è “molto strano” secondo SETI

Lo scorso fine settimana, gli astronomi del progetto Breakthrough Listen hanno fatto una scoperta davvero incredibile: un misterioso raggio radio proveniente dai dintorni di Proxima Centauri che, per chi non lo sapesse, è il sistema solare più vicino al Sole (che dista da noi circa 4,2 anni luce).

Abbiamo riportato notizie molto simili la scorsa settimana, quando un team di scienziati della Cornell University ha scoperto ciò che credevano fosse la prima traccia radio emessa da un pianeta al di fuori del nostro sistema solare, ma questa volta nella costellazione di Boote, una grande costellazione nell’emisfero settentrionale.

Il segnale di Proxima Centauri, 982 megahertz, è stato soprannominato BLC1 (Breakthrough Listen 1) originato dalla stella, come rilevato dal Parkes Telescope in Australia ad aprile e maggio 2019. Il sistema in questione contiene un pianeta soprannominato Proxima b, 20% più grande della Terra, che si trova nella zona giorno.

In un comunicato, l’Istituto SETI ha commentato la relazione che – sottolineiamo – è considerata un candidato e non un segnale confermato. “A causa del suo profilo lo è molto improbabile che il segnale sia stato prodotto da una sorgente cosmica naturale ma sconosciuta, ma chi lo sa […] La natura spesso ci sorprende», Si legge nel comunicato stampa, scritto dall’astronomo planetario del SETI Institute, Franck Marchis.

Potrebbe essere un segnale captato proveniente direttamente dalla Terra. “L’idea di una civiltà tecnologicamente avanzata che vive intorno al nostro vicino stellare più prossimo è piuttosto straordinaria“Ammette Marchis.”Attualmente abbiamo più domande che risposte: perché il segnale è stato rilevato solo una volta ogni 30 ore in aprile e maggio?“Purtroppo, tuttavia, lo stesso scienziato ammette che”probabilmente il segnale non è straniero e lo confermeremo presto“.” Ovviamente, come scienziato SETI, niente mi farebbe più piacere che sbagliarmi. “

READ  MEDICI POSITIVI, ANCHE DOPO IL VACCINO. VIROLOGO ANDREONI ha spiegato il MOTIVO »ILMETEO.it

Insomma, attendiamo eventuali conferme o – molto più probabile – rifiuti. Sicuramente la domanda è intrigante, vedremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *