Bielorussia, la vittoria di Lukashenko finisce nel sangue: un manifestante ucciso, ferito, 3.000 arresti. Lui: "Proteste dirette da Londra, Praga e Varsavia". Opposizione in rivolta: "Brogli"

Bielorussia, la vittoria di Lukashenko finisce nel sangue: un manifestante ucciso, ferito, 3.000 arresti. Lui: “Proteste dirette da Londra, Praga e Varsavia”. Opposizione in rivolta: “Brogli”

Aleksandr Lukashenko riconfermato presidente della Bielorussia per il sesto mandato con l’80,23% dei voti. Così finisce l’elezione più contestata degli ultimi dieci anni a Minsk, che riconferma la leadership del Paese padre maestro che lo governa con un pugno di ferro da allora 1994 e scatena la rivolta di piazza, con l’opposizione guidata dal candidato sconfitto Svetlana Tikhanovskaya denunciando i frode, non riconosce i risultati del voto e chiede “a chi crede che gli sia stata rubata la voce non essere silenzioso “.

Mentre il Russia di Vladimir Putin, da sempre alleata di Minsk, e il Cina di Xi Jinping si congratula con il vincitore, durante tutto il nazione la tensione è altissima: nella notte migliaia di bielorussi sono scesi in piazza nella notte per protestare. Gli scontri con il polizia, che ha sparato proiettili di gomma, ha lanciato lacrima e hanno usato idranti contro il manifestanti chi ha contestato la validità del voto, è finito nel sangue: un manifestante è stato ucciso, decine di persone sono rimaste ferite (più di 50 civili e 39 ufficiali) e oltre 3.000 sono state arrestate. Mancano 12 ore Maxim Solopov, inviato speciale del quotidiano russo indipendente Medusa: per i media russi Tempesta quotidiana è stato picchiato dalle forze di sicurezza bielorusso mentre documentava i feroci combattimenti a Minsk. E Internet ha smesso di funzionare in molte parti della città.

La “cospirazione” delle potenze straniere Lukashenko minimizza l’ampiezza delle proteste, che sono “dirette” dall’estero. “Servizi speciali hanno registrato chiamate da Polonia, a partire dal Gran Bretagna e da Repubblica Ceca“, Ha dichiarato l’eterno presidente di Bielorussia, oggi più che mai osservato speciale della comunità internazionale. Convinto che la polizia stia dando una “risposta adeguata” ai disordini, ha avvertito che “non permetteremo che il Paese venga fatto a pezzi” e che in Bielorussia “Non ci sarà una piazza Maidan, non importa quanto qualcuno lo voglia ”, riferendosi al luogo simbolico della rivoluzione in Ucraina Del 2014 che ha portato alla caduta del filo-russo Viktor Yanukovic e al passaggio a di Kiev nella sfera di influenza occidentale. E ha aggiunto: “Non parlerò del Polonia: da lì provano a tirare i fili. Non ne parleròUcraina: molte persone sono venute da lì. Sono sicuro che questa non è una politica statale, ma ci sono molti malati di Maidan lì. Purtroppo alcune persone sono arrivate anche dalla Russia ”.

READ  Kim dichiara "massima allerta". In tutto il mondo oltre 16 milioni di infezioni

Bruxelles: “Il conteggio dei voti è trasparente” – Sul violenza è intervenuto anche il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, che chiede alle “autorità bielorusse di garantire che i voti nelle elezioni di ieri siano contato e pubblicato con precisione “, oltre a ribadire che” la persecuzione e la repressione violenta di manifestanti pacifici non trovano posto Europa“E che” i diritti fondamentali in Bielorussia devono essere rispettati “. Anche il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e il governo tedesco condannano le violenze: il portavoce del Merkel ritiene “inaccettabile” che gli “standard democratici minimi” non siano stati mantenuti e per il ministro degli esteri tedesco Heiko Maas l’Unione europea dovrebbe reintrodurre le sanzioni contro Minsk. Varsaviachiede invece un vertice europeo straordinario perché “le autorità hanno usato la forza contro i loro cittadini che chiedevano un cambiamento nel Paese. Dobbiamo sostenere il popolo bielorusso nella sua ricerca della libertà ”, ha detto il premier Mateusz Morawiecki.

L’opposizione – Sul fronte dell’opposizione, è affrontato nella squadra elettorale del candidato Svetlana Tikhanovskaya, che non riconosce i risultati presidenziali riportati dalla Commissione elettorale centrale perché “contraddicono la realtà e sono del tutto contrari al buon senso”. Il risultato in realtà si scontra con tutti quelli recenti analisi sondaggio d’opinione – seppur raro – e con il ‘mood’ registrato nelle piazze del Paese in questi mesi, anche a causa della cattiva gestione dell’epidemia di Covid-19 dalle autorità. “Ora devono ora pensare a come trasferimento potere in modo pacifico perché finora hanno seguito una sola strada, quella del violenza contro pacifico bielorussi. Quello che è successo ieri è inaccettabile ”, ha detto Tikhanovskaya che ha condannato le violenze contro “manifestanti pacifici” e il blocco di Internet, fermato quasi tutta la notte e ripreso parzialmente solo questa mattina. Le autorità, ha aggiunto, “cercano di mantenere le loro posizioni con la forza” invece di consentire un cambiamento pacifico.

READ  Sparare dalla Casa Bianca, Trump scortato - Last Hour

Proteste prima del votoSolo pochi giorni fa a Minsk oltre 60mila persone sono scese in piazza per protestare contro Lukashenko, evento che non accadeva da almeno 10 anni. L’ultimo giorno di votazioni – le urne si erano aperte il 4 agosto – sono state registrate lunghe file ai seggi elettorali. Secondo il presidente della Commissione elettorale centrale bielorussa, Lidiya Yermoshina, tuttavia, si è trattato di “un vero sabotaggio, un provocazione organizzataE per questo non ha concesso una proroga del turno di votazioni. La polizia, per paura di possibili rivolte, aveva chiuso il Piazza Indipendenza della Capitale, dove si trovano sia gli edifici del governo che quelli della Commissione.

Opposizioni sconfitte – Niente da fare, quindi, per Svetlana Tikhanovskaja, la casalinga di 37 anni senza esperienza politica che è corsa dietro al marito, il vlogger Serghej Tikhanovskij, è stato arrestato ed escluso dalla gara. Molti la vedevano come unica concorrente possibile per Lukashenko, ma i primi exit poll le avevano già assegnato un misero risultato: 6,8%. Alla fine del ballottaggio è arrivato a 9,9. L’invito ai suoi militanti ad andare a votare vestiti di divinità è stato inutile braccialetti bianchi, in modo da essere identificabili come sostenitori dell’opposizione. Tikhanovskaya non ha trascorso la notte nel suo appartamento per motivi di sicurezza e diversi membri della sua squadra elettorale sono stati fermati dalla polizia nei giorni scorsi. Sabato gli agenti hanno anche fermato la persona responsabile della sua campagna elettorale, Maria Morozmentre lei è fuggita all’estero Veronika Tsepkalo, uno dei principali alleati del candidato dell’opposizione. Inutili anche gli appelli a sostenere “ogni poliziotto e ogni ufficiale che si rifiuta di obbedire a ordine criminale“.

READ  LIVE MN - Pioli: "Siamo tutti fortemente dalla parte di Milano. Crediamo ancora al quinto posto"

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tutto questo lavoro, però, ha un grande costo economico. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom dell’accesso. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente di supporto cliccando qui.

Grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente ogni giorno centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una piccola ma fondamentale somma per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Coronavirus, il Brasile supera i 100mila morti. Norvegia, atterra un minuto dopo la mezzanotte: viene attivata la quarantena

Il prossimo


Articolo successivo

Bielorussia, reporter disperso inviato per le elezioni: “È stato picchiato dalla polizia”

Il prossimo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *