Covid, allerta su nuovo ceppo: “Provoca epilessia e lesioni neurologiche”

Il famoso virologo Robert Gallo ha parlato dell’attuale pandemia di coronavirus, paragonandola a un’invasione di “marziani”







Il famoso virologo Robert Gallo, scopritore del virus HIV, ricevuto a Scilla il Premio “Sud e Futuri” dalla Fondazione Magna Grecia. Gallo ha parlato della pandemia di coronavirus, paragonandola a un’invasione di “marziani” e lanciando l’allarme su un nuovo ceppo.

Gallo è stato così presentato da Arnaldo caruso, presidente della Società Italiana di Virologia: “È il ricercatore più famoso al mondo. Ha conoscenze avanzate in tutte le aree della medicina. Scoprì il virus dell’HIV, isolò molti virus sconosciuti e per primo dimostrò l’esistenza dei retrovirus umani. Bob Gallo ha fatto la storia dell’Aids e ha svolto studi innovativi che ci hanno permesso oggi di arrivare a una diagnosi rapida del coronavirus”.

Ancora Caruso: “Gallo ci ha anche fornito tutte le informazioni a nostra disposizione per combattere tante malattie, cancro compreso”.

La teoria del coronavirus di Robert Gallo

Queste le parole di Robert Gallo, riportato da ‘Adnkronos’: “Nessuna previsione si può fare sulla fine della pandemia, ma è chiaro che l’impennata avviene quando non tutti sono vaccinati”.

Il virologo ha aggiunto: “Nel mondo ci sono differenze nel modo in cui la malattia è stata curata, ma è importante essere uniti per combatterla perché c’è un interesse morale e finanziario, non solo scientifico”.

Ancora Gallo: “Tutti i paesi devono lavorare insieme e affrontare insieme questi ‘marziani’. Dobbiamo affrontare questa pandemia come se ci fosse uninvasione aliena e abbiamo dovuto combatterli per salvarci”.

READ  Scuola, raddoppia i posti per gli insegnanti di matematica nella gara sprint. Ma è una corsa contro il tempo - Corriere.it

La sveglia di Robert Gallo

Robert Gallo ha anche spiegato come non farsi vaccinare: “È molto difficile per qualsiasi scienziato spiegare a qualsiasi vax perché dovrebbe essere vaccinato. È un problema che esiste in tutto il mondo, anche qui negli Stati Uniti. Ma è un problema che ci riguarda tutti e dobbiamo spiegare perché dobbiamo essere vaccinati. Non capisco perché sono così spaventati. Tra l’altro per spostarsi, viaggiare, lavorare bisogna essere vaccinati”.

Poi l’allarme: “Proprio in questo periodo Si diffonde un nuovo ceppo del virus che provoca anche problemi neurologici ed episodi di epilessia: tutti dovrebbero essere vaccinati e allo stesso tempo dovrebbe essere aumentata la produzione di vaccini. C’è molta confusione perché anche chi è vaccinato può essere contagiato, ma non sviluppa la malattia e contagia molto meno e questo è fondamentale”.



Virgilio Notizie | 29/08-2021 12:52



Covid, serve la terza dose? Esperti divisi: chi è a favore e chi no

Fonte foto: ANSA

Covid, serve la terza dose? Esperti divisi: chi è a favore e chi no

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *