Fluttuano ancora milioni di elettori: “dal 10 al 20% decide all’ultimo minuto”

Fluttuano ancora milioni di elettori: “dal 10 al 20% decide all’ultimo minuto”

Le cifre si basano su un sondaggio tra gli elettori. Secondo Rademaker, queste percentuali sono normali per le elezioni provinciali. “Decidere per quale partito votare è forse ancora più difficile in queste elezioni rispetto, ad esempio, al comune o alla Camera dei rappresentanti”, afferma. “La ricerca mostra che molti elettori basano i loro voti su una combinazione di questioni locali e nazionali”.

Meno fedeltà al partito

In tal modo, gli elettori devono fare delle scelte tra temi che apparentemente hanno poco in comune. Rademaker: “Come si rapporta l’arrivo delle pale eoliche o l’ampliamento di una strada a una questione nazionale come l’immigrazione? Sono davvero due elezioni in una, e poi abbiamo anche i Waterboards”.

Secondo il politologo e psicologo Roderik Rekker della Radboud University, ci sono tre tipi di elettori. “Hai il gruppo che è fedele a un partito o forse anche a un membro, il gruppo che decide durante la campagna e il gruppo che prende una decisione solo l’ultimo giorno”, spiega. “Il primo gruppo ora è molto più piccolo di prima.”

In passato, Rekker significa pillarizzazione e gli anni che seguono. “Durante la pillarizzazione, le persone avevano un partito fisso per cui votavano. I lavoratori hanno scelto il PvdA, i cattolici hanno votato per il KVP, ecc. Anche dopo la pillarizzazione, in parte è rimasto così. hanno votato per il partito con cui sono cresciuti”.

Gli elettori in questi giorni generalmente non sono più fedeli a un partito, dice Rekker, ma sono fedeli a un certo blocco. “Si considerano di sinistra, di centrodestra o di destra radicale. Si alternano regolarmente perché anche questi partiti spesso hanno punti di vista simili”.

READ  Attenzione alla moneta da 2 euro che non si trova: può valere molto

Temi principali

Per l’elettore fluttuante, i dibattiti possono fare la differenza. “Non molte persone lo guardano, ma gli elettori vedono cosa appare nei media a riguardo”, dice Rekker.

Secondo lui, il tema con cui si presenta un partito politico influenza anche il comportamento elettorale. “Associamo determinati temi a un partito. Un elettore che è già di destra opterà più rapidamente per il BoerBurgerBeweging se trova importante il dibattito sull’azoto”.

Anche i partiti rispondono in modo intelligente, avverte il politologo. “I politici preferiscono parlare dei propri temi, è bene esserne consapevoli come elettori. Perché questi temi spesso nazionali sono davvero la posta in gioco in queste elezioni dello Stato provinciale e dell’assessorato all’acqua? agire sulla costruzione di una provincia strada o il livello della tassa sull’acqua”.

Jeroen van Lindert, project manager di Kieskompas, osserva anche che molti elettori devono ancora fare la loro scelta negli ultimi giorni. “Il Kieskompas è già stato riempito oltre 2,1 milioni di volte. È stato estremamente affollato, soprattutto da questo fine settimana. Ieri oltre 300.000 persone hanno risposto alle domande e oggi è anche molto impegnato. Tra gli intervistati c’è un numero impressionante di giovani.

Indicatore di voto

Il politologo Rekker afferma che le guide al voto (online) possono fornire un quadro migliore di ciò che sta accadendo nella regione, ma allo stesso tempo mettere in prospettiva l’importanza del risultato: “Non attribuire troppa importanza al risultato, perché ci sono più motivi per votare per un partito. La filosofia di vita, per esempio. O perché trovi molto importante un tema specifico.

In ogni caso, nessuno nei Paesi Bassi è sorpreso da una valanga politica. Nelle precedenti elezioni provinciali, il Forum per la Democrazia è emerso come il grande vincitore, ora il BoerBurgerBeweging sembra prendere i seggi.

READ  Canoni Rai, morosità: esenzioni e cancellazioni

Rekker: “Rispetto ad altri paesi ci sono molti cambiamenti, ma non c’è paese al mondo con tanti partiti politici come i Paesi Bassi. All’estero hanno persino un termine per questa frammentazione e gli elettori che cambiano: olandese.

Questa sera i vertici del partito incroceranno le spade per l’ultimo verbale di un dibattito televisivo. Il sondaggista Rademaker non pensa che gli elettori fluttuanti lo trovino decisivo. “Gli elettori si concentrano su tutti i tipi di fattori: in parte sui leader di partito, ma più sulle posizioni dei partiti nazionali e regionali. Tra gli stessi elettori, solo il 6% afferma che i dibattiti televisivi influenzano la loro scelta”.

Nel 2019 l’affluenza alle urne è stata del 56,2% degli aventi diritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *