Di conseguenza, molte meno barche di migranti arrivano in Italia dalla Tunisia

Di conseguenza, molte meno barche di migranti arrivano in Italia dalla Tunisia

“Questo è il mese peggiore per la migrazione che ho conosciuto negli ultimi due anni”, ha detto un uomo che si fa chiamare Mamadou tramite WhatsApp. Mamadou, un contrabbandiere guineano che imbarca migranti su barconi diretti in Italia sulla costa tunisina, non lascia partire una sola imbarcazione da tre settimane. “Io e il mio capo controllavamo ogni giorno le condizioni meteorologiche sul nostro telefono, ma c’era troppo vento e le onde erano troppo alte. Quindi non puoi nemmeno sperare che le barche raggiungano l’Italia.

Mamadou, uno pseudonimo, si chiama a coxeur, un termine dell’Africa occidentale per indicare il numero due di una rete di contrabbandieri. Riempie le barche di migranti, mentre il suo capo si occupa delle barche e delle moto, che compra dai tunisini. Il capo determina anche quando possono salpare. Questo non è successo una volta nelle ultime settimane. “Nel frattempo, abbiamo anche dovuto nasconderci dalla polizia, che è venuta in massa da Tunisi per darci la caccia”.

La testimonianza di Mamadou è coerente con una sorprendente nuova tendenza del numero di arrivi in ​​Italia. “Quasi nessun arrivo dalla Tunisia per settimane, il che è molto insolito in questo periodo dell’anno”, ha dichiarato Matteo Villa, esperto di migrazione presso l’Istituto per gli studi di politica internazionale (ISPI), un gruppo di riflessione con sede a Milano. Alla fine di aprile, dalla Tunisia sono arrivati ​​quasi 5.000 migranti in una settimana, dopodiché si è scesi a diverse centinaia e talvolta addirittura a zero migranti in una settimana a maggio.

“Un calo così ripido ricorda le settimane immediatamente successive all’accordo tra l’Italia e le milizie di contrabbando libiche nel luglio 2017”, osserva Villa. Non si sa se sia stato raggiunto un altro accordo, questa volta con la Tunisia. Villa: “Il tempo spiega molte cose, ma sembra che qui stia succedendo di più”.

Migranti morti e dispersi

L’Europa non nasconde la ricerca di un accordo politico con la Tunisia per porre fine all’immigrazione irregolare. L’attenzione politica negli ambienti italiani e europei più ampi è aumentata man mano che la rotta migratoria dalla Tunisia al sud Italia è diventata più popolare negli ultimi anni. Il numero di traversate verso l’Italia è aumentato in cinque anni, passando da 5.200 nel 2017 a 32.371 nel 2022. Questo aumento è continuato a ritmo sostenuto nei primi quattro mesi del 2023. Anche quest’anno si sono verificate decine di naufragi e poche persone sono morte da allora 2017. Il numero di migranti morti e dispersi è già aumentato quest’anno 1.188.

Migranti che volevano raggiungere l’Italia sul ponte di una nave della guardia costiera tunisina
Foto Yassine Mahjoub/SIPA

Il 27 aprile Ylva Johannson, Commissario europeo per le Migrazioni, si è recata a Tunisi per un incontro con i ministri tunisini competenti. Ciò ha portato alla “disponibilità” a cooperare con l’Unione europea contro il traffico di esseri umani. Specifica Johansson ha promesso più supporto alla polizia tunisina, alla guardia costiera e alla giustizia. Un nuovo accordo sulla migrazione, come quello tra l’UE e la Turchia nel marzo 2016, non è stato discusso all’epoca.

READ  Il leader di destra Salvini minaccia di rovesciare il governo italiano | All'estero

Poco dopo la sua visita in Tunisia, il numero di barche in partenza è diminuito così tanto – il numero è stato addirittura pari a zero per settimane – che la guardia costiera tunisina non ha dovuto salpare di nuovo. Anche il numero di attraversamenti dalla Libia è diminuito, ma in modo meno marcato rispetto alla Tunisia.

L’UNHCR, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, vede il maltempo come la ragione principale. Secondo l’UNHCR, la differenza tra gli arrivi dalla Libia e dalla Tunisia è dovuta al fatto che vengono utilizzate altre imbarcazioni. “In Tunisia si usano piccole imbarcazioni, in Libia si usano barche più grandi e più stabili con gruppi più numerosi di persone”, ha detto Federico Fossi, portavoce dell’UNHCR in Italia.

uliveti

Oltre al maltempo, contrabbandieri come Mamadou hanno anche notato che la polizia tunisina ha improvvisamente agito con molta più forza contro di loro. Per anni sono stati in grado di condurre le loro operazioni di contrabbando nei villaggi della costa occidentale della Tunisia praticamente senza ostacoli. Nelle case tra gli uliveti troverai centinaia di migranti in visita a caso pronti per la traversata. “La polizia non ci ha disturbato, tranne che a volte per rubare le nostre cose”, ricorda Mamadou. “Ma all’improvviso sono arrivati ​​agenti dalla capitale, alla ricerca di contrabbandieri, e abbiamo dovuto nasconderci”.

A più di due settimane dalla visita del commissario europeo Johannson, anche il ministro italiano Matteo Piantedosi (Affari interni) ha visitato Tunisi. Piantedosi, apartitico ma vicino alla destra radicale Matteo Salvini, ha parlato il 15 maggio con il suo omologo tunisino Kamel Fekih e con il presidente autocratico Kais Saied. Sotto il suo governo, le condizioni di vita dei migranti neri in Tunisia sono peggiorate drasticamente.

