“Declino senza precedenti” della salute mentale delle ragazze

“Declino senza precedenti” della salute mentale delle ragazze

Lo afferma il rapporto di ricerca Health Behaviour in Schoolaged Children (HBSC), che sarà presentato domani alla regina Máxima. Le ragazze non solo hanno segnalato molti più problemi emotivi nel 2021 rispetto a quattro anni prima, ma anche più problemi comportamentali, iperattività e problemi di attenzione. “C’è motivo di preoccupazione”, afferma il ricercatore capo Gonneke Stevens dell’Università di Utrecht.

Il calo è “probabilmente in gran parte” legato alla crisi del coronavirus. Anche la salute mentale è peggiorata nei ragazzi, ma secondo i ricercatori ciò non è proporzionale all’evoluzione nelle ragazze.

Ricerca internazionale

Dalla prima misurazione nel 2001, l’indagine HBSC è stata condotta ogni quattro anni da ricercatori dell’Università di Utrecht, dell’Istituto Trimbos e dell’Ufficio per la pianificazione sociale e culturale. Si tratta di uno studio internazionale commissionato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) dal 1983 in più di 50 paesi in Europa e Nord America, al fine di avere un’idea del benessere dei giovani.

Per questo studio sono stati seguiti 1800 giovani di età compresa tra 11 e 16 anni.

Secondo Stevens, questi numeri dovrebbero suonare un campanello d’allarme. “Non abbiamo mai visto un aumento così grande dal 2001. Vogliamo inviare il segnale che nel 2021 ci sono davvero molti più problemi emotivi di prima”.

Pressione sulle prestazioni

Oltre ai problemi emotivi, le ragazze sono anche sottoposte a forti pressioni per fare bene a scuola. Mentre nel 2001 il 16% dei giovani dell’istruzione secondaria dichiarava di essere molto sotto pressione a causa del lavoro scolastico, questa cifra è salita al 45% nel 2021.

Sebbene anche i ragazzi siano coinvolti in questi numeri, le ragazze hanno maggiori probabilità di soffrire. “Le prestazioni sono più importanti per le ragazze che per i ragazzi. L’abbiamo sempre visto, ma ora in misura maggiore. Quindi è uno sviluppo più sfavorevole per le ragazze che per i ragazzi”, afferma Stevens.

READ  Cappuccino d'avena? Il latte d'avena non è poi così salutare, secondo TikTok

Sebbene le ragazze siano state colpite più duramente, entrambi i gruppi valutano le loro vite più basse rispetto agli anni precedenti. Espresso in numeri: in media i giovani oggi danno alla propria vita un punteggio di 7,1. Questo numero non è mai stato inferiore a quello del 2021. Negli anni precedenti era un 7,5 e nel 2001 era un 8.

crisi corona

Secondo Stevens, la crisi della corona gioca un ruolo importante in questo. “C’era già una maggiore importanza per le prestazioni, ma a causa della corona, la chiusura delle scuole e gli svantaggi educativi si sono aggiunti a questo. Questa combinazione significa che i giovani hanno iniziato a sentire ancora più pressione a causa dei compiti”.

Il fatto che la crisi della corona ora sembri finita non significa che i problemi siano scomparsi immediatamente, sottolinea Stevens. “Gli svantaggi educativi causati dalla crisi del coronavirus potrebbero essere stati il ​​catalizzatore di uno sviluppo sociale già esistente: la maggiore importanza che i giovani, i loro genitori e la società in generale attribuiscono al rendimento scolastico”.

Il nuovo approccio del Gabinetto

Secondo Stevens, questi risultati sottolineano l’importanza del nuovo approccio del governo (“Salute mentale: per tutti noi”). In questo approccio, verrà prestata particolare attenzione ai giovani con problemi mentali. “Ci aspettiamo che i giovani abbiano bisogno di aiuto e sostegno per affrontare i problemi”.

Oggi, la relazione sarà presentata alla regina Máxima al simposio “Gioventù nel 21° secolo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *