Effetti del corona sulla salute mentale dei giovani meno significativi del previsto

Effetti del corona sulla salute mentale dei giovani meno significativi del previsto

Quello che tutti temevano: che i giovani sprofondassero mentalmente nel ghiaccio a causa della pandemia e dei provvedimenti, non è successo in gran numero. La ricerca dell’Università di Tilburg dipinge un quadro sorprendentemente positivo.

Peter van der Velden è professore di Vittime e Salute Mentale all’Università di Tilburg. La sua ricerca nel corso di diversi anni mostra che la pandemia della corona ha avuto un impatto molto meno negativo sulla salute mentale dei giovani di quanto si pensasse in precedenza ed è stato discusso dai media.

Giovani più resilienti

“Non è stato divertente, ma ciò non significa necessariamente che i giovani stiano diventando depressi o ansiosi”, dice. Secondo Van der Velden, i giovani e le persone in generale sono molto resistenti allo stress o alle circostanze difficili.

“Non stiamo dicendo che non ci siano assolutamente giovani ansiosi, soli o depressi, solo che la percentuale non è superiore a 15 anni fa”.

“Percentuale abbastanza fissa”

Van der Velden ha esaminato la salute mentale dei giovani nel 2012, 2016 e 9 mesi dopo l’inizio della pandemia nel 2020. Nel 2002, i giovani hanno riportato ansia e depressione più lievi rispetto a prima.

“Ma un tale aumento è già avvenuto, anche per il corona. Sembra che ci sia una percentuale abbastanza fissa di persone con gravi disturbi mentali, che non è aumentata a causa del corona. E intorno a questo, ci sono dei lievi disturbi che variano nel tempo .”

Informazione

A proposito dello studio

Lo studio della salute mentale è uno studio a lungo termine tra 850 adolescenti di Centerdata e Tilburg University. Per questo studio sono stati confrontati tre gruppi di età compresa tra 16 e 20 anni: da fine 2012, da fine 2016 e da fine 2020.

READ  La stella esplode nella costellazione del Perseo. Osservatori italiani registrano il fenomeno »Science News

Lo studio mostra che alla fine del 2020, il 32% degli adolescenti soffriva di sintomi lievi di ansia e depressione. Questa cifra era del 20% tra gli adolescenti alla fine del 2016 e del 24% tra gli adolescenti alla fine del 2012. Sebbene la percentuale di adolescenti con disturbi lievi sia aumentata, lo studio non mostra che questo aumento nei mesi successivi alla corona fosse più forte rispetto all’aumento degli anni precedenti.

Inoltre, sembra che mentre gli adolescenti hanno utilizzato più frequentemente l’assistenza sanitaria mentale nel 2020, c’era già stato un aumento negli anni precedenti. Nel complesso, i risultati indicano che la pandemia di coronavirus ha avuto un impatto negativo molto limitato sulla salute mentale dei giovani tra i 16 ei 20 anni.

Notifica alle agenzie

Questo è un risultato particolare perché tutti i tipi di gravi fonti durante la pandemia hanno indicato che i giovani hanno effettivamente sofferto della pandemia e delle misure.

Ad esempio, il Netherlands Youth Institute, che ha scritto sul suo sito web nel febbraio 2022: “Gli studi confermano che, più di altre fasce d’età, i giovani e i giovani adulti sperimentano problemi di salute mentale come solitudine, tristezza e ansia a causa delle misure della corona .”

anche guardare

Nessun deterioramento della salute mentale

E anche il sondaggio sulla salute della CBS è stato triste. Dice che nei primi due trimestri del 2021, il 15% della popolazione di età pari o superiore a 12 anni era psicologicamente malsana: la percentuale più bassa dal 2001. E 4 giovani adulti su 10 hanno dichiarato di essere più depressi rispetto a prima della crisi del coronavirus.

READ  le DICHIARAZIONI SHOCK dell'EX FIDANZATA »ILMETEO.it

Ma la ricerca dell’Università di Tilburg mostra che se si confronta la salute mentale dei giovani in momenti diversi, per un periodo più lungo, non vi è alcun deterioramento visibile della salute mentale durante la pandemia.

anche guardare

“I giovani che non stanno bene determinano l’immagine”

“Ciò che sappiamo da molto tempo è che molte persone resistono allo stress e alle circostanze difficili. Le storie che si ascoltano sono sempre le piume delle persone che non stanno bene. Ma il quadro che ne emerge è distorto”, afferma Van der Velden. .

Van der Velden ha effettuato l’ultima misurazione 9 mesi dopo l’inizio della pandemia. È quindi possibile che il duro colpo mentale sia arrivato più tardi a causa della lunghezza delle misure. Van der Velden: “È possibile. Ma quando abbiamo fatto il primo studio, la gente ha detto: non trovi nulla ora, ma arriverà. La gente continuava a dirlo. Solo che non è stato il caso, fino ad ora”.

Il ricercatore Peter van der Velden sui risultati della sua ricerca in EenVandaag su NPO Radio 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *