Esclusivo: Francia, Italia e Spagna chiedono alle aziende tecnologiche di pagare per le reti di telecomunicazioni

Esclusivo: Francia, Italia e Spagna chiedono alle aziende tecnologiche di pagare per le reti di telecomunicazioni

Era la prima volta che i tre governi adottavano una posizione comune su questo tema.

Le autorità di regolamentazione dell’UE hanno dichiarato a maggio che stavano analizzando se i giganti della tecnologia Alphabet, Google, Meta e Netflix dovessero sostenere parte del costo del miglioramento delle reti di telecomunicazioni.

In un documento congiunto, copiato su Reuters, i tre governi hanno affermato che i primi sei fornitori di contenuti rappresentano il 55% del traffico Internet.

“Ciò genera costi specifici per gli operatori di telecomunicazioni europei in termini di capacità, in un momento in cui stanno già investendo molto nelle parti più costose delle reti 5G e Fiber-To-The-Home”, afferma il documento.

Ha esortato le reti di telecomunicazioni europee ei principali fornitori di contenuti online a pagare una giusta quota dei costi di rete.

“Chiediamo una proposta legislativa (…) che assicuri che tutti gli attori del mercato contribuiscano ai costi dell’infrastruttura digitale”, afferma il documento.

Due funzionari del governo italiano hanno confermato i dettagli del documento congiunto. Uno ha affermato che il governo di Roma avrebbe fornito un supporto informale come cane da guardia in vista delle elezioni generali di settembre.

I governi francese e spagnolo hanno immediatamente risposto a una richiesta di commento.

Secondo uno studio pubblicato all’inizio di quest’anno dal gruppo di lobby delle telecomunicazioni ETNO, un contributo annuale di 20 miliardi di euro ai costi di rete da parte dei giganti della tecnologia potrebbe rilanciare l’economia dell’UE di 72 miliardi di euro.

Tuttavia, gli attivisti per i diritti digitali hanno avvertito che far pagare la grande tecnologia per le reti potrebbe minacciare le regole di neutralità della rete dell’UE, che temono saranno indebolite in un accordo con i giganti online per proteggere la rete di telecomunicazioni di Internet.

READ  Stati Uniti, terza causa di morte per coronavirus nel 2020

Qualsiasi proposta legislativa deve “assicurare l’equità tra gli utenti nel rispetto delle regole della neutralità della rete, che è un principio fondamentale che dobbiamo assolutamente preservare”, afferma il documento congiunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *