Cresce l’impazienza per la resistenza dell’Italia al sostegno delle banche in difficoltà

Cresce l’impazienza per la resistenza dell’Italia al sostegno delle banche in difficoltà

Cresce l’impazienza per la resistenza dell’Italia al sostegno delle banche in difficoltà


Foto: ANP

Cresce l’insofferenza all’interno dell’Eurogruppo per il rifiuto dell’Italia di ratificare un trattato sulle banche in difficoltà. Già alla fine del 2020, i paesi della zona euro hanno concordato di utilizzare il fondo di emergenza del MES come rete di sicurezza per le banche europee in fallimento, se necessario. “Rispetto il dibattito italiano, ma è necessario”, ha detto a Stoccolma il presidente dell’Eurogruppo Paschal Donohoe dopo il loro incontro.

Finora, il MES può solo prestare aiuto ai paesi bisognosi, come ha fatto per mantenere a galla la Grecia. Ma in futuro il fondo potrà essere utilizzato anche come linea di credito per la ristrutturazione di banche in difficoltà e per la risoluzione di fallimenti bancari, hanno concordato anni fa i ministri delle finanze dei paesi della zona euro (Eurogruppo). Sono gli azionisti del MES.

Le banche europee hanno istituito a tal fine un gattino, il cosiddetto Single Resolution Fund (SRF). L’intenzione era che dal 2022 il MES potesse aiutare questo SRF con prestiti, se necessario. Da allora tutti i parlamenti nazionali hanno approvato il nuovo trattato MES, ad eccezione dell’Italia. Il Mes è sensibile perché associato alla riduzione obbligatoria del debito in cambio di aiuti.

Il settore bancario della zona euro è stabile grazie a tutte le riforme attuate dopo la crisi finanziaria del 2008, ha affermato Donohoe. Ma il recente crollo di due banche statunitensi e della svizzera Credit Suisse, salvate per un soffio dal fallimento, fa riflettere. Stimolati sui social media, i clienti preoccupati hanno ritirato rapidamente i loro fondi dalle loro banche. “La velocità di questi eventi è stata fondamentale per le nostre discussioni”, ha affermato.

READ  Le possibilità dei giocatori di basket in Coppa del Mondo si oscurano con la sconfitta contro l'Italia

Per il direttore del Mes, Pierre Gramegna, “è importante che entri in vigore al più presto la rete di sicurezza per le banche europee in difficoltà”. Ha detto che ha frequenti consultazioni con il governo italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *