come lavoriamo e che significato hanno i numeri di oggi

Varesenews pubblica quotidianamente dati sulla diffusione del contagio in Lombardia e provincia di Varese. Questo articolo, uno dei più letti e commentati della giornata, suscita sempre un acceso dibattito, a volte interessante ea volte poco costruttivo. Soprattutto sulla nostra pagina Facebook, l’articolo riceve un gran numero di commenti e osservazioni, in molti casi inseriti in toni troppo colorati, che sollevano molti interrogativi: dove troviamo i dati per questo bollettino? Perché non diciamo quanti tamponi fanno a Varese? Perché non comunichiamo quanti sono asintomatici? Perché “stiamo facendo terrorismo”?

In questo articolo, abbiamo raccolto alcune delle domande più comuni a cui proviamo a rispondere. Lo terremo aggiornato aggiungendo gradualmente i commenti ricevuti.


Da dove provengono i dati nell’articolo sull’infezione serale?

La quasi totalità dei dati comunicati quotidianamente proviene da Bollettino della Regione Lombardia che a sua volta fa parte del flusso di dati comunicato ogni giorno da allora cruscotto della protezione civile che li riunisce e li organizza a livello nazionale. Nella newsletter della Regione Lombardia gli unici dati pubblicati sulla situazione in provincia di Varese sono quelli sul numero di nuovi casi positivi emersi dalla quotidiana elaborazione dei tamponi. Questo è un dato che dice poco sui dettagli della diffusione del contagio in provincia di Varese, lo abbiamo denunciato pubblicamente molte volte, ma rimane un indicatore importante della diffusione del virus.
Ai dati comunicati quotidianamente si aggiungono una serie di elaborazioni grafiche che servono ad illustrarne l’evoluzione nel tempo.

Quanti sono attualmente positivi in ​​provincia di Varese? Quanti tamponi vengono prodotti? Perché non lo dici?

Trasmettendo dati sulla diffusione dell’infezione, continuiamo a registrare quella che riteniamo essere una seria scappatoia nei dati locali. Lo abbiamo spiegato e denunciato in numerose occasioni, consultando le ASL di ATS Insubria e le rappresentanze istituzionali della Regione Lombardia. Purtroppo non abbiamo ricevuto risposte complete. Questi dati sarebbero fondamentali per analizzare e comprendere nel tempo i segnali di crescita del contagio e fare proiezioni sulla loro evoluzione futura. Questa è una situazione che sta cambiando molto rapidamente e sarebbe quindi auspicabile poter accedere a questi numeri in modo continuo. Oggi questo non è possibile per noi.

READ  oggi sereno, lunedì 5 nuvoloso, martedì 6 sereno »ILMETEO.it

Come arrivano in provincia i dati sui ricoveri ospedalieri?

Ad oggi non esiste un feed di dati aggiornato con puntualità sul numero dei ricoveri in provincia. Nel bollettino quotidiano della Regione Lombardia vengono aggiornati quotidianamente i dati relativi esclusivamente a ricoveri, isolamento e terapia intensiva a livello regionale. A livello locale, quando siamo in grado di fornire informazioni sui ricoveri nei singoli ospedali, è perché consultiamo direttamente gli ospedali ma non è facile restituire questo aggiornamento su base giornaliera.

Perché non diffondete più dati sulle infezioni in tutti i comuni?

I dati sui contagi nei vari comuni non sono mai stati disponibili a livello provinciale. Per molto tempo, siamo stati in grado di estrapolare queste informazioni da un rapporto ufficiale disponibile nella regione. Oggi questo rapporto non è più disponibile. Gli unici che hanno dati locali sono i sindaci, ciascuno per il proprio comune. Poiché questi dati sono in continua evoluzione, è quindi difficile creare una panoramica provinciale aggiornata comune per comune.
Attualmente è possibile reperire dati sui contagi solo nei dieci comuni più colpiti grazie a a Dashboard informativo della regione Lombardia.

Perché ci sono così tante infezioni come a marzo?

Il numero di infezioni è molto più alto rispetto a marzo perché sono cambiati i metodi e la quantità di tamponi utilizzati. A marzo, i campioni sono stati prelevati quasi esclusivamente da persone che avevano già sintomi evidenti, anche molto gravi della malattia. Questo ha impedito l’intercettazione di tutti i contagiati dal virus ma asintomatici.
Nella seconda fase della pandemia, il tampone test è stato esteso anche alle persone asintomatiche: nell’ambito dei test effettuati a chi rientra dall’estero, a chi potrebbe essere entrato in contatto con un positivo o nell’ambito di screening sierologico. L’effetto è che oggi sempre più persone sono positive al virus ma asintomatiche. Purtroppo questo non significa che non ci siano malati. In effetti, questo numero crescente crea una pressione pericolosa sul sistema sanitario.

READ  RISCALDAMENTO GLOBALE? È diventato un fenomeno mediatico solo dal 1988!

Positivo non significa malato, perché non lo dici?

Positivo non significa malato, lo abbiamo detto più volte. Il positivo è quello che risulta come tale al tampone test che rileva la presenza del virus SarsCov2. Coloro che risultano positivi al test potrebbero non presentare alcun sintomo o sviluppare gli effetti della malattia chiamata Covid19. Inoltre, tra coloro che sviluppano la malattia, c’è chi la sviluppa in una forma che consente il trattamento a casa e chi, al contrario, ha complicazioni che richiedono il ricovero. Questo numero crescente sta creando una pressione pericolosa sul sistema sanitario. Inoltre, positivo non significa malato, ma è comunque contagioso.

Perché non dici che la maggior parte sono asintomatiche?

Per quanto riguarda la provincia di Varese, non vengono diffuse informazioni sulle condizioni di chi risulta positivo al tampone. Tuttavia, per essere veri, questi dati devono essere monitorati nel tempo in quanto possono risultare positivi per il virus e sviluppare sintomi in seguito. A livello nazionale, questi conti sono tenuti dall’Istituto Superiore di Sanità. Nel un report costantemente aggiornato spieghiamo come gli asintomatici siano effettivamente tra il 55% e il 60% e che dipenda molto dalle fasce d’età.
Il punto debole di una lettura troppo interessata ai dati asintomatici è che non si tiene conto che indipendentemente da quanti non sviluppano sintomi, quanti lo fanno e quanti lo fanno. coloro che necessitano di ricovero stanno aumentando vertiginosamente. preoccupandosi giorno per giorno con il rischio di arrivare a una pressione insostenibile per gli ospedali del sistema sanitario nazionale.

Tra i positivi si tiene conto anche di nuovi campioni da quelli che erano già positivi?

No, il numero giornaliero di nuovi casi è composto solo da persone che risultano positive per la prima volta

READ  Plasma iperimmune, OPI BAT lancia una campagna di sensibilizzazione sulle donazioni

Dove si verificano queste infezioni? Scuole, rsa, luoghi pubblici?

A livello locale non vengono diffuse le informazioni che permettono di comprenderle, ma quando il numero di infezioni diventa troppo alto, le stesse persone incaricate di ricostituire i contatti non sono più in grado di ricostituire la catena con precisione e luoghi di infezioni.

Quando sono stati rilasciati quotidianamente i tamponi dei nuovi positivi?

La comunicazione dei tamponi avviene quando il risultato del test è stato elaborato. Poiché viene presa una grande quantità di addebiti diretti, non tutti possono essere elaborati e comunicati entro un giorno. Per questo motivo il numero di campioni comunicati giornalmente non si riferisce solo a campioni prelevati nelle 24 ore precedenti, ma contiene campioni che possono essere stati prelevati anche la settimana precedente.

Perché i numeri positivi aumentano in modo diverso di giorno in giorno?

Vista la difficoltà nel processare i tanti campioni e il numero di campioni prelevati, che non sono tutti i giorni uguali e che sono storicamente meno numerosi nel fine settimana, la distribuzione del numero di positivi comunicati nei giorni della settimana non è sempre lo stesso. Ricostruendo la stagionalità di queste comunicazioni, sappiamo che nella prima parte della settimana i numeri giornalieri restano inferiori e aumentano nei fine settimana e nei fine settimana.

Perché stai solo facendo terrorismo?

Non facciamo terrorismo. L’evoluzione della diffusione delle infezioni è molto rapida e deve essere costantemente monitorata per comprendere e anticipare i fenomeni di sofferenza. Capire come avviene l’infezione aiuta anche a valutare l’efficacia o meno delle misure restrittive adottate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *