Era primavera quando i dinosauri morirono

Quando il meteorite fatale colpì i dinosauri, era primavera nell’emisfero settentrionale. Questo si conclude un team di ricercatori per lo più olandesi questa settimana a Natura, sulla base di ricerche approfondite sui fossili di pesci. La stagione potrebbe anche spiegare perché le specie dell’emisfero australe sembravano molto meno colpite dall’impatto.

È noto dagli anni ’70 che la penisola messicana dello Yucatán è stata colpita da un meteorite circa 66 milioni di anni fa. Questo impatto di Chicxulub è stato citato subito dopo la sua scoperta come una spiegazione plausibile per la brusca estinzione dei dinosauri. Nel 2019 pubblicato sulla rivista PNAS una pubblicazione che ha fornito prove a sostegno di questa teoria, sulla base di uno scavo nel North Dakota. Lo scavo ha anche rivelato un gran numero di pesci fossili: storioni e storioni cucchiaio, quasi tutti con la coda rivolta nella stessa direzione. Il meteorite ha creato onde d’urto nella crosta continentale, chiamate seiches, che hanno seppellito vivo il pesce. Avevano anche goccioline di vetro nelle branchie: “microtectiti”, che piovevano poche ore dopo l’impatto.

Zeppe sottilissime

“Ora abbiamo esaminato in dettaglio sei di questi pesci”, afferma Melanie Pendant, autrice principale dello studio attuale. Natura-articolo, dottorando presso l’Università Svedese di Uppsala ed ex studente presso la VU University di Amsterdam. “Utilizzando lame ultrasottili e raggi X 3D di un sincrotrone, un tipo specifico di acceleratore di particelle, siamo stati in grado di osservare le linee di crescita stagionale delle lische di pesce. Questo ha mostrato che gli animali erano all’inizio della loro stagione di crescita: tipica della primavera. La distribuzione e la forma delle cellule nel tessuto osseo indicavano anche la crescita primaverile. Durante: “Abbiamo anche frantumato le ossa di uno dei pesci per analizzare il rapporto isotopico del carbonio. Ciò ha dimostrato che una quantità ragionevole di plancton era già disponibile come cibo al momento della loro morte, ma non ancora la quantità massima. Un altro segno che sono morti in primavera.

READ  Cappuccino d'avena? Il latte d'avena non è poi così salutare, secondo TikTok

Ricerche precedenti hanno stimato che l’impatto del meteorite ha causato l’estinzione del 76% di tutte le specie, inclusi dinosauri incapaci di volare, pterosauri, ammoniti e praticamente tutti i rettili marini. Questo a volte è successo immediatamente, come con il pesce. Durante: “Abbiamo stabilito che le tectiti si trovano solo nelle branchie e non si trovano ulteriormente nell’organismo, ad esempio per digestione”. Per altre specie, l’estinzione era un processo più indiretto.

La primavera di allora non è una per una per confrontare la primavera di oggi

Era già stato stabilito che le specie dell’emisfero settentrionale erano particolarmente colpite. Con questo in mente, è molto interessante che la stagione dell’impatto sia ora nota. Durante: “Nell’emisfero australe, era autunno quando si è verificato l’impatto. Potrebbe essere che alcune specie stessero già ibernando sottoterra e così siano sfuggite, ad esempio, ai grandi incendi boschivi scoppiati in molti luoghi dopo l’impatto. Ma sono necessarie ulteriori ricerche per ottenere più chiarezza su questo.

In ogni caso, è certo che c’erano forti influenze stagionali all’epoca in cui sono stati ritrovati i pesci fossili, spiega Jeroen van der Lubbe, coautore dell’articolo e supervisore di durante la VU. “All’epoca, il sito si trovava a circa 50 gradi di latitudine nord, con temperature medie estive di circa 19 gradi Celsius e temperature invernali di circa 5 gradi Celsius”. Oggi, il North Dakota è più a sud. Il coautore Dennis Voeten: “E devi renderti conto che non solo la posizione dei continenti, ma anche la durata della giornata alla fine del Cretaceo era diversa da quella attuale. In media le giornate erano più brevi e tu ne avevi di più giorni in un anno. Pertanto, la primavera di quel periodo non può essere confrontata testa a testa con la nostra attuale primavera. Van der Lubbe: “Inizialmente, oltre ai pesci, speravamo in materiale fossile proveniente da conchiglie. momento della stagione molto più preciso, ma chissà, quello verrà dopo.

READ  quale arco attraverseresti? Saperne di più
Impressione dell’onda d’urto che taglia la crosta terrestre dopo l’impatto di un meteorite 66 milioni di anni fa.
Foto Joschua Knuppe

Abbastanza sorprendentemente, pochi mesi prima del Natura-l’articolo ha pubblicato anche un altro articolo, in cui è stato menzionato un possibile momento di impatto, nella rivista sorella Rapporti di scienze della natura† Il suo autore principale è stato Robert DePalma, il paleontologo americano che ha scoperto il sito di scavo nel North Dakota nel 2014. Ha fornito un’indicazione più ampia per il periodo dell’impatto: tarda primavera, inizio estate. Van der Lubbe: „DePalma era a conoscenza del nostro manoscritto. Ha inviato un articolo simile quando il nostro articolo era già in fase di revisione. A causa delle attente recensioni, ci è voluto più tempo prima che il nostro articolo fosse finalmente accettato. È strano che i dati non siano inclusi in questo articolo, il che rende difficile valutarli e confrontarli correttamente. In ogni caso, è bello vedere che i nostri studi indipendenti mostrano risultati coerenti. »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *