dopo tutto, l’esopianeta TRAPPIST-1b non ha atmosfera

dopo tutto, l’esopianeta TRAPPIST-1b non ha atmosfera

Impressione dell’esopianeta TRAPPIST-1b e della sua stella

Notizie ONS

Un esopianeta distante 40 anni luce che si pensava fosse molto simile alla Terra è stato scoperto privo di atmosfera. Questa è l’ultima rivelazione cosmica del James Webb Space Telescope, che ha puntato il suo specchio sulla stella TRAPPIST-1.

Circa sei anni fa sono stati scoperti ben sette pianeti vicino alla stella che prende il nome dal telescopio TRAPPIST, un progetto di origine belga. Forse con oceani pieni d’acqua, gli astronomi hanno esultato nel febbraio 2017. Su alcuni, chissà, la vita potrebbe essere sorta di conseguenza.

Sul pianeta 1b più vicino, che non è così probabile, appare ora. Il pianeta ha sempre lo stesso lato rivolto verso il sole e da quel lato si trova a circa 230 gradi, quindi non c’è atmosfera.

Non era quello che si aspettavano alcuni astronomi. Il pianeta TRAPPIST-1b è molto più vicino alla sua stella della Terra, ma quella stella è molto più debole del nostro sole. Alcuni astronomi in realtà si aspettavano un’atmosfera molto densa, come su Venere.

Impressione dei 7 esopianeti attorno a TRAPPIST-1 del 2017

A quel tempo, l’astronomo Lucas Ellerbroek era molto entusiasta di scoprire il sistema planetario TRAPPIST, quasi una mini-copia del nostro sistema solare. Non è deluso dall’ultima scoperta di James Webb. “Non è molto sorprendente. Il pianeta è leggermente più pesante della Terra, quindi dovrebbe essere in grado di contenere un’atmosfera. Ma nel nostro sistema solare si notano anche grandi differenze, ad esempio tra Venere e la Terra. E per un pianeta così vicino alla sua Non sarei sorpreso se le radiazioni di questa stella influenzassero l’atmosfera. Queste piccole stelle sono molto attive, con esplosioni regolari e fiamme ardenti.

READ  Molto partecipata la riunione del consiglio distrettuale di DuPont e Chemours: PFAS, ricerca sulla salute e l'orto

Sottolinea che ci sono sei esopianeti rimasti intorno alla stella e che TRAPPIST-1d, -1e, -1f e -1g sono contendenti più significativi nella ricerca di pianeti abitabili. “Quindi non sono pessimista, è ancora possibile.”

La scoperta è soprattutto un nuovo trionfo per il James Webb e per il MIRI, uno strumento del telescopio sviluppato in parte nei Paesi Bassi. Non è mai stato possibile studiare la radiazione termica di un pianeta roccioso piccolo come TRAPPIST-1b. Per quanto è successo, erano grandi esopianeti simili a Giove. Ellerbroek: “Una delle promesse di James Webb era che avrebbe potuto studiare l’atmosfera di questi tipi di pianeti. Quella promessa ora è stata mantenuta.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *