Dopo 68 anni, cala il sipario sull’iconica terrazza Venbergse Molen aan de Dommel

Dopo 68 anni, cala il sipario sull’iconica terrazza Venbergse Molen aan de Dommel

Jack Rietra tocca per l’ultima volta i trapistjes per i suoi clienti questa domenica. Dopo 68 anni di ristorazione con una vivace terrazza al De Dommel, ha lasciato l’azienda di famiglia. Rietra, che ha 68 anni, si sente bene dopo cinquant’anni di lavoro. Inoltre, è completamente stufo di tutte le regole per gestire un’attività di ristorazione. Diventa di nuovo mugnaio, ma solo per hobby.

Foto del profilo di René van Hoof

Subito dopo l’apertura, alle dieci e mezza, i primi ospiti si presentano per una tazza di caffè al sole in riva al mare. Alcuni osano persino fare un trapiste la domenica mattina. Gli escursionisti e i ciclisti che sono stati nell’adiacente riserva naturale De Malpie amano tradizionalmente visitare la terrazza del Venbergse Watermolen.

L’aggiunta di una terrazza e di un ristorante al mulino è nata per necessità. Dopo la seconda guerra mondiale, il mulino non era più in grado di produrre pane secco. Il padre di Jack decise quindi di dedicarsi alla ristorazione. Inizialmente molto modesto. Ma in 68 anni è diventata una delle terrazze più famose di Valkenwaard e della zona circostante.

“Se la food court rimanesse aperta, non avremmo mai pace”.

La grande domanda è: perché non continuare con un nuovo operatore? Rietra è molto chiara su questo. È nato e cresciuto al mulino ad acqua e non vuole più partire: “Continueremo a vivere qui. Se la food court rimanesse aperta, non avremmo mai pace. La destinazione del pranzo rimarrà nell’edificio. Se Rietra si muove, può sempre subentrare un nuovo manager. Ma potrebbero volerci anni.

C’è molto interesse a prendere in consegna la terrazza. Dopo un breve messaggio sul giornale, un giorno si sono iscritte diciassette persone interessate, dice Rietra. Ma da lunedì la terrazza sarà per ora un ricordo del passato: “Oggi verranno rimossi tutti i tavoli e le sedie”, afferma Rietra.

READ  Curatore Spyker: il CEO Muller continua a promettere, ma non paga
Jack per l'ultima volta dietro il rubinetto
Jack per l’ultima volta dietro il rubinetto

Sarà un addio per il mugnaio-ristoratore e sua moglie con un sorriso e una lacrima. I habitué, spesso habitué, rimpiangono anche la fine della famosa terrazza: “Veniamo qui da 65 anni. Quando eravamo ancora giovani e belle, ci andavamo spesso, anche perché avevano tre bellissime figlie”, racconta un cliente che alcuni amici sulla loro bici da corsa vengono a bere una trapiste.

“La fornitura di alcol è diminuita rapidamente.”

Il fatto che la terrazza sia popolare è stato dimostrato da quando è stata resa nota la chiusura. “Le ultime settimane sono state estremamente impegnate, lo stock di bevande è diminuito rapidamente, anche se ho ancora abbastanza birra trappista in magazzino”, afferma Rietra. Il mugnaio restauratore aveva una settimana lavorativa di 100 ore. Aggiungi a ciò che ha anche dolore alle gambe. Motivo sufficiente per prendere finalmente la sua meritata pensione.

Anche il proprietario era strano. Ad esempio, un cartello indica che i cani non sono ammessi sulla terrazza. A molte persone non piace. Ma dopo che un bambino è stato aggredito da un cane sulla terrazza negli anni ’70, questo divieto si applica. I clienti devono anche prendere le proprie bevande. Jack si aspetta che se mai arriverà un nuovo manager, tutto cambierà: “La terrazza diventerà quindi più grande e soprattutto più commerciale.

Il cuore del mulino ad acqua di Venberg
Il cuore del mulino ad acqua di Venberg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *