Edwin ha un giardino per raccogliere tulipani in Italia: “Questo fine settimana sarà pazzesco”

Edwin ha un giardino per raccogliere tulipani in Italia: “Questo fine settimana sarà pazzesco”

“Rendiamo i nostri campi di bulbi il più belli possibile, mescoliamo i colori e mettiamo in mezzo un mulino a vento e delle panchine”, afferma Edwin Koeman.

Nei due giardini di raccolta che lui e la sua compagna Nitsuhe Wolanios ora possiedono in Italia, i visitatori possono godere dello splendore floreale e la quota di iscrizione di € 4 a persona include anche due tulipani.

pagare un extra per scegliere

Se vogliono raccogliere più tulipani da soli, i visitatori devono pagare un extra. L’importo varia. A inizio stagione è 1 euro a tulipano, poi, quando tutto è in piena fioritura, 1,50 a tulipano.

“La gente qui ama molto i fiori, ma qui i fiori sono molto più costosi che in Germania, per esempio. Quando gli italiani comprano fiori, comprano meno fiori, ma molto belli”, dice Koeman.

Più di un milione di lampadine

Quindi un secondo Keukenhof, ma in Italia? Koeman non vuole fare questo paragone. Nei loro Tulipani Italiani (letteralmente: tulipani italiani), piantano ancora i bulbi di tulipano a mano e il tutto è ancora un po’ più piccolo del Keukenhof, spiega Koeman.

Ma è comunque una quantità impressionante di bulbi che sono entrati nel terreno e stanno fiorendo. Nel sito vicino a Milano, dove è nata Tulipani Italiani, ci sono circa 600.000 bulbi da fiore.

E vicino a Torino, un’altra città del nord Italia, dove quest’anno Koeman ha anche piantato per la prima volta un terreno, ci sono altri 470.000 bulbi. Meno dei 7 milioni del Keukenhof, ma insieme sono comunque più di 1 milione di pezzi.

‘Successo immediato’

Agli italiani piace venire qui. “All’epoca, eravamo i primi in Italia in cui i visitatori potevano raccogliere i fiori da soli”, afferma Koeman.

READ  Un uomo trovato morto su una barca sul Lago di Garda. Cerco donna...

“C’erano parecchi scettici che pensavano che non avrebbe funzionato, ma il primo anno è stato un successo immediato e da lì siamo cresciuti”.

Sperando in tempo asciutto

Nei giorni feriali, Koeman è molto soddisfatto di un migliaio di visitatori al giorno. Ma durante le vacanze, a volte raddoppiano. Ma la maggior parte degli italiani viene nei fine settimana. Quindi Koeman e Wolanios ricevono tra i 5000 ei 9000 visitatori al giorno.

Ma poi non dovrebbe piovere, perché allora ci saranno molte meno persone. “Quindi perdi un’enorme quantità di fatturato”, spiega Koeman.

Proviene dalla famiglia dei tulipani

Non dovrebbe sorprendere che Koeman ami i tulipani. “Vengo da una famiglia di tulipani”, dice. Koeman ha lavorato, tra gli altri, per un esportatore di bulbi da fiore, un mercato per il commercio di bulbi da fiore e un vivaio di tulipani.

Quando il fratello di Koeman ha aperto un orto negli Stati Uniti, ha aiutato lì per un po’. Qualcosa del genere sembrava qualcosa a Koeman, ma ora è difficile entrare negli Stati Uniti. Per uno dei suoi lavori precedenti doveva imparare l’italiano e Koeman ha deciso sette anni fa di fare il grande passo in Italia con il compagno Nitsuhe Wolanios.

Si trasforma a Torino

È stato un periodo turbolento, soprattutto all’inizio, anche perché Koeman e la sua compagna hanno due figli insieme. Adesso hanno una governante e una baby sitter per la prima volta, ma devono, perché fanno a turno per qualche giorno a Torino per organizzare lì il loro orto.

A poco a poco l’organizzazione crebbe. Ma trovare personale è difficile, soprattutto perché si tratta di lavoro stagionale. Ecco perché Koeman deve trovare nuove persone quasi ogni anno.

READ  Covid, con il vaccino cinese CoronaVac, una robusta e rapida produzione di anticorpi

Pressione

I giardini di raccolta sono aperti solo per poche settimane, dal 20 marzo circa fino alla fine di aprile, afferma Koeman. Inizialmente pensava che avrebbe avuto un sacco di tempo per il resto dell’anno, dice, ma è deludente.

“Sono stato impegnato con l’amministrazione per tutto il mese di maggio, e dato che ora sei aperto sette giorni su sette, non c’è molto che tu possa fare. Quindi questo deve essere recuperato in seguito.”

D’estate è un po’ più tranquillo, ma si ricomincia a settembre, perché poi bisogna vedere quali lampadine hanno funzionato meglio e poi comprarle. Inoltre, ogni anno deve essere richiesto un nuovo permesso.

“Questo fine settimana sarà pazzesco”

Quindi Koeman non sta pensando di espandersi in altri posti al momento. Al massimo, progetta di prolungare la stagione della fioritura piantando bulbi di fiori che sbocciano prima dei tulipani e con fiori che sbocciano dopo i tulipani, come gli iris. Quindi possono venire altri visitatori.

Questo fine settimana di Pasqua, Koeman e il suo compagno saranno sicuramente molto impegnati. “Sarà pazzesco”, ha detto.

In questo video puoi vedere che i prezzi elevati del gas hanno reso ancora più interessante questo metodo di coltivazione dei tulipani dal coltivatore Niels:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *