Dalla Thailandia, il pollo potrebbe conquistare il mondo

Dalla Thailandia, il pollo potrebbe conquistare il mondo

Sulla Terra vivono circa trenta miliardi di polli. Questo rende questo uccello incapace di volare, gustoso e oviparo l’animale domestico più numeroso, forse dopo l’ape. E due nuovi studi ora mostrano che il successo digitale di Gallus gallus domestico iniziò oltre 3.000 anni fa in Thailandia, quando le persone iniziarono a coltivare il riso. Ciò ha attirato gruppi di uccelli acquatici rossi (Gallus gallus spadiceus) che in precedenza vivevano solo nelle foreste di bambù.

Frugando tra le risaie abbandonate e beccando i chicchi di grano nei villaggi stessi, tra maiali e cani, questi polli si trasformano in esseri umani e viceversa. A causa dell’abbondanza di cibo, le galline iniziarono a deporre più uova e i galli persero la loro spinta territoriale.

Dalla Thailandia, questo pollo domestico si è diffuso abbastanza rapidamente in Cina e India, e un po’ più lentamente – con la coltivazione del riso – nel resto dell’Asia, Medio Oriente e Africa. In Europa, il pollo fu diffuso dal Mediterraneo da commercianti greci e fenici intorno al 500 a.C.

Ossa molto vecchie non di polli

Fino ad ora, si pensava spesso che i polli fossero stati addomesticati in Cina migliaia di anni prima o in India circa 4000 anni fa. Gli studi genetici sono inconcludenti: questo mostra che il pollo domestico discendesse dagli uccelli acquatici rossi e che gli antenati del pollo domestico si separassero dalle odierne popolazioni di uccelli acquatici tra 12.000 e 6.000 anni fa, ma ciò non significa che la separazione sia stata causata direttamente dall’addomesticamento. Ma in ogni caso, le antiche “ossa di pollo” provenienti dalla Cina provengono quasi sicuramente da fagiani e le ossa provenienti dall’India provengono probabilmente da altre specie di polli selvatici.

READ  Questo vivaio colorato è un terreno fertile per le stelle

Tutto questo emerge da due approfondimenti di questa settimana in PNAS e dentro anticoa cui hanno collaborato anche alcuni degli stessi ricercatori. Gli autori in PNASha esaminato quasi tutte le prove archeologiche dei primi allevamenti di polli (oltre 600 scavi in ​​89 paesi), nonché possibili immagini e prove scritte.

In antico Questa settimana, un grande gruppo di ricerca, per lo più britannico, riferisce sulla precisa datazione C14 di 23 ossa di pollo provenienti da scavi europei. Queste date confermano un antico sospetto degli archeologi: le ossa di pollo “migrano” facilmente tra gli strati sedimentari e quindi non vanno datate in base allo strato di terreno in cui si trovano. La datazione di solo cinque delle 23 ossa è risultata coerente con la datazione del loro affioramento. Ossa della Bulgaria che si dice risalgano alla tarda età della pietra, ossa greche dell'”età del bronzo” e ossa del Marocco di “2700 anni”: si sono rivelate tutte moderne o al massimo medievali. E ciò che colpisce anche: i primi cento anni dopo la loro comparsa in Europa, non ci sono tracce di macellazione sulle ossa e gli animali sono spesso relativamente vecchi quando muoiono.

Tengono questi animali per il loro divertimento e piacere

Giulio Cesare in De Bello Gallico

Secondo i ricercatori, queste sono chiare indicazioni che i polli fossero inizialmente usati come status symbol: animali esotici provenienti da terre lontane, come segno della potente rete del proprietario. Un’osservazione del generale romano Giulio Cesare nel suo Da Bello Gallico (c. 50 aC) indica anche questo, secondo gli archeologi. Secondo Caesar, gli inglesi consideravano il consumo di lepri, oche e polli un tabù divino. “Mantengono questi animali per l’intrattenimento e il divertimento.”

READ  Linguista: "L'integrazione dei frisoni potrebbe essere migliore"

Per coincidenza, anche l’archeologo olandese Jorrit Kelder (Università di Oxford) ha appreso questa settimana che la sua analisi dell’ascesa del Gallus gallus domestico in Medio Oriente che sarà pubblicato entro la fine dell’anno in Archeologia mediterranea† In questo articolo arriva a conclusioni diverse, dice Kelder al telefono. Il pollo è stato in Medio Oriente e nel Mediterraneo molto prima, pensa Kelder. “Vedo chiare indicazioni nelle immagini della Grecia minoica del 1800 a.C. Anche in Egitto si possono trovare immagini abbastanza convincenti di polli del 1600 a.C. E testi assiri sul canto dei galli, risalenti al 700 a.C. circa. Secondo Kelder, probabilmente risalgono al passato a tradizioni molto più antiche. Tuttavia, Kelder elogia la nuova ricerca: “Super utile e super importante che tutte queste date archeologiche siano ora tutte in ordine, finalmente! Tuttavia, sostengo l’importanza di altre fonti, come le immagini. Questi post non sono la fine di una discussione, ma l’inizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *