Dati preoccupanti sulla salute mentale dei giovani: “Solo il dieci per cento osa chiedere aiuto”

La necessità di lavorare sul benessere mentale dei giovani non è mai stata così grande. La ricerca regionale di Kzitermee.be mostra con cifre preoccupanti che le cose non stanno andando bene con i nostri giovani nel sud-ovest fiammingo.

Non meno di 2.165 partecipanti, tra cui 1.315 ragazze e 819 ragazzi, hanno fatto sentire la loro voce. Ad esempio, da 1 su 4 a 5 giovani indicano una bassa soddisfazione di vita e danno un punteggio medio di 2,95/5 per il loro benessere mentale.

Questo studio è stato un’iniziativa di Logo (consultazione sanitaria locale) Leieland con il supporto della ricerca di Howest (gruppo di ricerca di scienze della salute applicata).

Aumenta la domanda di sostegno ai giovani

“Ci sono vari sviluppi e tendenze sociali che hanno un impatto sulla salute mentale dei giovani e aumentano la domanda di assistenza e supporto per i giovani. Ad esempio, l’aumento della pressione sulle prestazioni, le aspettative sociali, la crescente disuguaglianza di opportunità e la crisi della corona sono sfide importanti. »

“In collaborazione con la regione, Kzitermee.be vuole lavorare per un felice sud-ovest delle Fiandre, dove i giovani si sentono bene, possono essere se stessi e sono ben circondati. Una missione a cui tutti possiamo contribuire”, ha affermato Jeremie Vaneeckhout, Presidente di Logo Leieland.

Supporto ambientale

Il sostegno dell’ambiente circostante è descritto dai giovani come importante. I giovani vanno principalmente dai loro genitori e amici quando stanno attraversando un periodo difficile. Inoltre, l’indagine mostra che molti giovani hanno dei dubbi o non osano rivolgersi a un’organizzazione umanitaria.

Solo il 10% dei giovani intervistati dichiara che farebbe il passo per chiedere aiuto, il 43% è dubbioso e il 46% no. Poiché la soglia per molti giovani di contattare un’organizzazione è alta, il progetto Kzitermee.be farà uno sforzo in più per fornire all’ambiente circostante (amici, genitori, insegnanti, …) strumenti per discutere i problemi e rompere il tabù. .

READ  L'oggetto conosciuto più distante nel sistema solare è stato appena confermato

“Vogliamo farlo aiutandoli a individuare i segnali. Ciò riguarda cambiamenti nel comportamento, come non essere in grado di concentrarsi, dormire meno bene o posticipare i compiti, e cambiamenti nelle emozioni come avere meno voglia di fare le cose, avere meno energia e preoccuparsi “, spiega Laurence Platteau, operatore di prevenzione locale presso Logo Leiland. .

offrire

L’indagine ha anche individuato le offerte che ancora mancano ai giovani nella loro città. Ciò dimostra che 1 giovane partecipante su 3 manca principalmente di un luogo di incontro. Dare ai giovani uno spazio sufficiente nello spazio pubblico è quindi anche una delle questioni che emerge dall’indagine. Inoltre, Kzitermee.be sostiene una politica in cui i giovani siano maggiormente coinvolti.

“Possiamo anche concludere dall’indagine che il costo finanziario, il tabù basato sui problemi di salute mentale e la mancanza di conoscenza delle organizzazioni di assistenza sono i principali ostacoli alla ricerca di un aiuto professionale. Inizialmente, Kzitermee.be mira a prevenire i disturbi mentali rafforzando la resilienza dei giovani e rompendo il tabù che circonda la salute mentale.

“Se i giovani sono alle prese con un problema, se ne deve discutere all’interno del social network, ma se il supporto dell’entourage stretto si rivela insufficiente, devono solo trovare la strada per il giusto aiuto”, conclude Laurence.

Le persone che stanno attraversando un momento difficile o conoscono qualcuno che sta attraversando un momento difficile possono visitare il sito web di www.kziterme.be

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.