Siamo pronti. Quest’estate sarà il mondiale del contrabbando

Contrabbandiere di esseri umani dalla città costiera tunisina di Sfax

Il presidente Saied incolpa gli africani sub-sahariani per il malessere economico della Tunisia. Ha fomentato l’odio contro di loro, ha parlato di un complotto internazionale per “popolare” la Tunisia e ha promesso un duro giro di vite contro chiunque aiuti i migranti. Dopo il discorso del Presidente, innumerevoli migranti sono stati vittime di cacce all’uomo e deportazioni. Ciò ha spinto ancora più migranti africani sulle barche, diretti in Europa.

Piantedosi non ha parlato delle violenze razziste a Tunisi. Senza gli sforzi tunisini, elogia il ministro italianoin Italia arriverebbero molti più barconi di migranti dall’Africa sub-sahariana.

READ  79 a Roma. Novemila campioni prelevati. Una vittima

Tutto ciò che il ministro italiano poteva promettere a metà maggio, tuttavia, era un addestramento aggiuntivo per gli ufficiali della guardia costiera tunisina e nuove attrezzature, come motovedette e forse anche droni. L’economia tunisina è in rovina. Ma Tunisi non può contare su ingenti aiuti finanziari internazionali. Il Fondo monetario internazionale concederà un prestito alla Tunisia solo a condizione di riforme che il presidente Saied si rifiuta di attuare. E l’Europa sostiene il FMI.

Francia e Germania, che prima parteciperanno a una missione a Tunisi, si arrendono, e Piantedosi parte da solo. Il giornale di destra fortemente filo-governativo Il Giornale suggerito che l’Italia è “di nuovo” delusa in termini di immigrazione.

Avversari politici

Non tutti i Paesi dell’Unione Europea sono entusiasti di un simile possibile accordo con la Tunisia. Paesi Bassi, Austria e Danimarca sono chiari sostenitori di un simile accordo, ma in Belgio e Germania, tra l’altro, c’è meno entusiasmo per un accordo con Kais Saied, che incarcera gli oppositori politici.

L’Italia non ha nemmeno bisogno di un simile nuovo accordo migratorio con la Tunisia, sottolinea l’esperto siciliano in materia di asilo Fulvio Vassallo Paleologo. Tale accordo esiste da dodici anni: nell’aprile 2011, l’allora ministro dell’Interno Roberto Maroni (Lega Nord) ha concluso un accordo con la Tunisia, per “chiudere il rubinetto all’Italia”. Vassallo Paleologo: “Tuttavia, a seconda di quanti soldi il governo italiano spenderà per questo, questo accordo guadagnerà o perderà slancio”.

In Italia il presidente del Consiglio era Silvio Berlusconi, che tre anni prima aveva già firmato un controverso accordo con il dittatore libico Muammar Gheddafi. Parte di questo accordo, per il quale l’Italia ha promesso di pagare a Tripoli 5 miliardi di euro a rate, a condizione che gli italiani potessero rimandare in Libia, un Paese senza alcuna forma di politica di asilo, i boat people che avevano raccolto in alto mare. Anche il ministro della Lega Nord Roberto Maroni, l’uomo dietro l’affare tunisino, era un forte sostenitore di questo accordo libico.

Arresto di barconi di migranti sulla costa tunisina.
Foto Yassine Mahjoub/SIPA

Non solo gli operatori umanitari o gli attivisti per i diritti umani avrebbero protestato. Nel 2012 l’Italia è stata condannata dalla Corte europea dei diritti dell’uomo per aver rispedito in alto mare i boat people, il che non ha impedito a Roma di stringere un altro accordo cinque anni dopo, questa volta in segreto, con le milizie libiche che da allora governano il mondo la caduta di Gheddafi nel 2011. Per inciso, il nuovo accordo sulla Libia non nasce su iniziativa della Lega Nord, allora già nota per le sue rigide posizioni sull’immigrazione, ma del Partito Democratico di Centrosinistra. Nonostante la Libia resti un Paese senza governo centrale e con fazioni e milizie rivali, il ministro Matteo Piantedosi ha ribadito in un comunicato di fine maggio colloquio che continua a perseguire accordi migratori con la Tunisia, la Turchia e le fazioni libiche.

READ  Bielorussia, sanzioni UE contro i responsabili di frodi e violenze. Migliaia di manifestanti rilasciati: denunciati maltrattamenti in carcere

Opinione pubblica

Questo la dice lunga sulla forza con cui l’opinione pubblica in Europa sulle migrazioni si è spostata a destra. I politici europei sanno bene che gli accordi sulla migrazione, anche con leader dittatoriali come Saied in Tunisia o Abdel-Fattah al-Sisi in Egitto, difficilmente provocheranno indignazione tra i loro elettori.

Gli esperti di migrazione descrivono l’effetto di questi accordi come incerto. Gli autocrati possono anche utilizzare la migrazione come strumento di contrattazione con i paesi occidentali.

L’esperto di asilo Vassallo Paleologo avverte anche che una notevole pausa di alcune settimane di per sé dice poco su come andrà il resto dell’estate. Il tempo è di nuovo bello sul Mar Mediterraneo ei contrabbandieri in Tunisia sono pronti.

“Le onde sono calme. Stiamo già inviando le prime barche in mare”, afferma Mamadou. Anche se la polizia intensificherà l’azione e le pattuglie della guardia costiera più spesso, le barche continueranno ad arrivare, prevede. La scorsa settimana sono arrivate a Lampedusa le prime barche dalla Tunisia. Mamadou: “Le persone disperate non sono così facili da fermare”. Concorda un altro contrabbandiere, del porto tunisino di Sfax: “Siamo pronti a ripartire. Quest’estate si svolgerà il campionato mondiale di contrabbando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *