Cosa fa l’NRC |  La Cina è vaga sull’epidemia, quindi è saggio controllare di più i viaggiatori dalla Cina per la corona

Cosa fa l’NRC | La Cina è vaga sull’epidemia, quindi è saggio controllare di più i viaggiatori dalla Cina per la corona

Fingendo che non stia succedendo molto: le autorità cinesi sono brave in questo, come si scopre più e più volte. All’inizio della pandemia di corona, questo atteggiamento ha contribuito alla diffusione globale fulminea dell’allora virus mortale. Per troppo tempo la Cina non ha riconosciuto che un mercato di animali a Wuhan era molto probabilmente il punto di partenza della diffusione del virus. Durante e dopo un’indagine dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) all’inizio del 2021, il Paese ha funzionato meno bene del previsto. E anche adesso, resta da indovinare l’entità dei rischi della grande epidemia che la Cina ha recentemente affrontato. Non si parlerebbe di nuove varianti, ha detto la Cina questa settimana per rassicurarsi. L’OMS conferma che lo dice la Cina, ma sottolinea anche che le informazioni fornite dal Paese anche adesso difettoso.

Leggi anche: “Infallibile” Xi Jinping non ammetterà mai il suo errore

Ciò che è chiaro è che esiste uno scollamento tra ciò che i leader cinesi dicono in pubblico e il dramma umano che si sta attualmente svolgendo negli ospedali cinesi. Fino a poco tempo fa c’era la dura politica dello zero-covid: l’idea di poter controllare il virus con il confinamento di massa dei pazienti covid, reali o potenziali. Quando ciò ha portato a proteste su larga scala, che sono state anche piuttosto accattivanti, le cose sono cambiate. O meglio rilasciato. I numeri che circolano sono da capogiro. Ogni giorno milioni di cinesi vengono infettati e circa novemila muoiono di corona. Quest’anno sono previsti almeno 1 milione di morti. Si può cinicamente aggiungere: su una popolazione di 1,4 miliardi, ma l’esplosione dei contagi dà anche al virus maggiori possibilità di sviluppare nuove varianti. Le buone notizie: è impossibile prevedere quanto diventeranno pericolose queste possibili varianti. In altre parole, può funzionare.

READ  Il Brasile covid, colpito dall'epidemia, chiede aiuto: "Paesi con dosi extra di vaccino ce lo danno il prima possibile"

O no. Non è un caso che la situazione in Cina in altre parti del mondo provochi qualche nervosismo, nonostante la copertura vaccinale molto più alta nei paesi europei, per esempio. L’Italia, con le immagini horror di Bergamo ancora sulla retina, ha deciso la scorsa settimana di testare strutturalmente i viaggiatori provenienti dalla Cina, dopo che si è scoperto che quasi la metà dei passeggeri di un aereo proveniente dalla Cina era infetta. I controlli sono stati rafforzati anche in diversi paesi asiatici e negli Stati Uniti. E dopo l’Italia seguono Francia, Spagna e Regno Unito. Non tutti nell’UE sono convinti. L’Austria salta apertamente per accogliere nuovamente i turisti cinesi dopo la depressione degli ultimi anni. Al massimo, Schiphol vuole offrire ai viaggiatori provenienti dalla Cina un autotest gratuito e informazioni su come usarlo.

Leggi anche: Occhiali VR per a far fronte al trauma covid

Mercoledì i paesi dell’UE hanno raggiunto un accordo su un approccio coordinato, ma la sua natura non è vincolante. diventare paesiincoraggiato‘ di adottare alcune misure, come l’uso di mascherine migliori sugli aerei e ulteriori ricerche sulle acque reflue degli aeroporti e degli aerei interessati, ma non è necessario. Questo è preoccupante: se la pandemia da corona ha dimostrato qualcosa, è che la lotta al virus beneficia soprattutto di una politica chiara. L’UE ha affrontato con successo la pandemia attraverso l’acquisto congiunto di vaccini e il coordinamento transfrontaliero della politica del coronavirus, tra le altre cose. Insomma: subordinando temporaneamente l’interesse nazionale al superiore interesse europeo. Se solo alcuni paesi dell’UE rafforzano i controlli corona, l’afflusso di turisti si sposterà verso i paesi dell’UE dove non lo fanno. Poiché non ci sono frontiere interne, i turisti troveranno sempre la strada per l’Italia e la Spagna passando per Amsterdam e Vienna. A paesi in cui, date le finanze pubbliche, potrebbero davvero utilizzare un’iniezione turistica, ma ignorarla per motivi di salute pubblica.

READ  Aisling dall'Italia cerca una casa accogliente a Grave

La Cina trova “irragionevoli” i controlli aggiuntivi e minaccia di prendere “opportune” contromisure. Le restrizioni, ha detto un portavoce del ministero degli Esteri cinese, mancanza di basi scientifiche. Questo sembra ridicolo da un paese che non eccelle in trasparenza e scarta la scienza quando è ideologicamente scomoda. Un Paese che da mesi impone requisiti molto severi anche ai viaggiatori provenienti dall’estero. Finché la situazione in Cina è avvolta nell’incertezza e nell’ambiguità, è saggio adottare misure preventive contro di essa, anche se queste fanno guadagnare solo un minimo di tempo per rallentare il virus. Il minimo risparmio di tempo potrebbe significare la differenza tra la vita e la morte durante la pandemia. Se la Cina vuole ragionevolezza, deve dimostrarlo essa stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *