Freek Vonk fa una scoperta speciale in Australia: “Tutto nuovo per la scienza” | Natura

L’Australia, una delle mie destinazioni preferite, è aspra, varia e brulica di animali velenosi. Non avrei mai immaginato di fare una scoperta davvero speciale in uno di questi viaggi in Australia.

È stata una splendida giornata di riprese. Il mio equipaggio ed io siamo stati in grado di catturare fantastici serpenti marini e l’atmosfera era buona. La nostra barca attraccò di nuovo nel porto di Weipa, una città mineraria nell’Australia nord-orientale. Stanco ma soddisfatto, scesi il molo fino alla mia jeep. È ora di rilassarsi, ho pensato.

Finché non vedo qualcosa che striscia ai miei piedi. Là si contorceva un piccolo serpente con anelli bianchi e neri, lungo meno di quattro piedi e spesso come una grande matita. Un bandy-bandy; Ho subito riconosciuto quel motivo a righe, la pelle lucida e gli occhietti. Lo schema di avvertimento in bianco e nero era molto simile ai serpenti marini che abbiamo filmato.

Le bande bande, come suggerisce il loro modello di pelle, sono velenose, ma a differenza dei serpenti marini, non sono pericolose per l’uomo. Il loro veleno è debole e la loro bocca è troppo piccola per morderci. I bandy bandy sono cacciatori altamente specializzati che cacciano solo serpenti verme. Questi serpenti simili a cobra scavano tunnel sotterranei.

Cosa ci faceva questo animale qui, su un blocco di cemento in riva al mare? Ho visto la dichiarazione qui sotto. Nelle vicinanze c’era un grosso mucchio di macerie di bauxite, pronte per essere spedite. Lì, molto probabilmente il serpente è strisciato dopo essere sopravvissuto a uno scavo nel sito della miniera di bauxite.

READ  La metà dei bambini con sindrome infiammatoria post-Covid ha problemi neurologici

C’è un’altra cosa che ha attirato la mia attenzione. A quel tempo, c’erano cinque tipi di bandy bandy noti alla scienza, ma questo non sembrava proprio lo stesso. Non sorprende di per sé, poiché molte differenze possono verificarsi anche all’interno della stessa specie. Ma con tutta la mia esperienza con i serpenti, avevo il forte sospetto che ci fosse dell’altro qui.

Ho informato i colleghi biologi australiani e il resto è storia. Dopo alcuni anni di ricerche morfologiche e genetiche e alcune nuove osservazioni dello stesso tipo di bandy-bandy, il sospetto è stato confermato: il serpente che strisciava su un’impalcatura era tutto nuovo per la scienza!

Infatti, appena scoperto, era già in pericolo. Ciò è dovuto alla loro scarsa visibilità, al piccolo raggio e alle operazioni minerarie locali che distruggono il loro habitat. Ora che sappiamo che ci sono anche bandy-bandy qui, speriamo di poterli proteggere. Era un sogno poter descrivere una nuova specie dopo anni di ricerche.

Certo, non sapevo quel giorno sul molo. Sono andato a bere una birra con i ragazzi in una giornata di riprese di successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.