Dal cheto al digiuno: tendenze alimentari di tutti i tempi, ma “in realtà non funzionano”

Dal cheto al digiuno: tendenze alimentari di tutti i tempi, ma “in realtà non funzionano”

“C’è sempre un ideale prevalente di bellezza: che dovremmo tutti rientrare nella stessa immagine”, ha detto a RTL Nieuws la psicologa alimentare Diana van Dijken. Secondo lei, essere grassi è automaticamente associato all’essere malsani, motivo per cui le persone si rivolgono rapidamente alla dieta per perdere chili.

Ciò emerge anche dai dati di Statistics Netherlands. Il 56% degli adulti nei Paesi Bassi ha fatto qualcosa per perdere peso. La dieta è l’opzione più popolare.

Tendenze negli anni

Nel frattempo, le diete vanno e vengono. Nel corso degli anni, siamo passati dalle diete a base di pane e Sonja Bakker alle purificazioni dei succhi e al digiuno intermittente. “Apparentemente, non è né caldo né chic mangiare solo sano”, afferma la dietista Jolande van Teeffelen. “La gente vuole una soluzione rapida, una soluzione rapida.”

E questo desiderio di perdere molto peso il più velocemente possibile può, secondo lei, assumere forme bizzarre. “Ci sono persone che mangiano solo alimenti per bambini”, dice Van Teeffelen. Anche le diete folli sono passate in passato. Prendiamo, ad esempio, la dieta Sherry, in cui si mangia metà della dieta normale e si consumano un bicchiere o due di sherry ad ogni pasto.

Secondo Van Teeffelen, il problema con le diete è per lo più unilaterale. Ad esempio, la “dieta ospedaliera” è attualmente popolare. Le persone che seguono questa dieta non mangiano quasi altro che broccoli, riso e pollo. E mentre queste sono tutte cose salutari, la dieta non fa bene. “Se mangi solo mele, neanche questo è salutare.”

carica negativa

Alla fine, le persone a dieta finiscono quasi sempre in un circolo vizioso, afferma lo psicologo nutrizionista Van Dijken. “All’inizio va come un treno”, spiega. Tuttavia, secondo lei, la realtà è che gran parte delle persone che perdono peso lo riprendono.

READ  Khalid Kasem fornisce aggiornamenti sullo stato di salute di Abdelhak Nouri

E non aiuta la tua immagine di te stesso, lei lo sa. “Presumiamo che dipenda da noi. Non siamo durati.” E poiché il regime funziona secondo gli altri, le persone dubitano rapidamente di se stesse.

Cultura della dieta

“Finché la salute è legata al peso e all’ideale di bellezza, si mantiene la cultura del cibo”, afferma Van Dijken. E questo, dice, inizia in tenera età. Ad esempio, le ragazze dagli 8 ai 9 anni a volte temono di essere troppo grasse, “perché l’ha detto il medico scolastico”.

“Fin dall’infanzia, abbiamo sentito dire che essere grassi non è accettabile”, spiega. E se la società ti dice costantemente che non sei sano, secondo Van Dijken, è difficile accettare il tuo corpo così com’è. Ad esempio, ha clienti che non sono affatto grassi, ma hanno così paura di ingrassare che provano tutti i tipi di diete.

Di conseguenza, dice, molte persone sviluppano anche un rapporto disturbato con il cibo e, in casi estremi, anche un disturbo alimentare. “Ne sono contenti per anni e talvolta per il resto della loro vita. E avrebbe potuto essere evitato se avessero appena sentito: stai bene così come sei.”

Social networks

Anche i social media giocano un ruolo in questo senso. Dove in passato le riviste erano piene soprattutto di corpi “perfetti”, oggi te lo trovi di fronte in un click. “È pieno di immagini perfette. Spesso ritoccate”, afferma Van Dijken. “Se sei più grande o ti discosti dalla norma, è davvero difficile presumere che tu stia bene.”

Tuttavia, secondo lo psicologo nutrizionista, i social media possono essere usati anche a fin di bene. In questo modo puoi seguire hashtag come #bodypositivity e una varietà di persone. “Quindi ottieni un’immagine completamente diversa di come appare la società.” Van Dijken sottolinea che se tutti mangiassero la stessa cosa e si esercitassero la stessa quantità, tutti sembrerebbero comunque completamente diversi.

READ  È vero che il calabrone secondo la fisica non poteva volare?

Secondo lei, perdere peso per la salute è troppo miope. “Le persone non sono solo più sane perché perdono peso, ma a causa dell’intero comportamento salutare”. Alla fine, è solo importante fare abbastanza esercizio fisico e seguire una dieta variata. “Semplicemente non sembriamo tutti uguali. Punto.”

non sempre sicuro

Esistono molte diete diverse, dal cheto ai frullati. E oltre al fatto che ogni dieta funziona in modo diverso per ogni persona, ci sono anche diete che arrivano anche con avvertimenti.

  • Nel 2016, il Nutrition Center ha messo in guardia contro la Green Happiness Diet perché potrebbe causare pericolose carenze nutrizionali e danni irreversibili.
  • I medici hanno messo in guardia nel 2019 contro la dieta Gerson. Il metodo avrebbe curato il cancro, ma comportava molti rischi.
  • Nel 2021 c’è stato un avvertimento sulle pillole dimagranti potenzialmente letali. L’autorità olandese per la sicurezza alimentare e dei prodotti di consumo si è quindi preoccupata per le pillole contenenti la sostanza pericolosa DNP, poiché vi era il rischio di eruzioni cutanee, cataratta e conseguenze per il cuore e i vasi sanguigni.

Il fatto è che molte diete non sono scientificamente fondate. Anche sito collettivo Seleziona la tua dieta sottolinea questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *