Dopo riso e caffè, i cambiamenti climatici ora sembrano influenzare anche il nostro ketchup

Dopo riso e caffè, i cambiamenti climatici ora sembrano influenzare anche il nostro ketchup

A causa dell’aumento delle temperature, gli scienziati prevedono che la resa globale dei pomodori trasformati diminuirà di almeno il 6%.

Qual è l’impatto del cambiamento climatico sul nostro cibo? Questa è una domanda che preoccupa molti scienziati. Nel frattempo, sappiamo già che a causa del cambiamento climatico – e del relativo aumento di siccità, ondate di calore e malattie – le rese di riso e caffè potrebbero diminuire drasticamente a lungo termine. Ma ci saranno più vittime, suggerisce un nuovo studio† Perché anche un ramo dell’industria del pomodoro sembra incapace di far fronte all’ulteriore riscaldamento globale.

Pomodori lavorati
A proposito, non devi preoccuparti subito che presto non ci saranno più pomodori sullo scaffale. Tuttavia, i ricercatori devono deludere i fan accaniti di ketchup, salsa per pizza e altri prodotti a base di pomodori trasformati. Uno studio mostra che a causa del previsto aumento delle temperature, la resa dei pomodori trasformati sarà diminuita di almeno il sei per cento entro il 2050. “Questi pomodori vengono coltivati ​​in pieno campo”, afferma Davide Cammarano, direttore della ricerca. “Di conseguenza, non abbiamo alcun controllo sull’ambiente in cui crescono. Ciò rende la produzione vulnerabile ai cambiamenti climatici.

Prodotti a base di pomodoro trasformato
I pomodori trasformati includono i pomodori utilizzati per vari prodotti a base di pomodoro, come ketchup, pomodori secchi, scatole di pomodori pelati, succo di pomodoro e concentrato di pomodoro.

I ricercatori hanno utilizzato cinque modelli climatici per tre diversi scenari che prevedono come l’aumento delle temperature influenzerà i raccolti di pomodoro. Il team si è concentrato sui maggiori paesi produttori di pomodoro al mondo: Stati Uniti, Italia e Cina. Insieme, questi paesi producono circa il 65% di tutti i pomodori utilizzati nei prodotti trasformati a base di pomodoro.

READ  Stati Uniti e Trump-Biden si scontrano sull'immigrazione al confine messicano - ultime notizie

Declino
Sebbene i risultati variassero in misura, gli scenari previsti indicavano tutti un futuro in cui la produzione di pomodoro sarebbe cambiata drasticamente nei prossimi decenni. E purtroppo in senso negativo. Nei prossimi 30-40 anni, i ricercatori prevedono un costante calo dei raccolti, con il raccolto italiano probabilmente il più colpito.

Italia
I risultati mostrano che la California meridionale e l’Italia sperimenteranno carenza d’acqua oltre all’aumento delle temperature. Inoltre, l’Italia si prosciugherà solo nel tempo. “Questa combinazione di temperature più elevate e mancanza di acqua non è di buon auspicio per l’industria italiana del pomodoro nel suo complesso”, afferma Cammarano. “Un numero significativo di industrie di pomodori trasformati è attualmente localizzato in Italia. Dovranno prepararsi per un futuro con una fornitura limitata di pomodori dalle regioni locali. »

Stati Uniti e Cina
Gli Stati Uniti e la Cina dovrebbero fare meglio, principalmente grazie alle regioni settentrionali più fredde. L’aumento della temperatura in queste aree può portare a un aumento della resa. Ad esempio, i ricercatori prevedono che i raccolti di pomodoro aumenteranno costantemente nella provincia di Gansu, nel nord della Cina, e nella vicina Mongolia. Ma anche se la produzione di pomodoro aumenta in queste regioni, la resa prevista è solo una frazione di quella attualmente prodotta in California e in Italia.

Colture speciali
Con il loro studio, i ricercatori mostrano quanto sia importante conoscere anche il futuro di alimenti diversi da riso e caffè. “In realtà sapevamo molto poco dell’impatto del cambiamento climatico sulle colture speciali, come i pomodori trasformati”, ha affermato il ricercatore Dev Niyogi. “E questo mentre questi prodotti a base di pomodoro sono ampiamente consumati in tutto il mondo e sono un’importante fonte di nutrienti”.

READ  Verstappen vince in Italia per la quinta volta consecutiva, De Vries nono all'esordio | ADESSO

Secondo Niyogi, le proiezioni climatiche dello studio sollevano importanti interrogativi sulla futura produzione di pomodori nel mondo. Allo stesso tempo, possono aiutare le aziende agricole e le industrie manifatturiere a prepararsi meglio agli impatti dei cambiamenti climatici. “I risultati del nostro studio potrebbero svolgere un ruolo nelle valutazioni della vulnerabilità”, ha affermato Niyogi. “Potrebbe aiutare le aziende a progettare strategie migliori per il futuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *