Covid, professore di infermieristica: “Ecco perché non mi vaccinerò”

Filippo Festini, professore di infermieristica all’Università di Firenze, si è ritrovato sulla stampa nazionale per aver espresso pensieri di buon senso. In questo post, pubblicato poche ore fa sul suo profilo Fecebook, fornisce la versione autentica del suo ragionamento sui vaccini e invia un messaggio al mondo dell’informazione:

“Una premessa per chi vuole prendere questo post (che a differenza di quelli pubblicati in modo improprio, lo lascerò pubblico) per commenti o per fare articoli. Amo tutte le critiche fondate e infondate ma non tollero insulti e la presa in giro di me. In particolare, avverto coloro che si avvicineranno anche al mio nome indirettamente e in modo suggestivo con i termini NO-VAX, ANTI-VAX, NEGOTIONISTA e altri di uguale significato. Questi sono insulti sanguinosi alla mia integrità e che li userò può già contare sulla mia sperimentazione Chi ha usato questi termini per definirmi ha ancora tempo per cambiarli.

Per chi ha letto gli articoli di Bocci e Carratu sulla Repubblica – tratti da altri giornali senza chiedermi conferme o smentite – e che è curioso di avere informazioni che non sono state, diciamo, filtrate “. “dai due giornalisti. – Entrambi si sono dimenticati di dire che il motivo principale per cui non mi farò vaccinare è che nel 1995 ho avuto una grave malattia neurologica – che purtroppo si è risolta dopo circa 6 mesi – a seguito del vaccino contro influenza in quella stagione. I medici mi hanno detto di evitare future vaccinazioni. – Entrambi “si sono” dimenticati “di dire che non mi hanno mai intervistato, che non ho fatto dichiarazioni pubbliche ma che hanno costruito gli articoli sui messaggi PRIVATI non destinati alla distribuzione pubblica e quindi hanno ha utilizzato un linguaggio non accademico e riservato e concetti di presentazione complessi in un modo molto semplificato per l’uso da parte degli amici.

READ  Saturn's Storm Hunt

Sono davvero sconvolto da questo modo di fare giornalismo – anche se alcuni vorrebbero chiamarmi un centesimo, purtroppo per loro non lo sono. Se così fosse, ciò non spiegherebbe perché sono stato volontario per Covid Samples a casa e in uno dei servizi drive-thru in Toscana per molti mesi. Non ho espresso alcuna critica a “Il Vaccino”: ho richiamato l’attenzione su alcuni aspetti dell’attenzione riguardanti “uno” vaccino, utilizzando dati ufficiali.

Questi dati indicano che mentre la riduzione del rischio relativo determinata da questo specifico vaccino è infatti del 95%, la riduzione del rischio assoluto è piccola, intorno allo 0,8%. Fu la presentazione di questa evidenza statistica a dare il via alla caccia alle streghe, quasi fosse un tabù da non menzionare mai. Perché è piccolo? Proprio perché il rischio di partenza è già molto basso. E su questo dobbiamo riflettere. Non sono l’unico nel mondo accademico a pensare in questo modo: https://blogs.bmj.com/…/peter-doshi-pfizer-and…/

Quando si assumono farmaci, il rapporto costi / benefici deve essere valutato con estrema cautela, soprattutto quando si pianifica una somministrazione di massa. Nel caso di specie, forse per l’emotività, non c’è non ha avuto una discussione seria e approfondita su questo aspetto fondamentale, dandolo per scontato. che i benefici sono talmente superiori ai costi (ovviamente intendo innanzitutto i costi sanitari) di cui non vale la pena parlare. Sarebbe abbastanza appropriato.

Lo studio alla base del Comirnaty non è ancora completo. Delle 44.000 assunte, solo 36.600 hanno ad oggi portato a termine le 2 amministrazioni previste dal protocollo. In altre parole, l’uso del vaccino è stato autorizzato sulla base dell’80% dei dati. Il 20% mancante – e che verrà dopo – ha il potenziale per determinare una cifra finale completamente diversa, ad esempio per dimostrare l’inefficacia del trattamento. Il Comirnaty, quindi, è a tutti gli effetti ancora in uno stato sperimentale. Occorre quindi cautela.

READ  Cosa rivela la nostra composizione? Lo spiega la psicologia del trucco

Il tempo di osservazione sui soggetti sottoposti all’esperimento è eccezionalmente breve. I soggetti vaccinati e non vaccinati sono circa 18.000. L’osservazione complessiva per ogni gruppo è stata di circa 2.200 anni / paziente, che equivale a 803mila giorni / paziente. Ciascun paziente è stato quindi osservato in media per circa 45 giorni dopo l’inoculazione. Ne consegue che qualsiasi reclamo relativo a questo vaccino (tossicità, effetti avversi, durata della copertura) non può superare l’orizzonte temporale di circa 45 giorni.

La tossicità nell’uomo (che di solito viene eseguita nella fase 1) non è stata valutata ma solo nei ratti. La cancerogenicità, d’altra parte, non è stata nemmeno valutata nei ratti. Il vaccino non può essere somministrato a bambini di età inferiore a 12 anni. Per i soggetti di età superiore ai 75 anni, l’intervallo di confidenza statistico per l’efficacia varia da -13% a 100%, cioè non è statisticamente significativo; ciò significa che non può essere considerato efficace su persone di età superiore ai 75 anni. Quindi, fino a prova contraria, dovrebbe essere considerato inefficace in questa fascia di età. Nell’intervallo da 64 a 75 anni, l’intervallo di confidenza è molto ampio (dal 53% al 99,8%) e questo significa incertezza. È accettato che l’efficienza effettiva sia anche leggermente superiore al 50%. È solo nella fascia di età 16-64 anni che l’efficacia ha un intervallo accettabile. Sorge quindi la domanda se un vaccino che non può essere somministrato ai bambini, che non è efficace negli anziani e la cui efficacia è alquanto incerta nei 64-75 anni sia realmente pratico.

Questo e solo quello è quello che ho da dire. E se qualcuno trova quello che ho scritto una bestemmia da bruciare sul rogo, il problema è loro, non mio. Il dubbio, la critica, il continuo interrogarsi sono l’essenza della scienza, che la fa progredire. Chiunque presenti la scienza come verità granitica si sbaglia; soprattutto in ambito biomedicale, dove ogni affermazione deve essere sempre fatta in termini di probabilità e non di certezza.

READ  Il rover ExoMars si unisce alla piattaforma

Un monito a chi vuole prendere le mie parole e farne un articolo: le critiche sulla sostanza mi rendono felice (se ho la possibilità di rispondere), ma non tollero attacchi personali. Ho la semplice lamentela e i mezzi per fare quanto necessario. In particolare, troverei particolarmente grave e offensivo essere accostato in qualche modo al termine diniego, in quanto l’unica cosa che nego è la buona fede, l’onestà intellettuale e l’obiettività di certi giornalisti. “

4.2
6
voti

Nota messaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *