“Dittatori e criminali potrebbero depositare miliardi nella banca svizzera Credit Suisse”

Innumerevoli criminali, dittatori e soggetti sanzionati hanno potuto depositare in sicurezza i loro soldi presso la banca svizzera Credit Suisse. È il risultato di Ricerca pubblicata domenica dall’organizzazione internazionale Organized Crime and Corruption Reporting Project (OCCRP) con il titolo “Swiss Secrets”. I giornalisti hanno scoperto un totale di oltre 8 miliardi di dollari (più di 7 miliardi di euro) nei conti bancari di politici e criminali controversi.

Il team OCCRP è riuscito a ottenere documenti da oltre 18.000 conti Credit Suisse. Sono emersi dozzine di nomi di persone con background discutibili. Ad esempio, la famiglia del controverso presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev aveva un conto che è stato utilizzato per acquistare immobili vicino al lago di Ginevra e a Mosca, e la famiglia Guta accusata di frode in Ucraina ha rubato più di 100 milioni di dollari dal conto Credit Switzerland – nelle società di comodo. Il narcotrafficante serbo Rodolfo Radulović avrebbe usato il suo conto in banca per riciclare circa 3,3 milioni di euro.

Gli esperti finanziari che hanno esaminato le loro scoperte per conto dei giornalisti dell’OCCRP hanno affermato che in molti dei casi presentati, Credit Suisse non avrebbe mai dovuto aprire un conto bancario. In effetti, l’origine del denaro depositato era dubbia. Secondo gli attuali ed ex dipendenti della banca, ciò è stato possibile grazie a una cultura del lavoro che privilegia l’assunzione del rischio a scopo di lucro. I banchieri potrebbero ottenere un bonus individuale se portassero clienti facoltosi. Inoltre, i gestori imporrebbero requisiti meno severi sui controlli interni quando si tratta di conti con importi estremamente elevati.

Gestione del rischio

In una risposta, Credit Suisse ha detto ai ricercatori che la gestione del rischio è “al centro della nostra attività”. La banca ha rifiutato di commentare i nomi dei singoli clienti, ma ha affermato che la maggior parte dei conti bancari citati dai ricercatori sono stati chiusi da allora, o che la banca intendeva già chiuderli prima che arrivassero le domande dei giornalisti.

READ  Gli azionisti di Twitter accettano l'acquisizione da parte di Elon Musk | Tecnologia

Si dice che il segreto bancario svizzero sia uno dei motivi per cui è difficile per i dipendenti delle banche e i giornalisti denunciare abusi all’interno delle banche svizzere. Secondo quanto riferito, un gruppo mediatico svizzero si è rifiutato di partecipare all’indagine del Credit Suisse perché temeva possibili conseguenze legali.

Credit Suisse è la seconda banca più grande della Svizzera. Nel La banca è stata anche criticata nel 2014 perché si è saputo che 22.000 correntisti statunitensi sono riusciti a eludere le autorità fiscali. Il CEO di Credit Suisse ha ammesso che la banca si è offerta di aiutare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *