Cosa fai come scienziato quando scopri qualcosa che cambierà il mondo?

Cosa fai come scienziato quando scopri qualcosa che cambierà il mondo?

“Ora sono la Morte, il Distruttore di Mondi.” A questa frase di Bhagavad Gita Avrebbe pensato Robert Oppenheimer quando la prima bomba atomica è esplosa con successo il 16 luglio 1945. La “sua” bomba atomica. “Trinity” è il risultato del “suo” progetto Manhattan nel deserto del New Mexico negli Stati Uniti; la risposta anglo-americana ai timori che i nazisti avrebbero sviluppato una bomba atomica dopo che gli scienziati tedeschi scoprirono la fissione nucleare alla fine degli anni 30. E con essa l’enorme quantità di energia che viene rilasciata.

Oppenheimer è una persona intrigante, concordano il compositore John Adams e il librettista Peter Sellars. All’inizio di questo secolo, hanno fatto un’opera su di lui: Dottore atomico. La bomba atomica è secondaria. I dilemmi che ti affliggono quando fai una scoperta scientifica che cambierà il mondo sono la cosa principale. Non che il programma nucleare statunitense fosse molto moralmente complicato all’inizio della gara; c’era una vera minaccia dalla Germania, essere il primo con una bomba era fondamentale. Il dilemma morale iniziò quando gli alleati scoprirono che il programma nucleare tedesco era miseramente fallito. Non sembrava esserci alcuna minaccia. Il Progetto Manhattan avrebbe potuto fermarsi. Ma non è successo.

“È un argomento entusiasmante, soprattutto perché siamo tutti scienziati in erba. Potremmo anche trovarci di fronte a un simile dilemma. Lo dice Dauwe Lentz (27), studente di scienze sociali e violoncellista neolaureato, in una sorta di sala simile a un capannone nel mezzo di un edificio a Utrecht. eccone uno Dottore atomico ripetuto, che può essere visto dal 13 luglio al Werkspoorkathedraal di Utrecht, così come un piccolo festival della scienza su Oppenheimer e la prima bomba atomica. Lentz dirige il carro trainato da altri nove studenti. Lei e gli studenti del coro e dell’orchestra lo fanno tutti volontariamente. Solo il cast e la troupe sono professionali.

READ  Il telescopio James Webb acquisisce un'immagine composita del sistema a ruota di carro anulare - IT Pro

Leggi anche: Doctor Atomic: la bomba è ancora rilevante

Non conosciamo l’impatto

Lentz non deve pensarci due volte quando deve nominare un dilemma scientifico del nostro tempo: l’intelligenza artificiale, come ChatGPT. “Come scienziato, è fantastico scoprire e sviluppare qualcosa di nuovo. Ma non sempre sai su quale strada ti trovi. Noi di ChatGPT sappiamo che le conseguenze sono incalcolabili, ma non sappiamo quale sarà esattamente l’impatto. Può diventare un semplice motore di ricerca. Può anche interrompere il modello di entrate per i giornali. Questo può sconvolgere l’intero sistema educativo. È possibile…? Ciò che è affascinante è che conosciamo i rischi della nostra incertezza, eppure non abbiamo quasi alcun controllo sul progresso scientifico. L’uomo ha un bisogno quasi irresistibile di creare. Ecco di cosa parla quest’opera. Puoi vedere che Oppenheimer non è in grado di fermarsi e lotta molto con questo. Vogliamo dimostrare che questo può valere per tutti. Non solo per i premi Nobel. Anche per lo sviluppatore di app “dietro l’angolo”. A Dottore atomico la soluzione? “No, ma c’è sicuramente qualcosa che colpisce gli studenti qui. È come un pregiudizio. È dentro di te, ma esserne consapevole aiuta.

Questa prova si svolge sempre in una scenografia di tavole spoglie. Nella Werkspoorkathedraal ci sarà presto un’ambientazione che a volte rappresenta il laboratorio nel deserto del New Mexico, a volte il mondo dei sogni di Oppenheimer. Le forme si basano sulla rappresentazione schematica di un atomo. Tuttavia, esiste già una bomba Trinity ricostruita in modo impressionante, con la quale le comparse stanno “armeggiando”. È ancora una prova di pianoforte e riguarda ancora principalmente chi deve stare in piedi dove e quando, ma fanno già impressione nei brevi brani cantati dagli Utrechtse Studenten Cantorij. Non è davvero la musica più semplice che risuona nel magazzino qui.

READ  Prurito ed eruzioni cutanee dal bruco raso bastardo? Devi farlo

Lato oscuro della creazione

Il festival scientifico che ogni sera precede l’opera per alcune ore dovrebbe concentrarsi sul “lato oscuro della creazione”. Uno degli scienziati che Dottore atomico bussato alla porta per partecipare è Machiel Kleemans (49). Insieme a Frans Kingma si è immerso nella vita e nell’opera di Oppenheimer e ha scritto un libro a riguardo. Al festival della scienza estraggono storie, foto e disegni costruttivi per i visitatori.

Leggi anche: La “bomba atomica” è qualcosa di grande, qualcosa di inimmaginabile

Kleemans riconosce l’impulso scientifico a creare. “Vedi spesso scienziati che scoprono qualcosa e rimangono completamente affascinati dalle possibilità. ChatGPT è un buon esempio, puoi anche pensare al computer quantistico. Lo sperimenteremo. Con i computer quantistici [computers die 100 biljoen keer sneller rekenen dan de computers nu, red.] puoi fare grandi cose, ma puoi anche violare quasi tutte le protezioni del computer esistenti con esso. Quindi puoi accedere a qualsiasi cosa, dai segreti militari alle comunicazioni private. Un dilemma.”

Un punto culminante del processo di prova degli studenti è stato un vero e proprio incontro con Adams e Sellars. Adams è entusiasta che gli studenti possano ora gestire questa musica moderna, afferma Lentz. Si dice che abbia esclamato sorpreso che quando era studente suonavano bene Mozart. Sellars lo ha persino richiamato per sottolineare che gli studenti non l’avevano mai fatto prima. Lentz non lo capisce del tutto: “Ovviamente anche un’opera di Mozart è bella, ma per gli studenti quest’opera si avvicina davvero molto. Ed è solo musica selvaggiamente eccitante. Poteva essere un thriller.

Lentz vuole ancora essere uno scienziato dopo tutta quella produzione? “No”, ride. “Ma è principalmente perché ho scoperto quanto sia divertente mettere in scena una performance del genere”.

Dottore atomico di Stichting LustrumOpera, l’Utrechtsch Studenten Concert (in cui suona Dauwe Lentz) e l’Utrechtse Studenten Cantorij, diretto da Bas Pollard. Regia: Wim Trompert. Con distribuzione professionale. Preceduto da un festival della scienza sul Progetto Manhattan con Machiel Kleemans e Frans Kingma, tra gli altri. Prima: 13/7. Si ripete fino al 25/07. Werkspoorkathedral di Utrecht. Informazione: doctoratomic.nl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *