Due persone sepolte da una valanga nel nord Italia: un morto, uno disperso |  All’estero

Due persone sepolte da una valanga nel nord Italia: un morto, uno disperso | All’estero

Nel comprensorio sciistico vicino alla città settentrionale italiana di Courmayeur, domenica due donne di 25 anni sono state travolte da una valanga. Una delle vittime è stata districata abbastanza rapidamente, ma i tentativi di rianimazione non hanno avuto successo. L’altro è stato cercato invano fino al calar della notte. Lunedì si cercherà di recuperare il suo corpo.

Due compagni sono riusciti a fuggire dalla massa di neve. Secondo l’agenzia di stampa ANSA, i quattro appassionati di sport invernali provengono dalla Svezia. Avevano lasciato le piste battute della Val Veny quando sono stati sorpresi dalla valanga. L’area con parti a volte molto ripide è popolare tra i cosiddetti freerider.

Nella località sciistica austriaca di Serfaus, una giovane ragazza olandese, Sarah, 20 anni, è stata uccisa venerdì da una valanga. Ha anche sciato nella neve profonda fuori pista. In parte perché non aveva con sé la ricetrasmittente, i soccorritori allarmati sono arrivati ​​troppo tardi.

Ulteriore pericolo di valanghe

Le autorità austriache avvertono di un ulteriore pericolo di valanghe questa settimana. Ciò è dovuto all’aumento delle temperature e al sole che splende sulla neve. All’inizio di questa settimana, un olandese di 28 anni è morto nelle Alpi svizzere. È stato anche preso da una valanga mentre era fuori pista.

Anche gli sciatori olandesi in Austria sono morti all’inizio di questo inverno. Tuttavia, ciò non è accaduto a causa delle valanghe. Il 25 dicembre, una ragazza di 12 anni è stata uccisa schiantandosi contro un albero. Un uomo di 39 anni è morto mentre camminava verso una stazione sciistica. E il giorno di Capodanno, una donna di 28 anni è caduta su un pendio rosso. Più di 100 metri più in basso, si è fermata contro un albero, dopodiché è morta. Lo scorso inverno, anche diversi olandesi sono rimasti gravemente feriti nella neve.

READ  I segni più tossici dell'oroscopo: la classifica di oggi

Secondo il portavoce Arjen de Graaf dell’Associazione olandese di sci (NSV), quest’inverno non sono morti più sciatori olandesi che negli altri anni. “Non ne teniamo traccia esattamente, ma non abbiamo quell’immagine. Ogni anno nelle Alpi si verificano molti incidenti. Solo le valanghe uccidono da 80 a 100 sciatori ogni anno. A questo vanno aggiunti gli incidenti mortali.

Conoscenza, esperienza e attrezzature

Durante i primi mesi della stagione sciistica, molti incidenti si sono verificati soprattutto sulle piste, spiega De Graaf, perché in quel periodo nevicava poco, quindi tanti sciatori si concentravano su meno metri quadri di neve. “Nelle ultime settimane è caduta altra neve fresca. Questo ti invita a sciare fuori pista. È la cosa migliore per i veri appassionati, ma può essere pericoloso.

In linea di principio, l’NSV sconsiglia agli sciatori di sciare fuori pista. “Capiamo che una tale montagna piena di neve ti invita a farlo. Ma dovresti farlo solo se hai la giusta conoscenza, esperienza e attrezzatura.

Guarda i nostri video di notizie nella playlist qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *