Correnti turbolente nell’oceano di Encelado?

Nascosto sotto 20 chilometri di ghiaccio, l’oceano sotterraneo di Encelado, una delle lune di Saturno, sembra avere le stesse correnti che caratterizzano i mari terrestri. Questo è quanto afferma uno studio condotto da Caltech e sulla base dei dati della sonda NASA-ESA-ASI Cassini. Encelado ha attirato l’attenzione degli scienziati nel 2014, quando Cassini scoprì le prove della presenza di un grande oceano sotterraneo e ho notato geyser annusando le fessure ghiacciate del suo polo sud. Insieme a Europa, La luna di Giove, è uno dei pochi posti nel sistema solare oltre alla Terra, dotato di acqua liquida e rappresenta un target molto interessante per gli studi di astrobiologia. L’oceano della luna si estende sulla superficie e viene raffreddato nella parte superiore vicino al guscio di ghiaccio, mentre è riscaldata nella parte inferiore dal calore del nucleo lunare.

Gli oceani di Encelado e della Terra condividono una caratteristica importante, sono salati. I cambiamenti nella salinità potrebbero agire come motori della circolazione oceanica su Encelado, proprio come fanno nel mare che circonda ilantartico. L’analisi di Cassini aveva precedentemente rivelato che il guscio di ghiaccio della luna è più sottile ai poli che all’equatore. Questo influisce sulle correnti oceaniche perché quando l’acqua salata gela rilascia sali e rende il fluido circostante “ più pesante ”, spingendoloIl giù. Piuttosto, l’opposto si verifica nelle regioni equatoriali. Il modello computerizzato, realizzato da scienziati, suggerisce che le regioni di congelamento e scioglimento, identificate dalla struttura del ghiaccio, sarebbero collegate dalle correnti oceaniche. Ciò creerebbe la circolazione dal polo all’equatore, che influisce sulla distribuzione del calore e dei nutrienti. Non resta che attendere le prossime missioni spaziali, che dovrà determinare quali regioni oceaniche profonde potrebbero essere le più ospitali per lui sviluppo delle forme di vita.

READ  l'emergere di insicurezza e stress genitoriale [ValdarnoPost.it]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *