Covid, una mutazione potrebbe aver reso il coronavirus più contagioso

La mutazione del coronavirus potrebbe aver aumentato la contagiosità, secondo un nuovo studio







Una mutazione di SARS-CoV-2, chiama D614G, potrebbe aver aumentato il contagiosità del coronavirus. Questa ipotesi è il risultato di uno studio, pubblicato sulla rivista ‘mBIO’, condotto da un gruppo di scienziati delUniversità del Texas ad Austin e nel Ospedale metodista di Houston. Lo studio, come riportato da “Agi”, ha coinvolto più di 5.000 pazienti.

Gli scienziati ne hanno trovato uno Mappa 3D delle mutazioni della proteina Spike. Ciò ha permesso di misurare la stabilità della proteina e di osservare come avviene il legame tra il recettore della cellula ospite e gli anticorpi neutralizzanti.

Ilya finkelstein, dell’Università del Texas ad Austin, ha affermato: “Il virus accumula mutazioni genetiche e D614G potrebbe averlo reso più contagioso. L’agente patogeno muta a causa di una combinazione di deriva neutra, il che significa cambiamenti casuali che non danneggiano il virus o sollecitano il sistema immunitario. “

Il team ha condotto il più ampio studio peer-reviewed sulle sequenze del genoma di SARS-CoV-2 in un’area metropolitana negli Stati Uniti d’America.

Ilya Finkelstein ha aggiunto: “Nell’ondata iniziale della pandemia, il 71% dei nuovi coronavirus presentava questa mutazione, mentre con la seconda ondata la prevalenza ha raggiunto il 99,9% dei pazienti. Questa è una tendenza osservata in tutto il mondo ”.

Come riportato da “Agi”, uno studio pubblicato a luglio, in cui sono state osservate più di 28.000 sequenze genomiche, ha scoperto che le varianti con la mutazione D614G sono diventate dominanti a livello globale entro un mese. Un altro lavoro, condotto su più di 25.000 sequenze genomiche nel Regno Unito, ha scoperto che i virus portatori della mutazione D614G tendono a diffondersi più velocemente di quelli inizialmente diffusi e che la variazione genetica sembra essere associata a gruppi di infezione più importante.

READ  Caterina Pistarini: "Covid è un fattore aggravante anche nei pazienti neurologici"

Esperimenti di laboratorio hanno dimostrato che la variante sembra essere in grado di sfuggire più facilmente al sistema immunitario. Ilya Finkelstein ha spiegato: “Non è ancora chiaro se ciò si traduca o meno in una maggiore trasmissibilità tra individui.. Saranno necessari ulteriori studi per rispondere a queste domande. La buona notizia è che è un file mutazione che non sembra peggiorare le condizioni dei pazienti infetti“.



VIRGILIO NEWS | 02/11/2020 19:59




Fonte foto: Ansa

Covid: luoghi super diffondenti dove il contagio è a rischio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *