Questa farfalla è volata direttamente da Mordor

Questa farfalla è volata direttamente da Mordor

Un gruppo internazionale di biologi ha recentemente pubblicato una serie di nuovi generi e specie di farfalle sudamericane. Una tale pubblicazione di solito attira solo l’attenzione di colleghi esperti di farfalle, ma questa è stata pubblicizzata. I ricercatori hanno chiamato un nuovo genere dopo un personaggio del libro (e del film) Sotto l’incantesimo dell’anello dello scrittore inglese JRR Tolkien.

Parla di Sauron, un personaggio malvagio della Terra di Mezzo. Devo confessare che non ho mai letto il libro (onestamente non riesco a leggerlo) e non ho visto il film, ma Sauron nel film sembra possedere uno speciale occhio onniveggente, che i ricercatori ritengono abbia una certa somiglianza alle macchie rotonde sulle ali posteriori delle farfalle.

E così ora ci sono due specie di farfalle che svolazzano nella regione amazzonica con i nomi Triangolo di Saurona E Saurona trivellerà. Molte farfalle hanno le cosiddette macchie oculari sulle ali; il nostro occhio di pavone è un esempio ben noto. L’uso di questo è deterrente: le macchie sembrano grandi occhi che appaiono all’improvviso per i rapaci.

La denominazione deve essere fatta secondo le regole

All’interno della biologia, la tassonomia è la disciplina che si occupa della denominazione delle specie. Che si tratti di funghi, piante o animali, hanno tutti un nome scientifico composto, ad esempio, da un nome di genere e da un nome di specie Homo sapiens.

Questa denominazione è soggetta a regole rigide, che sono stabilite in due codici tassonomici o codici, uno per gli animali e uno per le piante. Ogni tassonomo deve rispettarlo, altrimenti il ​​nome non è valido. La persona che descrive una specie può inventare il proprio nome.

Le regole per questo sono abbastanza liberali; spesso una specie prende il nome dal luogo in cui è stata trovata (es. winterswijkensis per un fossile di Winterswijk), con il colore predominante (es. azzurro per una specie blu) o a una persona (darwini O newtoni). Molto è permesso.

uomo bianco

Sempre la scorsa settimana, un altro gruppo di biologi ha suscitato scalpore argomentando contro il dare alle specie il nome di persone. Nel corso di due secoli e mezzo, le specie hanno preso principalmente il nome da uomini bianchi, per il semplice motivo che fino a poco tempo fa il mondo scientifico era composto principalmente da uomini bianchi.

Tuttavia, il loro appello non era quello di nominare nuove specie dopo i non maschi non bianchi, non europei, ma andava oltre: anche le specie esistenti che prendono il nome dalle persone dovrebbero essere rinominate. Questa chiamata, che è nel prestigioso Natura apparve, suscitò immediatamente centinaia di reazioni per lo più negative. Perché anche se sei d’accordo con la direzione del pensiero, non può essere.

Gli amministratori del Botanical Naming Code hanno notato che i nomi delle specie sono stati dati in buona fede e riflettono la complicata e talvolta controversa storia della scienza. Il Codice non intende formulare criteri etici, religiosi, morali o ideologici.

Che un genere di farfalle ora prenda il nome da un personaggio odioso di un libro fantasy potrebbe essere un po’ strano, ma è permesso. Puoi persino nominare una lumaca inquietante e scivolosa come il tuo nemico scientifico. Che sia chic è un’altra cosa.

Jelle Reumer è una paleontologa. Ogni settimana parla di un animale che fa notizia a Trouw.

READ  Secondo Elon Musk, non c'è vita nel nostro sistema solare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *