Covid in Gran Bretagna, nuovo picco di casi: riapertura rinviata – Corriere.it

Un mese di distanziamento sociale e più controlli. La Gran Bretagna pensa giornalista la riapertura – che era previsto per il 21 giugno – secondo fonti governative riportate al quotidiano britannico Custode.

La notizia arriva come casi di contagio da coronavirus in Inghilterra aumentano.

E lo stanno facendo a un ritmo più veloce rispetto a questo inverno, riporta ancora il quotidiano britannico. In vista dell’annuncio che il Presidente del Consiglio dovrebbe dare lunedì, Questo fine settimana era previsto un incontro tra Boris Johnson e tre massimi ministri: il Cancelliere, Rishi Sunak; il ministro del governo Michael Gove; e il segretario alla salute Matt Hancock.

Sebbene non sia stata presa una decisione definitiva, è probabile che sarà necessario un ritardo di “due-quattro settimane”, quando gli scienziati stanno già parlando di nuovo di “picco”.

Le nuove infezioni giornaliere ora aumentano dal 3% al 6% in tutta l’Inghilterra, secondo i dati diffusi venerdì, che indicano un tasso di crescita che non si vedeva da quando i casi hanno iniziato ad aumentare alla fine dello scorso anno. L’ondata è alimentata dai casi nel Nord Ovest, dove il tasso di crescita giornaliero ha raggiunto l’8%, e da Londra e nell’est dell’Inghilterra, dove l’epidemia sta crescendo tra il 2% e il 6%.

Alla luce di questi dati, la British Medical Association ha esortato il governo a ritardare il previsto allentamento delle restrizioni”La migliore protezione vaccinale si ottiene solo circa due settimane dopo la seconda dose, soprattutto con la variante Delta, e non avremo abbastanza popolazione sufficientemente protetta entro il 21 giugno “, ha affermato il presidente della BMA, il dott. Chaand Nagpaul.

READ  Juventus, Pirlo si fa già sentire: la sua richiesta alla dirigenza

Venerdì 11 giugno nel Regno Unito sono stati segnalati 8.125 altri casi di Covid, livelli che non si vedevano dalla fine di febbraio.

Il ruolo della variante Delta

Quello che preoccupa è la variante “indiana”, recentemente ribattezzata “Delta”.

Oltre il 90% dei nuovi casi di coronavirus riscontrati in Gran Bretagna appartiene a questa mutazione virale
. Le autorità sanitarie britanniche lo segnalano segnalando che nel Regno Unito sono stati diagnosticati 42.323 casi della variante Covid-19 segnalati per la prima volta in India. Si tratta di un aumento di 29.892 casi rispetto a una settimana fa, secondo i dati del sistema sanitario del Regno Unito.

La variante Delta è riconosciuta come avente un rischio di trasmissione maggiore del 60% rispetto alla variante “Alfa” riportata per la prima volta nel Kent e nota anche come “variante inglese”.

Preparazione delle seconde dosi

Il ritardo nella riapertura dovrebbe far risparmiare tempo nella misurazione dell’impatto delle infezioni sui ricoveri e sulla somministrazione la seconda dose di vaccino: come indicato a fine maggioinfatti, la variante “indiana” si diffonde con particolare intensità tra i non vaccinati e i vaccinati monodose.

Come affermato in a studi recenti di Public Health England, infatti, i vaccini Pfizer-BioNTech e AstraZeneca contro il Covid-19 sono “molto efficaci” contro la malattia sintomatica causata da variante indiana (B.1.617.2), ma solo dopo la somministrazione della seconda dose. Una singola dose di entrambi i prodotti offre una protezione abbastanza limitata: solo il 33% contro la variante indiana contro il 50% di efficacia contro la variante inglese. Con il’inoculazione di entrambe le dosiil livello di protezione è invece elevato e simile di fronte alle due mutazioni.

READ  Positivi in ​​fuga dai test per evitare la quarantena e andare in vacanza

I parlamentari conservatori che erano ottimisti sulla prospettiva del 21 giugno all’inizio della settimana ora dicono di essere pessimisti. Una fonte di Whitehall ha spiegato a Custode che il ritardo “fornirebbe una protezione aggiuntiva a gran parte della popolazione”, poiché l’efficacia del vaccino variante Delta scende dal 33% alla prima dose a circa l’80% alla seconda.

“Con il ritardo, un numero significativo di persone potrebbe evitare di finire in ospedale”, Ha aggiunto. Un’altra fonte ha sottolineato l’importanza di garantire che tutte le persone con più di 50 anni e coloro che sono clinicamente vulnerabili debbano essere vaccinate. E nessuna smentita è ancora arrivata dal numero 10 di Downing Street.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *