo e più aggressivo ceppo di Sars-Cov2 nel Regno Unito, è stata decisa una quarantena retroattiva: d’ora in poi, non solo respingerà i turisti del Regno Unito, ma annuncerà che chiunque arrivi prima del 14 dicembre dalla Gran Bretagna o dal Sud Africa sarà posto in isolamento per dieci giorni. Sarebbero 10mila. Lo riporta indietro Posta internazionale. “Per due mesi”, ricorda La mattina, “il governo vallesano guidato da Christophe Darbellay ha fatto dell’apertura delle località invernali una priorità assoluta. Con l’avvicinarsi delle vacanze, le località da Champéry a Zermatt si riempiono come al solito, e anche di più. Ma da lunedì 21 dicembre la Confederazione Svizzera respingerà quelli provenienti da Gran Bretagna e Sud Africa e ha sospeso i suoi collegamenti aerei. Questi viaggiatori “sono particolarmente numerosi a Verbier nel Vallese”, riferisce Radio e televisione svizzera, specificando che l’ufficio turistico chiama tutti i clienti della stazione per trovare i turisti arrivati ​​nei giorni scorsi. “Le autorità stanno studiando la possibilità di organizzare voli di ritorno.

Irlanda, nuova serrata ma dolce e dopo le vacanze

L’Irlanda chiuderà ristoranti, food pub e alcuni negozi dalla vigilia di Natale, meno di un mese dopo essere usciti dal blocco precedente dopo che i funzionari sanitari hanno avvertito che il paese era precipitato rapidamente. in una terza ondata di infezioni da Covid. 19. L’Irlanda ha uno dei tassi di incidenza COVID-19 più bassi in Europa dopo la chiusura temporanea di negozi, bar e ristoranti all’inizio di ottobre. Tuttavia, la media di cinque giorni di nuovi casi è quasi raddoppiata in soli quattro giorni, spingendo il governo a cambiare tattica: dopo Natale, le restrizioni torneranno fino al 12 gennaio. Lo ha annunciato il premier Micheal Martin. A questo punto, si consiglia di rimanere il più possibile al chiuso, ma anche i negozi non essenziali rimarranno aperti. Le tradizionali vendite di gennaio sono state spostate e le scuole rimarranno aperte

Slovenia, al via i test di massa

Oggi in Slovenia sono iniziati test rapidi sulla popolazione di massa, con l’obiettivo di testare un quarto della popolazione. La prima fase di sperimentazione si protrarrà fino a giovedì ed è aperta a tutti, mentre la seconda, in programma dopo Natale, si concentrerà su operatori essenziali come insegnanti, militari e polizia. Più di cento persone questa mattina si sono messe in fila a Lubiana per sottoporsi ai test, disponibili anche in altre tredici città. Il progetto di test di massa mira a “contenere la diffusione del virus riducendo il numero di ricoveri e decessi”, ha spiegato lunedì. Marija Magajne, dal Ministero della Salute. I risultati saranno forniti ai cittadini entro 15 minuti, insieme a tutte le istruzioni per coloro che risulteranno positivi.

Corea del Sud, verso un ulteriore inasprimento delle restrizioni

Secondo il giornale Korea Herald, le autorità sanitarie del paese impongono nuove restrizioni per arginare la diffusione delle infezioni. Il governo sudcoreano ha mobilitato i militari per rafforzare il sistema di sorveglianza e controllo sanitario volto a contenere la diffusione della pandemia. L’esercito è stato incaricato di monitorare i siti di test diagnostici nell’area metropolitana di Seoul durante la notte e nei fine settimana. Primo Ministro della Corea del Sud, Chung sye-kyun, ha annunciato che il numero di persone in quarantena domestica è di oltre 70.000, una cifra senza precedenti nel Paese dall’inizio della pandemia.

READ  Pochi conoscono la regola del risparmio fino a 1000 euro al mese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *