Telescopio James Webb già danneggiato |  All’estero

Telescopio James Webb già danneggiato | All’estero

Nella quasi totalità dei casi, il danno è tale da non mettere in pericolo il funzionamento del telescopio spaziale. La NASA regola leggermente i dati che trasmettono gli specchi interessati, in modo che non vi sia alcuna influenza sulle osservazioni. Un impatto, d’altra parte, è stato tale che il telescopio è diventato una frazione meno precisa. Tuttavia, il dispositivo funziona ancora meglio del previsto.

Inoltre, tali impatti erano previsti, sebbene la NASA ora dubiti che i calcoli delle probabilità siano corretti. “Potrebbe essere uno sfortunato impatto precoce di una micrometeorite ad alta velocità, che si verifica solo una volta ogni pochi anni, oppure potrebbe essere che il telescopio è più suscettibile ai danni delle micrometeoriti di quanto fosse stato calcolato prima del lancio”, ha affermato lo spazio. agenzia in un comunicato stampa.

Una foto di una stella morente scattata dal telescopio spaziale James Webb.

Una foto di una stella morente scattata dal telescopio spaziale James Webb.

La NASA ora riesaminerà come ridurre il rischio di micrometeoriti. Questo può aiutare, ad esempio, a far sì che il telescopio spaziale guardi meno spesso nella direzione da cui proviene solitamente.

Nonostante gli impatti, il James Webb Space Telescope può continuare a scattare foto, come questa della Nebulosa Stella Carina.

Nonostante gli impatti, il James Webb Space Telescope può continuare a scattare foto, come questa della Nebulosa Stella Carina.

Le micrometeoriti sono minuscole particelle di polvere di appena un millesimo di millimetro, che possono causare un bel po’ di danni a causa della loro alta velocità.

READ  Coronavirus, CTS: "Servono misure più severe con le scuole chiuse". E suggerisce la zona rossa automatica se l'incidenza dei casi aumenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *