Difficoltà etiche nella cura delle persone con demenza – Dagblad Suriname

Difficoltà etiche nella cura delle persone con demenza – Dagblad Suriname

Secondo l’Alzheimer’s Foundation del Suriname, stanno riposizionando il loro posto nel paese. Kristine Luckham ha detto nel programma televisivo RBN “Kal aaj aur kal” che circa 3.000 persone soffrono di qualche forma di demenza. Secondo lei, la demenza non può ancora essere curata, ma può certamente essere curata.

La demenza è una malattia neurologica progressiva che colpisce le funzioni cognitive, il comportamento e la capacità di svolgere le attività quotidiane.

Il numero di persone affette da demenza sta aumentando in tutto il mondo, portando a sfide etiche nell’assistenza. Attualmente non esiste un trattamento efficace per la demenza, rendendo la cura e il supporto l’intervento più importante.

Prendersi cura delle persone con demenza solleva dilemmi etici come bilanciare sicurezza e libertà, prendere decisioni nel migliore interesse della persona con demenza e soddisfare i bisogni degli altri.

L’Unione Europea ha avviato iniziative e dato priorità al dibattito etico sulla cura delle persone affette da demenza.

Tuttavia, vi è una mancanza di uniformità all’interno del sistema sanitario in Europa. Una rete collaborativa chiamata Ethics in Dementia (EDEM) si è concentrata sulle questioni etiche nella cura delle persone con demenza e mira a sviluppare principi per affrontare questi problemi.

Gli studi sui farmaci per il morbo di Alzheimer in California si concentrano principalmente sugli anziani.

I medici reclutano pazienti per questi studi clinici offrendo test di memoria gratuiti e raccomandazioni personalizzate. L’approvazione di due nuovi farmaci per il morbo di Alzheimer ha alimentato una corsa all’oro nella ricerca farmaceutica.

Tuttavia, ci sono preoccupazioni che i pazienti affetti da demenza possano confondere i reclutatori di studi clinici con cure mediche reali. Molti di questi studi hanno fallito e i farmaci hanno effetti collaterali.

READ  La notizia del 4 gennaio sul Coronavirus

Gli scienziati sostengono che i pazienti comprendano i rischi prima di partecipare a questi studi. Ci sono anche conflitti di interesse finanziari nel reclutamento di pazienti per questi studi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *