Europol conferma indagine doping su larga scala in Bahrain Victorious | bicicletta

“Le autorità giudiziarie in Francia, Belgio, Spagna, Croazia, Italia, Polonia e Slovenia hanno intrapreso un’azione concertata contro l’uso di sostanze vietate nelle gare ciclistiche”, si legge nel comunicato stampa.

“Sulla base di una richiesta delle autorità francesi, la polizia danese ha anche fatto irruzione in uno degli hotel Tour a Copenaghen. Questa attività internazionale è stata coordinata da Europol ed Eurojust (il Servizio giudiziario europeo, ndr).”

Maggiori dettagli sono stati forniti anche sulle perquisizioni, effettuate tra il 27 e il 30 giugno. “Un totale di 14 siti sono stati scavati in sei paesi. Tre persone sono state intervistate. L’indagine è in corso e le prove sono in corso di revisione”.

“Le proprietà di diversi piloti e del loro staff sono state perquisite in Belgio, Spagna, Croazia, Italia, Polonia e Slovenia”. Non si sa esattamente quali piloti siano coinvolti. “Sono stati sequestrati un computer, un telefono e capsule dal contenuto incerto”, ha aggiunto Eurojust.

Giovedì, la procura di Marsiglia ha già annunciato che questa settimana sono state effettuate perquisizioni domiciliari tra i membri del Bahrain Victorious, tra cui il team manager, tre corridori, un osteopata e un medico della squadra. Perquisita anche la sede dell’azienda italiana WINNING SRL, proprietaria dell’aratro.

All’inizio di questa settimana in Italia sono state sequestrate apparecchiature elettroniche (computer portatili, smartphone, dischi rigidi, chiavi USB), sostanze farmaceutiche e integratori. Durante una perquisizione domiciliare in Polonia sono stati sequestrati dispositivi elettronici e sostanze farmaceutiche.

In Slovenia si trattava di 412 capsule con contenuto marrone e 67 capsule con contenuto bianco. I dispositivi elettronici sono stati sequestrati anche in Spagna. Anche tre persone sono state interrogate, ha riferito Eurojust.

READ  I Paesi Bassi sono il maggiore importatore di prodotti agricoli brasiliani nell'UE

Il Bahrain Victorious non ha risposto alle domande sulle voci nella chat con la stampa prima dell’inizio del Tour giovedì. “Vorremmo avere maggiori dettagli solo per capire il motivo di questo raid, ma non ne abbiamo”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.