Funivia del Mottarone, “Un fischio forte poi lo schianto”. Ora la cabina era quasi al top – Corriere.it

Otto, dieci secondi al massimo. Matteo, uno degli uomini del Soccorso Alpino, guarda in alto verso la stazione di arrivo della funivia e cerca di immaginare il tempo impiegato per cadere da lì a dov’è, davanti al rifugio accartocciato. Dieci secondi al massimo, in realtà. Tempo infinito se rimani intrappolato in una scatola alta venti metri e scivoli sempre più velocemente. Dieci secondi per capire che non c’è salvezza, per vedere la morte avvicinarsi, forse per pregare; sicuramente da urlare. Poi il tonfo, il silenzio e un uomo che chiede aiuto così sconvolto dalla scena che riusciva a malapena a parlare. si è schiantato, la cabina si è schiantatadice la sua voce mentre trova la sua strada. Tentano di calmarlo ma lui ha visto questa capanna risalire, balbetta, trema. era così ieri pomeriggio a Stresa. L’allarme di quest’uomo – che aspettava l’attracco della funivia al Mottarone – è stato l’inizio di un pomeriggio drammatico. La notizia fa il giro del mondo in pochi minuti: è già arrivata una funivia che parte dalla sponda piemontese del Lago Maggiore per raggiungere il panoramico Mottarone, a 1.500 metri sul livello del mare. A bordo c’erano quindici persone (un numero esiguo secondo le regole anti-ovidio) e solo una è stata salvata, un bambino che i medici del Regina Margherita di Torino stanno cercando di strappare alla morte.

Giornata di sole e famiglie in viaggio

Fine settimana zona gialla, sole, temperatura e sistema di lavoro perfetti. Coppie e famiglie con bambini si imbarcano per unirsi al Mottarone, che in queste regioni è meta turistica di punta. Boschi, passeggiate, rifugi per il pranzo e il lago sullo sfondo per mille fotografie. più o meno mezzogiorno. La cabina si alza lentamente, come sempre. Rimbalza un po ‘su ogni pilone, come al solito. Sembra di vederli tutti, gli occhi incollati alle finestre che guardano il paesaggio lontano o la fitta foresta di pini e larici sottostanti. Ci sono tre bambini in questa piccola folla. Due sono nati nel 2015, l’altro ha due anni. I dodici adulti sono per lo più italiani o residenti in Italia, alcuni di nazionalità israeliana e uno iraniano. C’è piacere, nell’aria, leggerezza. Oltrepassi l’ultimo pilone, ancora qualche istante ed eccoci qui. La cabina sta per raggiungere il suo obiettivo. Mancano solo pochi metri al molo quando succede qualcosa. La fune di traino si spezza e l’uomo che lavora per la funivia e attende gli ospiti a monte vede scendere la cabina. Il cavo rotto quasi lo colpisce. Questa scatola volante e il suo carico umano si stanno rapidamente ritirando. In tal caso, i freni di emergenza dovrebbero funzionare e mantenere la cabina ferma in attesa dei soccorsi, ma niente di tutto ciò accade. L’auto scende e torna all’ultimo pilone appena salito. la fine. Giunti a questo punto, la parte che funge da uncino scarrucola e ricade sulla traccia di alberi tagliati che segna tutto il percorso del percorso Stresa-Mottarone. Quando colpisce il suolo, la cabina crea una sorta di cratere, come se fosse esplosa una bomba, nelle parole di chi ha visto la scena. Ma non ancora finito. Il pendio è così ripido che queste foglie ora accartocciate rotolano per altre decine di metri finché non si fermano contro gli alberi. Quando sono arrivati ​​i primi soccorritori, hanno trovato solo cinque persone ancora all’interno della cabina, tutte morte, compreso un bambino. la vittima più giovane, si chiamava Tom, aveva due anni. Gli altri sono stati gettati fuori dalla violenza dello schianto, a circa 30-40 metri di distanza. Tutt’intorno, in un raggio di decine e decine di metri, sono sparsi zaini, borse, vestiti, occhiali, cellulari, scarpe …

READ  Dramma del fuoco, Monte Pisano in fiamme. "Non interferire con i soccorsi", case evacuate


Il disperato viaggio in elicottero

C’è solo un vento leggero e caldo che soffia dalla valle, nessun suono tranne i passi e le urla degli uomini che cercano di scoprire se qualcuno è ancora vivo. I due bambini di cinque anni lo sono. Li portano via con l’elicottero, le condizioni di uno dei due, Mattia, sono disperate, gli mancano poche ore di fiato prima che il cuore gli ceda, al Regina Margherita di Torino. L’altro piccolo, Eitan, è israeliano e l’unico sopravvissuto di questa oscura storia. Gli uomini del Soccorso Alpino, i vigili del fuoco, gli operatori del 118, i fucilieri e tutti gli altri arrivati ​​davanti alla capanna, devono affrontare uno scenario di morte che non dimenticheranno mai. Quello che resta di quelle persone ricoperte dal foglio di alluminio utilizzato per il soccorso alpino. Accanto alle lamiere accartocciate della cabina c’è – in parte attorcigliato – il cavo che ha ceduto. Un solo cavo tagliato, gli altri sono intatti, spiega il tenente colonnello Giorgio Santacroce, comandante dell’unità operativa dei carabinieri di Verbania. Se una fune di sostegno si fosse rotta, ce ne sarebbe stata un’altra in grado di sostenere il peso della funivia e consentire il soccorso. Ma – affermano gli esperti – quando l’unica salvezza può arrivare dai freni che rompono il cavo di trazione, che ovviamente non ha funzionato come avrebbero dovuto ieri, per individuare le cause tecnico-organizzative dell’incidente. E mentre la Procura apre un fascicolo penale con le prime ipotesi di reato (ovvero omicidi multipli e lesioni colpose), gli operatori della funivia fanno sapere all’avvocato Pasquale Pantano che i controlli, le verifiche e la manutenzione sono tutti a posto. Quello che è successo è stato verificato. Spetta sempre al Ministero delle Infrastrutture fornire alcuni dati sui controlli finora supportati dalla fabbrica: la revisione generale avvenuta – si dice – nell’agosto 2016, i controlli sono proseguiti a luglio 2017 e poi ancora tra novembre e dicembre 2020. In particolare, a novembre 2020, sono state effettuate le verifiche tecniche sulle funi portanti, sulle funi di traino e sulla fune di soccorso. Eppure niente di tutto questo avrebbe potuto evitare il dramma di ieri. Marcella Severino, sindaco di Stresa, ha trascorso il pomeriggio in cima al Mottarone, sul luogo della tragedia. Riferisce di aver visto un cavo pulito e dice che alcuni testimoni hanno riferito di un forte sibilo prima di vedere la cabina ritirarsi rapidamente e poi essere lanciata quando si è schiantata contro il pilone. Quando è arrivato il momento di contare i morti, quando si è saputo che nemmeno uno dei bambini portati in ospedale non era sopravvissuto e proprio mentre il primo carro funebre le è passato, il sindaco è scoppiato in lacrime pensando a loro, a loro. perduto. bambini nel suo paese, nel suo pomeriggio soleggiato. una scena devastante ha tentato di descrivere ciò che ha visto. un brutto momento per me, per la nostra comunità e per tutta l’Italia.

READ  "Dov'è Lamorgese?". Tra rave e migranti, l'estate fallita del ministro
Posti delle quote per le regole anti-Covid

Con la fine della vita di 14 persone, sulla funivia Stresa-Mottarone viaggiava anche una cabina nella direzione opposta rispetto a questo autunno. Anche in questo caso era quasi giunto a destinazione (cioè alla stazione intermedia degli Alpini). Ma quando è scattato l’allarme, tutto si è fermato e le persone a bordo non sono riuscite a raggiungere il normale punto di discesa, sono state calate a terra con delle funi. Come sempre in tragedie come queste, il caso può fare la differenza tra la vita e la morte. Quando ho sentito la notizia dalla funivia, mi si è gelato il sangue: io e mio figlio di sei anni saremmo potuti essere in quella cabina, ha detto all’agenzia di stampa Adnkronos Dario Prezioso. Avevo deciso di portare il mio bambino in Alpiland dove c’è una pista di bob ma la cabina collinare era già piena quindi ci siamo fermati ad aspettare il prossimo, mai preso. Ha visto i morti davanti alla biglietteria, ha scambiato due parole … Nel frattempo spiegavo a mio figlio il funzionamento della funivia ho sentito bussare e ho visto cadere un cavo e la cabina partire bassa si subito bloccato. Pochi minuti dopo, lo avrebbe scoperto: lui e suo figlio avevano risparmiato per le regole anti-vuoto che richiedevano un numero limitato di passeggeri a bordo. Matteo, il soccorritore del Soccorso Alpino che ha immaginato gli ultimi dieci secondi di tutte queste morti, dice che faccio questo lavoro da 22 anni. Per me lavoro, lo so. In primo luogo, c’è chiarezza e intervento. Ma ci sono storie e scene che ti porti a casa, allora. Ci sono immagini che vedrò a lungo la sera, prima di addormentarmi. Questi corpi mutilati ricoperti di un foglio di alluminio non li dimenticheranno. Non dimenticare la mano del bambino senza vita.

READ  Vaccino Covid in Italia, record di 60.000 dosi in un giorno. Arcuri: "Il numero totale di iniezioni è di circa 235.000. Ma le consegne da Pfizer sono ritardate"

23 maggio 2021 (modificato il 24 maggio 2021 | 00:22)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *