Fincantieri, tappa all’operazione Stx France

Scompare il progetto di acquisizione di Chantiers de l’Atlantique di Fincantieri. Dopo cinque proroghe, si concluderà il 31 gennaio l’accordo firmato dallo Stato francese, da Fincantieri e da Naval Group il 2 febbraio 2018 che prevede la cessione del 50% dei cantieri navali di Saint Nazaire (ex Stx France) alla società italiana. , 2021. È al termine dell’incontro telefonico di oggi tra il Ministro dell’Economia francese, Bruno Le Maire, il Ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli e il Vicepresidente esecutivo della Commissione Europea, Margrethe Vestager che la chiusura definitiva del l’operazione prevista per il lontano 2017. Italia e Francia hanno infatti riconosciuto che l’attuale contesto legato all’emergenza coronavirus e al suo impatto sul settore turistico “non consente di portare a termine l’operazione prevista”.


Oltre all’emergenza Covid, il ritardo a Bruxelles ha penalizzato l’operazione. Sebbene la Commissione Europea abbia aperto una revisione approfondita della transazione il 30 ottobre 2019, Bruxelles non aveva ancora raggiunto una posizione definitiva sulla transazione che probabilmente sarebbe stata condizionata da misure correttive. La Commissione europea, infatti, “aveva espresso le sue preoccupazioni circa l’impatto di questa operazione sulla competitività”, ricordano in una nota congiunta il ministero francese dello Sviluppo economico e il ministero dell’Economia francese.

Le incertezze economiche legate all’emergenza Covid che gravano sui settori del turismo ed in particolare sul settore crocieristico, spiegano fonti del Ministero dell’Economia francese “, hanno portato Parigi e Roma alla conclusione che le condizioni fossero più unite da realizzare questa operazione. È stata una trattativa lunga. Le scadenze sono state prorogate di cinque volte e questo testimonia l’impegno assunto dalle parti su questo fascicolo “. Nel corso della riunione odierna, “è stato rilevato che le condizioni non erano più soddisfatte e che non è stato possibile continuare ad andare avanti con le estensioni”.

READ  Suzuki Swace, arriva la station wagon ibrida sorella della Corolla

Da parte italiana, pensiamo che sia stato fatto di tutto per portare a termine questa operazione. A fine dicembre Fincantieri ha confermato di aver fornito alla Commissione Europea tutti gli elementi necessari per una valutazione: “Abbiamo fatto tutto quello che dovevamo e potevamo fare in termini di produzione della documentazione”, ha spiegato l’azienda.

In Francia, non si dicono preoccupati per il futuro di Chantiers de l’Atlantique e per questi matrimoni falliti con Fincantieri. “Lo Stato francese detiene una quota significativa dell’84,3%, l’11,7% è detenuto da Naval Group. Il livello degli ordini è alto, coprono i prossimi anni e ci rassicurano. Ora inizierà una riflessione per valutare le strategie future”, spiegano le fonti di Bercy , il ministro dell’economia transalpino. “Non c’è nessun tipo di urgenza, ora apriremo una riflessione ed esamineremo tutte le opzioni che sono sul tavolo”, sottolineano.

Il ministro Le Maire al termine dell’incontro telefonico con Patuanelli e Vestager ha avuto un incontro con i rappresentanti delle autorità locali francesi e con il sindacato Saint-Nazaire. Si è quindi deciso di creare un think tank per valutare il futuro dei cantieri navali e le migliori opzioni possibili per il futuro dei cantieri Saint-Nazaire. “C’erano state manifestazioni di interesse nei cantieri navali che non erano state prese in considerazione perché eravamo impegnati con i nostri amici italiani. Adesso vedremo se ci saranno manifestazioni di interesse ma non è necessario fare un’alleanza per fare un ‘”alleanza”, spiega da Bercy. Il futuro di Chantiers de l’Atlantique dovrà però tener conto anche degli aspetti ambientali. “Siamo convinti che la via del futuro sarà quella delle navi meno inquinanti. Le discussioni su questo tema sono già state fatte e continueranno ”, sottolinea Bercy.

READ  Fatture: elettricità + 4,5% e gas + 5,3% nel primo trimestre 2021 - Economia

Si conclude dunque oggi una lunga telenovela iniziata nel settembre 2017 a Lione in occasione del vertice bilaterale Italia-Francia. Dalla firma del contratto di acquisto per l’acquisizione del 50% di Chantiers de l’Atlantique, firmato il 2 febbraio 2018, il mondo è cambiato profondamente.

Oltre al nodo di Bruxelles, negli ultimi mesi, si sono aggiunte altre incognite d’Oltralpe con il Senato francese, preoccupato per i livelli di occupazione dei cantieri locali e il rischio di un trasferimento di know-how. Verso la Cina in vista dell’Avventura siglata tra Fincantieri e China State Shipbuilding Corporation. Le fonti del ministero dell’Economia francese non sono sbilanciate su questa questione: “È una questione che riguarda le attività industriali di Fincantieri. Lo Stato francese è sempre stato attento e sarà sempre attento alla protezione del know-how di Chantiers de l’Atlantique “.

Nonostante questo stop, la cooperazione tra Francia e Italia continua nel campo navale. Come ha ricordato oggi il Ministero dell’Economia e degli Investimenti francese, “Francia e Italia restano pienamente determinate ad approfondire la loro cooperazione nel campo navale e cantieristico, in linea con le conclusioni del 34 ° vertice. Franco-italiano nel 2017. Il varo, il Il 18 maggio 2020, a Chantiers de l’Atlantique, della costruzione della prima delle quattro unità navali ausiliarie del programma Flotlog per la Marina francese, la cui parte anteriore è affidata al cantiere Fincantieri di Castellammare di Stabia, testimonia alla continua collaborazione tra Inoltre, la joint venture Naviris tra Naval Group e Fincantieri è pienamente operativa da gennaio 2020 e supportata da Francia e Italia. Naviris ha iniziato attivamente a considerare progetti di esportazione e ha avviato progetti di ricerca e sviluppo congiunti. Venture sta sviluppando anche progetti per le marine francese e italiana e per contesti più ampi, come lo sviluppo dell’Unione Europea Corvet per le pattuglie sostenute da Pesco “.

READ  La manutenzione delle auto elettriche costa la metà delle auto tradizionali, secondo un nuovo rapporto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *