Covid, Bonaccini: “Inizia la terza ondata”. Ma Toti: “Solo chiusure? Nessun cambio di passo”. Oggi cambi di zona e stesura del nuovo Dpcm

Per il Presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini, il paese è all’inizio della terza ondata. Per Giovanni Toti, Presidente della Liguria, solo parlare di chiusure non è un cambio di passo. Il giorno in cuiEcdc fa scattare l’allarme alla ripresa dell’infezione, ci arriverà Bozza di nuovo Dpcm, monitoraggio settimanale diIstituto Superiore di Sanità chi segnalerà ilIndice Rt stabile 0.99 e alcune parti del paese sono destinate a stabilirsi zona arancione, il presidente della Conferenza delle Regioni e il suo vice hanno una visione contraddittoria della strategia da adottare a fronte di una ripresa della curva epidemiologica che sta mettendo sotto pressione diverse province per contenere la diffusione del virus.

“Siamo di fronte all’inizio del terza ondata: non possiamo arrenderci adesso, poiché ci impegniamo per accelerare campagna di vaccinazione, essenziale per sconfiggere questo terribile virus ”, dice Bonaccini, ufficializzandolo una realtà – la terza ondata di infezioni – finora menzionata solo da Guido Bertolaso. L’esponente dem, quello solo tre giorni fa ha definito “ragionevole” e “buon senso” per riaprire i Ristoranti il sarà almeno nella zona gialla, ora frena e chiede attenzione. E annunciando l’ordinanza che si estende a tutti i comuni della città metropolitana di Bologna altre misure restrittive, “area arancione scuro”, sottolinea che “nella regione di Bologna nelle ultime settimane i casi positivi sono aumentati di quasi il triplo della media nazionale. Il virus viaggia principalmente tra giovani e molto giovane. Anche ricoveri in ospedale e presso terapia intensiva loro crescono. Pertanto, le nuove misure sono essenziali, soprattutto a fronte di varianti del virus che implicano una diffusione più estesa e rapida ”.

READ  Il Bayern Monaco umilia il Barcellona e vola in semifinale: finisce 8-2

Una visione diametralmente opposta a quella di Toti, numero due della Conferenza delle Regioni: “Io ci credo cambio di ritmo e dare al paese un minimo di prospettiva. Parla e basta chiusure diffuse fino a dopo Pasqua senza pensare a tutto quello che le Regioni hanno messo in atto per cambiare il sistema, francamente non mi sembra si tratti di un cambio di passo ”, il commento del Presidente della Liguria sulle nuove misure previste per marzo arrivando dal governo e dal possibile nuovo inasprimento che, con ogni probabilità, non si allenterà fino ad aprile.
“Abbiamo ragionato diversificazione le aree a rischio – sottolinea Toti – riducono la dimensione delle aree anche a livello provinciale e comunale, ha parlato di nuove e nuove regole protocolli di sicurezza per i locali. In breve, penso che ci sia molto da discutere. Se si scoprisse che l’unica strategia del nuovo governo è quella di chiusure generali come con il vecchio esecutivo, francamente penso che sarebbe un delusione per molte categorie “.

Tuttavia, l’accelerazione delle infezioni è impressionante e non riguarda solo le nuove aree rosse o arancioni scure. Io sono diverso su Regioni che, tenendo conto dell’andamento della curva, da lunedì 1 marzo – d’ora in poi le ordinanze non entreranno più in vigore domenica ma ad inizio settimana – rischiano di spostarsi dalla zona gialla a quella arancione: è Piemonte, Lombardia e Mercato. Durante Campania ed Emilia romagna possono finire in rosso. “La situazione del contagio non è buona”, ha ammonito il presidente Vincenzo De Luca annunciando “notizie” sulla scuola. La decisione sarà presa oggi dal ministro della Salute Roberto Speranza dopo il monitoraggio settimanale della ISS.

READ  Coronavirus Toscana, dati dall'11 settembre. Nuovi casi in aumento: +147 - Cronico

Nel frattempo, però, la Conferenza delle Regioni ha chiesto al governo di accelerare revisione dei criteri e dei impostazioni che sono alla base della definizione della colorazione delle diverse fasce di rischio: “Abbiamo chiesto che ciò avvenga nelle prossime ore – ha detto Bonaccini – e che questo lavoro venga completato nei prossimi giorni. Il governo si è poi impegnato a garantire la comunicazione dei provvedimenti a inizio settimana e non più, come è avvenuto finora, nel fine settimana: è quanto avevamo chiesto per consentire ai cittadini e alle imprese di conoscere i provvedimenti per tempo e per organizzarsi. ”Sebbene il ministro Mariastella Gelmini ha avvertito che nel prossimo Dpcm le impostazioni rimarranno le stesse. “Abbiamo poi apprezzato – ha spiegato il Presidente della Conferenza delle Regioni – l’impegno di una più stretta concomitanza tra misure restrittive e azioni per indennità e indennità. Positiva anche l’intenzione espressa dai ministri Gelmini e Speranza prolungare il ristoro anche quando vengono introdotte restrizioni con ordinanze regionali prese d’intesa con il ministero della salute. Su questo punto – che chiedevamo da tempo – attendiamo però anche una risposta positiva dal Ministero dell’Economia ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *