Funghi ostrica in crescita su fondi di caffè. Mmm, questa è un’idea | baliato

SAINT MICHIESLGESTEL – Da dove viene il nostro cibo? Chi lo produce? E cosa consumiamo noi stessi? Oggi, queste sono domande che vanno oltre i nostri confini olandesi. Ed è anche quello che stanno facendo questa settimana gli studenti del 4° e 5° anno del Gymnasium Beekvliet: insieme a studenti italiani e tedeschi, stanno indagando sulla nostra produzione e consumo di cibo. Come può essere più sostenibile?

Una volta all’anno, lo spirito dell’Erasmus perseguita per una settimana l’edificio del Gymnasium Beekvliet. Uno scambio scolastico, con studenti provenienti da Italia e Germania come ospiti quest’anno. Gli studenti sono quindi autorizzati a considerare le questioni principali. Il tema di questa settimana è la nostra produzione e consumo di cibo. E più nello specifico, come possiamo renderlo più sostenibile?

Gli studenti delle scuole superiori di Gestelse lo stanno studiando insieme ai loro colleghi di Schwanewede, Germania e Desenzano del Garda. L’ingresso scozzese di Edimburgo ha perso di vista corona e Brexit.

fondi di caffè

Gli studenti delle scuole superiori hanno potuto vedere già martedì come la transizione alimentare è già in atto e per questo diversi gruppi si sono recati o alla De Verspillingsfabriek di Veghel, oppure all’Avico di Venray o alla Fungi Factory di Utrecht. Quest’ultima è stata la meta del duo Marie Smulders e Alice Girelli.

Con una certa sorpresa e ammirazione, raccontano in poche parole ciò che hanno trovato. “Questa azienda coltiva funghi utilizzando fondi di caffè e trucioli di legno”, afferma Marie. La sua compagna Alice continua: ,, In diversi ristoranti, Fungi Factory raccoglie i fondi di caffè, li mescola con i trucioli di legno, quindi li cuoce a vapore. In definitiva, questo costituisce il terreno fertile per i funghi. Ecco come l’azienda tratta i rifiuti. L’idea di utilizzare i fondi di caffè per coltivare i funghi ostrica ha fornito ai due studenti l’ispirazione per le proprie idee.

READ  Sporco patto migratorio tra Italia e Libia: 5 anni di tortura, sfruttamento e detenzione (e l'Ue guarda dall'altra parte)


Preventivo

Come individuo puoi significare molto, ma si tratta di lavorare insieme

Binno Louwerenburg, coordinatore della settimana Erasmus

Non è ancora chiaro come intendano mettere in pratica la loro scelta. Hanno convenuto che sarebbe stato “qualcosa con sostituti della carne”. Eppure, questo mercoledì mattina, non si tratta nemmeno direttamente del cibo, del processo di sostenibilità. In questa settimana Erasmus vengono affrontate anche altre competenze. Ad esempio, le stanze 21 e 22 brulicano di voci.

Collaborare

Ciò è stato ottenuto dal docente Celin Cakmak della VU University di Amsterdam con la sua conferenza interattiva come ospite. Durante le sue due ore, vengono discussi aspetti completamente diversi del cibo o dei rifiuti. Si tratta di diversità, si tratta di avere una mente aperta, nessun pregiudizio, intersezionalità. Non c’è nulla di pedante in questo insegnante, ma una sfida e un ascolto dei risultati della consultazione all’interno dei sette gruppi.

Quello che gli studenti imparano gli uni dagli altri è più importante del venerdì, la presentazione del prodotto finale del gruppo. Qui si riuniscono i giovani che si stanno preparando per un futuro in cui possono assumersi la responsabilità e tenere conto del loro ambiente.

Nello spirito di

Il professore di fisica Binno Louwerenburg, che coordina anche la settimana Erasmus, dice: “Come individuo puoi significare molto, ma si tratta di lavorare insieme”.

Lo studente italiano Paolo, del gruppo di Alice e Marie, ama l’atmosfera del Gymnasium Beekvliet, l’apertura, il contributo di tutti, la comunicazione reciproca. ,,Mi piace molto”, dice Paolo, “sta andando molto bene in Olanda.” Nello spirito di Erasmo, che nei suoi scritti ha difeso anche la libertà intellettuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.