Covid, vaccino Ema: “Aperto anche a russi e cinesi” – Estero

Roma, 16 gennaio 2021 – Vaccino Covid nel contagocce? Consegne inferiori del vaccino Pfizer in Europa, che ha così esasperato il commissario Arcuri, a livello europeo ha portato l’EMA ad ampliare il proprio punto di vista sugli altri vaccini in preparazione.

“Stiamo lavorando al vaccino Johnson e Jonhnson, che al momento è il più avanzato, ma ci sono anche altri vaccini per i quali abbiamo avviato un dialogo e siamo pronti per avviare le procedure ”, ha detto ai microfoni SkyTg24 Marco Cavaleri, responsabile di Strategia di vaccinazione Ema.
Insomma, dobbiamo guardare a 360 gradi. “Siamo anche in contatto con gli sviluppatori di Vaccini russi e cinesi – continua Cavaleri – siamo aperti anche a confrontarci con loro per vedere se ci sono margini e se c’è interesse per un’autorizzazione europea. Siamo assolutamente aperto“.

Per Johnson & Johnson, “se i risultati dello studio clinico sono positivi – spiega Cavaleri – e disponibili in tempi rapidi, è possibile farsi un’opinione già alla fine di febbraio-marzo“. Per l’italiano ReiThera, “abbiamo avuto dialoghi iniziali e non vediamo l’ora di vedere nuovi dati: siamo interessati a continuare con questo vaccino che è interessante”.

Per quanto riguarda il vaccino atteso ok AstraZenicaCavaleri risponde alla domanda: “Penso che sia molto difficile arrivare prima del 29 gennaio, che è una data possibile ma non certa. E prosegue: “Stiamo lavorando per raggiungere l’obiettivo quel giorno – assicura – Sono molti i dati che stiamo valutando in questo momento che ci arrivano dall’azienda. L’importante è che chiariamo tutta una serie di aspetti legati soprattutto agli studi clinici. Siamo convinti che possiamo restare in questi tempi ”.

READ  Il professor Paolo Bariani è stato trovato morto nella sua casa di montagna

La seconda dose di Pfizer

Quanto alla seconda dose del vaccino Pfizer, che alcuni Paesi hanno deciso di posticipare per coprire la popolazione massima, Cavaleri precisa: “Dal foglietto illustrativo la seconda dose del vaccino Pfizer deve essere somministrato dopo tre settimane: ovviamente se lo fai qualche giorno dopo non c’è problema e tutti i paesi europei sono orientati a dare una certa flessibilità in questa direzione ma è importante che la seconda dose venga somministrata il più vicino possibile a queste tre settimane . Più aspetti, più rischi c’è che il soggetto non venga tutelato ”.

La rabbia dell’Europa contro la Pfizer

Sei paesi dell’Unione europea lo hanno definito “inaccettabile” decisione di Pfizer per ridurre le spedizioni vaccino anti-Covid nelle prossime settimane. Per il Svezia, Danimarca, Finlandia, Lituania, Lettonia ed Estonia questo rallentamento delle spedizioni di dosi “riduce la credibilità del processo di vaccinazione”. I sei paesi hanno chiesto all’UE di esercitare pressioni sul consorzio Pfizer-BioNTech dopo che la società statunitense ha annunciato un taglio nelle forniture per questioni tecniche legate alla produzione.
Sebbene l’UE non faccia affidamento esclusivamente sulla preparazione di Pfizer per la sua campagna di vaccinazione, dopo aver approvato il Vaccino moderno e stai per dare ok ad AstraZeneca, La decisione di Pfizer ha scosso molti governi europei e i loro programmi.

il Ministero della Salute tedesco ha definito sorprendente e sfortunato l’annuncio di Pfizer, ricordando l’obbligo di fornitura firmato fino a metà febbraio. Da parte sua, il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha detto ieri di essere stato rassicurato dalla direzione del colosso farmaceutico che le consegne del primo trimestre sarebbero state garantite.
Un terzo dei paesi dell’UE ha dichiarato di avere dosi “insufficienti” vaccino. La Lituania ha ricevuto la metà delle dosi di vaccino promesse da Pfizer a metà febbraio. il Belgio dovrebbe ricevere la metà delle dosi entro gennaio. Il Norvegia ha detto che Pfizer ha già tagliato le forniture al paese e sarà necessario utilizzare le scorte di emergenza.

READ  Alfa Romeo lavora per completare il nuovo simulatore - F1 Team - Formula 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *