cosa cambia per le detrazioni fiscali

Rischiose detrazioni fiscali per chi non paga quanto richiesto nei nuovi canoni: le novità del nuovo modello 730

Modello 730 (fonte foto: web)

Per chi presenterà il modello 730/2021, avrà una brutta sorpresa. Questo perché dall’anno fiscale 2020 per le detrazioni fiscali del 19%, i pagamenti devono essere effettuati in modo tracciabile.

Per ricordare quali spese sono ritenute ammissibili ai fini della detrazione fiscale troviamo soprattutto:

  • spese funebri;
  • costi di assistenza personale;
  • i costi delle attività sportive per bambini;
  • commissioni di intermediazione immobiliare;
  • affitti per affitti di studenti universitari fuori sede;
  • donazioni;
  • spese relative a beni soggetti a regime vincolante;
  • spese veterinarie;
  • premi di assicurazione sulla vita e sugli infortuni;
  • spese sostenute per l’acquisto di abbonamenti per servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale.

Quindi cosa cambierà ora. Dall’anno fiscale 2020, tutte le detrazioni 19% di tasse lorde, dovrebbe essere fatto solo con sistemi di pagamento tracciabili. Le uniche detrazioni alle quali questa disposizione non si applica sono le spese mediche. Per quanto riguarda le spese 2020, il contribuente non le perderà se potrà provare l’utilizzo del pagamento tracciabile, ovvero mediante prova cartacea della transazione / pagamento con ricevuta bancomat, estratto conto, copia del vaglia postale o MAV e pagamenti con PagoPA. Quindi pagare le tasse con il 19% di detrazione fiscale e il 50% consentito, in contanti, questo li farà perdere la loro deducibilità.

Leggi anche >>> Reddito di cittadinanza e NaspI: alcuni ricevono il doppio dell’importo

Leggi anche >>> Inps, torni a pagare i contributi sospesi: attenzione a questa data

Chi paga in contanti le seguenti spese rischia di perdere la detrazione del 19%:

  • Spese di studio diverse dagli studi universitari;
  • Spese per l’istruzione universitaria;
  • Costi delle attività sportive per bambini (palestre, piscine e altri impianti sportivi);
  • Donazioni liberali a società e associazioni sportive dilettantistiche;
  • Contributi dei membri a società di mutuo soccorso;
  • Donazioni per attività culturali e artistiche;
  • Spese per asili nido;
  • Tariffe per minori o adulti con LTC
READ  Scavi per fibra ottica, il passato riemerge: è l'antica Via Popilia?

Mentre le spese per le quali il la detrazione è del 26% comprendere:

  • Donazioni liberali a favore delle ONG
  • Donazioni liberali a favore di partiti politici.

Tuttavia, pagando in contanti, non tutti perderanno il diritto alla detrazione fiscale. Come previsto, sono una regola separata le spese mediche. Ecco le spese mediche che possono essere pagate in contanti senza perdere la possibilità di detrarle dal reddito:

  • droghe;
  • dispositivi medici, come occhiali, prodotti ortopedici, ausili per persone con disabilità, ecc.
  • visite mediche presso istituti pubblici;
  • visite mediche presso istituti privati ​​accreditati presso il sistema sanitario nazionale.

Sono comprese nelle spese che utilizzano la cosiddetta ricevuta parlante. Il consiglio, viste le ultime novità in campo, è quello del conservare documenti cartacei almeno per cinque anni, per non avere brutte sorprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *