Esperti preoccupati per la carenza di gas per il prossimo inverno: “Sarà entusiasmante”

Esperti preoccupati per la carenza di gas per il prossimo inverno: “Sarà entusiasmante”

I depositi di gas olandesi erano più pieni che mai la scorsa estate; una media di circa il 90 percento pieno. Ciò garantisce che non dobbiamo preoccuparci se ci sarà abbastanza gas disponibile quest’inverno. Ma il prossimo inverno?

“Sarà emozionante”, ammette Lucia van Geuns, esperta di energia presso il Centro di studi strategici dell’Aia. “Nel 2022 siamo riusciti a riempire i nostri depositi di gas, le nostre riserve, perché c’era ancora molto gas russo”.

Ma questa quota di gas russo sta rapidamente diminuendo. Secondo i calcoli di Gasunie, tra il 2019 e il 2021, in media il 35% di tutto il gas acquistato dall’Europa è arrivato dalla Russia. Quando i Paesi Bassi hanno iniziato a riempire gli impianti di stoccaggio ad aprile, era solo del 28%, ed è ulteriormente sceso a solo il 5-8%. Nessuno osa prevedere se questo sarà raggiunto anche solo nel 2023.

gas liquido

L’Europa ei Paesi Bassi devono quindi cercare diligentemente alternative. Van Geuns: “La maggior parte proviene effettivamente dal GNL, quindi gas liquefatto. Questo gas liquefatto è necessario anche in altre parti del mondo. Questo gas è disponibile, ma forse non abbastanza. E c’è un problema per l’inverno 2023”.

Inoltre, la Cina, che era ancora in gran parte chiusa l’anno scorso e quindi aveva gas residuo, sta eliminando gradualmente le misure corona, il che significa che sarà disponibile ancora meno gas per altri paesi, osserva Van Geuns.

Misure

Il governo condivide le preoccupazioni. La scorsa estate, ad esempio, a Eemshaven è stato costruito a tempo di record un nuovo terminale GNL galleggiante. Ciò consentirà ai Paesi Bassi di importare più GNL. Si sta anche studiando la possibilità di costruire uno o due edifici aggiuntivi a Terneuzen, ha scritto di recente il ministro Jetten alla Camera dei rappresentanti.

READ  OM chiede 100.000 euro di multa per Tata Steel a causa di pericolose nuvole di polvere | Economia

Inoltre, Jetten vuole garantire che i depositi di gas siano nuovamente ben riempiti il ​​prossimo inverno. Ha già annunciato un programma di sovvenzioni per garantire che se ne occupi la società pubblica EBN.

Anche il gas che si trova già negli impianti di stoccaggio dovrebbe essere utilizzato il meno possibile. Invece, Jetten vuole che EBN acquisti gas che ora viene esportato in Europa per la rivendita.

Contratti a lungo termine

Ma resta da vedere se sarà sufficiente. Ecco perché gli eurodeputati vogliono più azione, come Silvio Erkens, membro del VVD: “La cosa più importante è stipulare contratti a lungo termine per portare qui il gas naturale”, afferma.

“Direi io stesso, guarda la Norvegia, l’hanno offerto. Se noi come Paesi Bassi, con la Germania, ad esempio, fossimo disposti a stipulare un contratto con loro per 10 o 15 anni, allora sarebbero anche disposti ad abbassare quei prezzi ancora più lontano da quello che stiamo pagando ora”.

Risparmio

Ma questa non è l’unica soluzione. Perché sebbene i Paesi Bassi abbiano già consumato circa il 25% in meno di gas l’anno scorso rispetto agli anni precedenti, probabilmente sono necessari maggiori risparmi.

“Meno gas consumiamo oggi, meno dovremo riacquistare la prossima estate per riempire lo stoccaggio”, spiega Lucia van Geuns.

La deputata di GroenLinks Suzanne Kröger ritiene che Jetten trascuri i passaggi facili. “In Germania si dice semplicemente: dopo le dieci di sera accendere la pubblicità, la stufa negli edifici pubblici a 19 gradi e tenere chiuse le porte dei negozi. Provvedimenti molto semplici e pratici. Per quanto mi riguarda il ministro funzionerà davvero con quello”.

READ  La faida tra la Disney e lo Stato della Florida si inasprisce, il mega progetto viene abbandonato

E anche il risparmio è molto importante, perché il prossimo inverno i prezzi saranno ancora molto alti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *