Gente al freddo, le compagnie energetiche guadagnano: “Ed è necessario”

Gente al freddo, le compagnie energetiche guadagnano: “Ed è necessario”

I problemi energetici si accumulano rapidamente. Le persone condividono pagamenti mensili assurdi, aziende come fornai o lavanderie vedono a malapena una via d’uscita e nel frattempo le cattive notizie continuano ad arrivare. Vattenfall ha alzato di nuovo i prezzi ieri.

La Russia chiude il rubinetto

La rabbia si concentra spesso sul governo e sui fornitori di energia. Naturalmente, potrebbero essere in grado di fare qualcosa per la crisi. Ma è difficile. Finché l’Europa continuerà a imporre sanzioni alla Russia, il principale rubinetto del gas russo, Nord Stream, rimarrà chiuso. Lo ha affermato il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, nel fine settimana.

Di conseguenza, l’offerta diminuisce, i prezzi aumentano ei fornitori di energia devono acquistare gas ed elettricità a un prezzo elevato. Questo alla fine viene trasmesso ai clienti. Di conseguenza, il fatturato delle società energetiche aumenta notevolmente, ma non il profitto. L’utile netto di Vattenfall per il primo semestre è stato di 990 milioni di euro, ben al di sotto dei 2,27 miliardi di euro dell’anno precedente.

Il profitto è buono, ma cosa è troppo?

Ma ancora: 990 milioni di profitto. Quando le famiglie sono sprofondate nella povertà e gli imprenditori rischiano il fallimento, sembra strano. L’economista di ING Gerben Hieminga spiega perché dopotutto potrebbe non essere così. “Le aziende energetiche devono realizzare un profitto per investire nella transizione energetica. Questo sta accadendo per il clima, ma anche per ridurre la dipendenza dal gas”.

Perché i parchi eolici, i campi con pannelli solari e altre fonti di energia sostenibile sono in parte finanziati dai profitti delle compagnie energetiche. “L’unica domanda è: quando c’è troppo profitto? È una discussione molto difficile”.

READ  Oltre 4.300 rifugiati ucraini al lavoro nei Paesi Bassi | Finanziario

Risparmio imposto da Bruxelles

Anche l’Europa è coinvolta nel dibattito sull’energia. In precedenza è stato discusso che i paesi dovrebbero risparmiare il 15% di gas da agosto ad aprile. Ora è trapelato anche che la Commissione Europea vuole introdurre lo stesso obiettivo di risparmio elettrico, Hieminga lo sa.

“Poi bisogna pensare a spegnere l’illuminazione pubblica, abbassare l’aria condizionata nei negozi, ma possibilmente anche ridurre la produzione, che consuma molta energia”.

Per ora, il risparmio è volontario. La commissione voleva poter applicare il risparmio di gas fin dall’inizio, ma questo è stato attenuato dopo i negoziati a Bruxelles. Se tuttavia si verificasse una grave carenza di gas, la situazione cambierebbe. Segue poi una votazione che può comunque portare al risparmio obbligatorio.

26 dei 27 paesi dell’UE hanno acconsentito, solo l’Ungheria non partecipa.

Inoltre, non tutti i fornitori realizzano grandi profitti. Nei Paesi Bassi ci sono circa 35 aziende che forniscono energia. Hieminga: “Molte di queste aziende sono piccole, non hanno capacità di produzione propria e quindi devono acquistare elettricità e gas da sole. Supponiamo di dover introdurre un prezzo massimo per l’energia e queste aziende devono pagare il resto da sole, quindi fanno una perdita e mentire per bancarotta”.

Tassa aggiuntiva per le società energetiche

Quest’ultimo è accaduto l’anno scorso presso diversi piccoli fornitori. Il risultato: le persone hanno dovuto cambiare fornitore e poi hanno pagato un sacco di soldi.

Nel pacchetto sul potere d’acquisto annunciato la scorsa settimana, il governo ha risposto alla domanda se le grandi aziende debbano rinunciare a qualcosa. Ad esempio, l’anno prossimo l’imposta sugli utili sarà aumentata e ci sarà un aumento dell’imposta sulle miniere. Quest’ultima è una tassa speciale per le società energetiche che estraggono il gas da sole e ora possono rivenderlo a un prezzo molto alto. Queste due misure dovrebbero generare circa 3,5 miliardi di euro. In questo modo, le società energetiche che realizzano profitti sostanziali vengono tassate ulteriormente.

READ  Il Festival della Liberazione di Groningen ha ricevuto un centinaio di e-mail minacciose: "Una banda di fascisti"

Un inverno freddo e quindi insostenibile?

Ciò è compensato da un aumento del 10% del salario minimo e da un aumento dell’indennità di alloggio. Puoi leggere l’intero pacchetto potere d’acquisto qui.

È troppo tardi per Jasmijn e David, vivevano insieme, ma ora costa troppo, come puoi vedere nel video qui sotto:

Il pacchetto potere d’acquisto non entrerà in vigore fino al 1° gennaio, a causa di “problemi di attuazione”. Ancora qualche mese, e saranno – se continua – mesi difficili.

Rinunciare alla comodità?

Hieminga afferma che il numero mensile di clienti potrebbe essere molto più basso, ma per questo devi sacrificarti. “Gli importi mensili elevati che vengono mostrati presuppongono che tu accenda il riscaldamento. C’è un’opportunità lì per i consumatori. Quindi scendi a compromessi sul comfort, ma potresti voler mantenerlo accessibile”.

Non carino, Hieminga lo riconosce subito. Ma si spera che – con le misure adottate il prossimo anno – sia unico. E c’è un altro dossier che può alleviare il problema energetico, ma di cui non amano parlare all’Aia. Gas di Groninga.

Troppo tardi per questo inverno

“È davvero una decisione politica. Ma vedi che in Germania tengono aperti anche i reattori nucleari per il prossimo inverno. In precedenza era innominabile. Se il bisogno è molto alto, questo tipo di domande si ripresenterà. Se vince il gas, aiuterebbe il mercato energetico sovraccaricato.

“Ecco perché il governo vuole estrarre più gas dai piccoli giacimenti nel Mare del Nord, ma sarà troppo tardi per il prossimo inverno. Se deve ancora essere fatto quest’inverno, non si può evitare di guardare anche Groningen”.

READ  Sempre meno rifugiati ucraini arrivano nei Paesi Bassi | interni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *