Feroci proteste in Europa per la crisi energetica |  All’estero

Feroci proteste in Europa per la crisi energetica | All’estero

con videoIn Italia e nella Repubblica Ceca diverse decine di migliaia di persone hanno manifestato nei giorni scorsi contro gli effetti della crisi energetica che attanaglia l’intero continente europeo.


Edwin van der Aa


Ultimo aggiornamento:
03-09-22, 22:23

Decine di migliaia di cechi sono scesi oggi nelle strade di Praga per esprimere la loro preoccupazione per la crisi energetica. Hanno chiesto più sostegno al governo per continuare a pagare le bollette e la spesa. Molti manifestanti portavano anche striscioni che denunciavano l’adesione all’Unione Europea e alla NATO.

L’inflazione nella Repubblica Ceca è attualmente la più alta dal 1993, principalmente a causa dei costi delle abitazioni e dei prezzi dell’energia.La banca centrale prevede addirittura un picco del 20% nei prossimi mesi. Il governo ha impegnato un totale di 177 miliardi di corone (7,2 miliardi di euro) in aiuti di Stato.

Migliaia di manifestanti a Praga, la capitale ceca, si radunano in piazza Venceslao per protestare contro il governo.
Migliaia di manifestanti a Praga, la capitale ceca, si radunano in piazza Venceslao per protestare contro il governo. ©AP

brucia il conto

Ieri i manifestanti infuriati a Napoli, in Italia, hanno bruciato le bollette energetiche e assediato il municipio. “Non paghiamo le bollette!” Ora sarà il caos! “, cantavano. Nel frattempo, il governo italiano uscente sta lavorando a piani di emergenza per risparmiare energia e tagliare le bollette, hanno affermato i ministri la scorsa settimana.

I prezzi del gas e dell’elettricità hanno raggiunto massimi storici in Italia e negli altri paesi europei, la Russia, da cui l’Italia è fortemente dipendente per il gas, ha ridotto le proprie forniture a seguito dell’invasione dell’Ucraina.

Pacchetto di riparazione del potere d’acquisto

READ  I vigili del fuoco combattono gli incendi nel nord Italia e in Sicilia

C’è anche molta agitazione sociale nei Paesi Bassi per l’aumento dei prezzi dell’energia. Per compensare in qualche modo l’inflazione incontrollata, un piano di ripristino del potere d’acquisto da 15 miliardi di euro in via di sviluppo, rivolto in particolare alle persone a basso e medio reddito. Il pacchetto sarà presentato ufficialmente su Prinsjesdag.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *