FNV Youth Care deciderà le azioni in un secondo momento | ADESSO

FNV Youth Care ha annunciato che rinvierà per il momento la decisione su qualsiasi azione nel campo dell’assistenza ai giovani. In precedenza, il sindacato del ministro Franc Weerwind (Tutela legale) aveva chiesto che fossero stanziati strutturalmente ulteriori 400 milioni di euro. Un ultimatum scade venerdì, ma al momento non verrà intrapresa alcuna azione.

FNV Youth Care vuole che i soldi vengano utilizzati per assumere migliaia di nuovi operatori giovanili. L’ultimatum è scaduto alle 17 di venerdì. Se Weerwind non avesse aderito a questo, sarebbero seguite le azioni.

Secondo un portavoce di FNV, il ministero ha ora chiesto in una lettera di attendere con questo, poiché le misure sono in cantiere. Ma le prime reazioni dei membri della FNV dimostrerebbero che questa richiesta non è ben accolta. Le azioni possono quindi seguire, ma questa decisione non è stata ancora presa.

Le persone che lavorano come tutori dei giovani hanno in media il doppio dei clienti del loro manager. Il sindacato ha recentemente affermato questo sulla base di un’indagine su più di quattrocento giovani protettori.

Secondo FNV, ricerche precedenti suggeriscono che un operatore giovanile non può supervisionare più di otto o nove famiglie. L’indagine ha mostrato che ogni professionista ora aiuta in media diciotto famiglie, ovvero circa il doppio. La FNV afferma che sono necessari 5.000 nuovi tutori per i giovani per alleggerire il carico di lavoro.

Oltre a 400 milioni di euro, il sindacato vuole anche che Weerwind elabori uno standard nazionale che indichi chiaramente il numero di famiglie che un operatore giovanile può supervisionare. La FNV sostiene un massimo di otto famiglie per dipendente.

READ  Presto anche il boss di Twitter: l'idiosincratico ed esigente Elon Musk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.