Ecco gli uomini più ricchi del mondo secondo Bloomberg: Ferrero è il primo italiano. E la pandemia spinge la fortuna di Jeff Bezos

Ecco gli uomini più ricchi del mondo secondo Bloomberg: Ferrero è il primo italiano. E la pandemia spinge la fortuna di Jeff Bezos

Lui boss di Amazon Jeff Bezos non conosce crisi e si conferma il razziatore del mondo con una fortuna di 187 miliardi di dollari, aumentato anche dalla spinta ae-commerce durante la pandemia di coronavirus. Al secondo posto – secondo Indice Bloomberg Billionaires, che fotografa il file 500 persone più ricche al mondo – tra i magnati rimane saldamente Bill Gates, seguito da Mark Zuckerberg.

Il numero uno di Microsoft ha una fortuna stimata di 120,6 miliardi, mentre il fondatore di Facebook “ferma” a 101,7 miliardi. Il petroliere è tra i primi cinque Mukesh Ambani al quarto posto, intanto Bernard Arnault, patrono di LVMH, è quinto con 80,2 miliardi. Il primo italiano in classifica è Giovanni Ferrero, il patrono di Nutella, quello con 32,9 miliardi è posizionato in 29 ° posto. Mentre Leonardo del Vecchio è dentro 56a posizione con 20,4 miliardi.

Per trovare un altro italiano nella classifica di Bloomberg, devi scorrere la lista degli scrocconi fino a 239 ° posto, dove è posizionato Paolo Rocca, CEO del gruppo Techint che controlla Tenaris: il suo patrimonio è intorno 8 miliardi dollari. A seguire, ecco l’ex premier Silvio Berlusconi con poco più di 7 miliardi (278 °) e Giorgio Armani, in posizione 323 con una fortuna personale di 6,2 miliardi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tutto questo lavoro, però, ha un grande costo economico. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom dell’accesso. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente di supporto cliccando qui.

Grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente ogni giorno centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una piccola ma fondamentale somma per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Effetto blocco per il vino italiano, primo calo dell’export in 30 anni. La vendemmia 2020 è iniziata

Il prossimo


READ  Inter, Vidal per Conte. Adesso Candreva-Darmian. E se arriva un'offerta ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *