Giacca Embraer E190 KLM criticata

Giacca Embraer E190 KLM criticata

Un KLM Embraer E190 ha sventolato una bandiera arcobaleno da questa settimana. La compagnia aerea lo fa in un contesto di diversità, anche se non tutti ne sono entusiasti.

L’aereo è noto come PH-EZG. KLM desidera sottolineare che ogni dipendente deve sentirsi a casa. Fino ad agosto la compagnia aerea volerà comunque con questa veste. “Sottolineiamo questi valori e vogliamo trasmetterli anche con questa speciale livrea: un simbolo visibile per i dipendenti e per i nostri clienti che puoi essere chiunque tu voglia essere”, spiega Maarten Koopmans, direttore di KLM Cityhopper. Il telegrafo. Questa non è la prima azione sulla diversità. KLM ha precedentemente introdotto la possibilità per i viaggiatori di scegliere un’opzione neutra rispetto al genere quando prenotano un volo, invece di dover semplicemente selezionare “maschio” o “femmina”. Al momento, possono utilizzarlo solo i passeggeri provenienti da Paesi Bassi, Germania, Stati Uniti e Regno Unito.

Recensione Bandiera Arcobaleno

Sebbene KLM cerchi di rappresentare quanti più interessi possibile, non tutti sono contenti del nuovo look dell’E190. Soprattutto perché la compagnia aerea opera a livello globale, l’iniziativa potrebbe non avere lo stesso successo in tutti i paesi. Alcuni paesi non vedono nulla nella diversità. KLM offende un folto gruppo di passeggeri musulmani con le bandiere arcobaleno. E per quanto riguarda i nostri dipendenti islamici”, sostiene un dipendente anonimo di KLM. Un altro dipendente ritiene che ci siano molte altre opportunità per essere diversi. Per questo non è necessario un E190 con una bandiera arcobaleno. “Come azienda internazionale, l’antenna deve essere più alta del proprio personale, soprattutto se è qualcosa che attira l’attenzione. Potrebbe andare storto”, aggiunge un insider. Tuttavia, KLM non si aspetta di finire nei guai a livello internazionale, poiché questa “non è una dichiarazione politica”.

READ  Rocco è tornato, lotta nel PD e gli orsi: così, oggi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *