Non ci sono, ovviamente, gatti viventi sul Pianeta Rosso, quindi questi graffi sono avvenuti in un modo diverso. Ma come?

foto spaziale della settimana è stato realizzato dal Mars Express e mostra uno dei tanti pozzi su Marte. Sono solchi lunghi e larghi, lunghi da centinaia a migliaia di chilometri. Ci sono 56 di queste cavità su questo pianeta roccioso. La foto della navicella europea mostra un dettaglio dell’area che chiamiamo Tantalus Fossae, dal nome del figlio di Zeus e Plutone. Non è sicuramente la fossa più grande del Pianeta Rosso. Questo onore va a Sirenum Fossae. Sirenum Fossae ha una lunghezza totale di 2.735 chilometri, che è la distanza da Dublino a Mosca.

Clicca sulla foto per vederne una versione più grande.

Come si forma una fossa?
Una fossa si forma quando la crosta di un pianeta viene allungata. Alla fine, la superficie si rompe, creando una depressione lunga e stretta. Le fosse di Tantalus Fossae sono state create dal vicino vulcano Alba Mons. È il più grande vulcano a scudo del nostro sistema solare e ha un diametro di 1600 chilometri. Non è il vulcano a scudo più alto, come va a questo onore Olimpo Mons† Con la crescita del vulcano, la superficie intorno ad Alba Mons si deformò e alla fine si fratturava. Vediamo questa fossa anche dall’altra parte del vulcano. Le fosse intorno ad Alba Mons sono lunghe fino a mille chilometri, larghe fino a dieci chilometri e profonde fino a 350 metri.

Le fosse circondano il vicino vulcano a scudo Alba Patera. Il riquadro bianco più grande mostra quale area Mars Express ha fotografato il 19 luglio 2021 durante la sua 22.173a orbita. La foto spaziale della settimana è un ritaglio di questa foto grande (la cornice bianca più piccola).

Marte non è l’unico pianeta con questi pozzi. 34 pozzi sono stati trovati anche su Venere. Fossae sono state avvistate anche su Mercurio, Encelado (luna di Saturno), Ganimede (luna di Giove) e Tritone (luna di Nettuno).

READ  Perché non è bene assumere troppo paracetamolo | Salute

Crateri da impatto molto giovani e molto vecchi
Nella foto vediamo anche un grande cratere da impatto. Se guardi da vicino, puoi vedere le linee dei pozzi che continuano nel cratere. Ciò significa che questo cratere si è formato prima delle fosse ed è quindi più antico. Il cratere leggermente più piccolo in basso a destra è apparso appena oltre i box.

Dieci anni di Mars Express
Il prossimo mese segneranno diciannove anni da quando l’agenzia spaziale europea ESA ha lanciato Mars Express. L’orbiter aveva il compito di studiare l’atmosfera e il clima del Pianeta Rosso. Gli scienziati volevano anche utilizzare l’orbiter per saperne di più sulla struttura, la mineralogia e la geologia di Marte. E se possibile, il Mars Express dovrebbe anche cercare tracce d’acqua. Molti di questi obiettivi sono già stati raggiunti† Non sembra che il Mars Express andrà in pensione a breve, quindi speriamo che il prossimo anno possiamo celebrare il 20° anniversario di questa centrale elettrica.

Negli ultimi decenni, telescopi e satelliti spaziali hanno catturato bellissime immagini di nebulose, galassie, vivai stellari e pianeti. Ogni fine settimana eliminiamo dagli archivi una o più foto spaziali impressionanti. Ti piacciono tutte le foto? Controllali su questa pagina