Volt rimanda indietro Gündogan, nella stanza accanto canta l’SGP

Volt rimanda indietro Gündogan, nella stanza accanto canta l’SGP

Nell’Aletta Jacobszaal, accanto alla Sala Grande della Camera dei Rappresentanti, il leader del partito Laurens Dassen e la parlamentare Marieke Koekkoek van Volt aspettavano Nilüfer Gündogan da quasi quindici minuti. Martedì mattina alle dieci meno un quarto, si stavano incontrando per discutere di un emendamento alle regole della band, per cui Gündogan sarebbe stato definitivamente espulso dalla band, questa volta con una base legale. Come membro di Volt, solo di recente le è stato permesso di votare su questo.

Ma lei non è venuta.

Nella sala riunioni attigua, la fazione SGP, il partito che ha esattamente un secolo più di Volt Nederland, ha cantato “O testa piena di sangue e ferite” dalla Passione di Matteo. Gundogan ha detto ai giornalisti che era malata a casa e tosseva molto. Badgers e Koekkoek si sono incontrati, un dipendente ha impiegato minuti. Dassen ha provato a chiamare Gundogan due volte, ma lei non ha risposto. Aveva espresso il suo disaccordo con il cambiamento in un’e-mail la sera prima, ed era stato menzionato durante l’incontro, sebbene un voto scritto non contasse formalmente. Ad ogni modo, erano due a uno.

Alle 11:50, Dassen ha detto ai giornalisti fuori dalla stanza: “Abbiamo deciso di porre fine all’iscrizione della signora Gundogan al partito.

Di ritorno dal gruppo

Era già stata sospesa più di quattro settimane prima, dopo le denunce di comportamenti trasgressivi nei confronti dei dipendenti, ed era stata anche espulsa dal gruppo. Ma il giudice ha poi stabilito che era illegale: Volt aveva violato le regole della band che non prevedevano la sospensione e l’espulsione. Ora è successo secondo le regole, il le notizie

READ  Elon Musk ha avuto una relazione con la moglie del co-fondatore di Google Sergey Brin Stars

Nilüfer Gündogan rimarrà un parlamentare, ha detto dopo il voto. Ha rifiutato di commentare ulteriormente perché è malata. L’indagine dell’agenzia per l’integrità Bing sui tredici rapporti su Gündogan probabilmente non sarà mai completata, perché Gündogan si rifiuta di collaborare. I giornalisti, cinque dei quali avevano NRC parlato, parlato di comportamenti sessualmente trasgressivi, scalpitare, bullismo e abuso di posizione.

Leggi qui l’indagine dell’NRC su Nilüfer Gündogan

Ad esempio, la Camera dei rappresentanti ora è composta da venti gruppi politici, un record. Da marzo dello scorso anno, ci sono già state quattro scissioni di parlamentari: Wybren van Haga si è separato dall’FVD insieme a due membri del partito. Liane den Haan ha lasciato 50PLUS. Pieter Omtzigt CDA. La Camera dei Rappresentanti sarà solo ulteriormente frammentata. E non solo perché i partiti hanno sempre meno successo nell’attirare elettori, sembra anche sempre più difficile mantenere a galla una frazione.

Frammentazione rapida

Le divisioni sono senza tempo, afferma il professore di storia parlamentare Bert van den Braak. Ad esempio, tra il 2003 e il 2006, sette dei 150 deputati si sono separati dal loro gruppo. “Ma la velocità con cui questo sta accadendo ora è sorprendente”.

Nell’ultimo anno, tutti e quattro i casi hanno coinvolto parti con problemi interni. Il CDA era in un vuoto di potere. Il FVD è crollato a causa, tra le altre cose, della radicalizzazione di estrema destra di Thierry Baudet. A 50PLUS c’era stato il caos per anni. E il giovane Volt party sta pagando il prezzo dell’inesperienza: Volt Nederland nasce come progetto di amici. Questo club di amici ha conosciuto una rapida crescita (il partito conta più di 13.000 membri) senza che l’organizzazione del partito si sia adattata ad esso. Né c’era una tradizione o cultura di partito in cui emergessero candidati di successo, ad esempio a livello locale o regionale. Regolamenti del partito o della fazione, politica del personale, un consiglio competente: tutto questo non c’era o era insufficiente, afferma lo stesso Volters. Ad esempio, non è successo nulla quando la campagna dell’anno scorso ha mostrato che Nilüfer Gündogan e Laurens Dassen non si fidavano l’uno dell’altro e non avrebbero mai potuto lavorare bene insieme. Ha anche portato a un rapporto di comportamento intimidatorio su Gündogan, da parte di una donna di allora diciassette anni, che ha raggiunto il presidente (allora ancora Laurens Dassen), ma non è stato fatto nulla al riguardo.

READ  Volt: piano di emergenza rapido per risparmiare energia, niente cetrioli serra

Alla Volt, che prosegue con due seggi, i disordini non sono ancora finiti, anche se Gundogan ora è scomparso. La parte presenterà appello alla sentenza del giudice sommario all’inizio di questo mese, che giudice che Volt ha dovuto accettare Gundogan a favore. Anche questo ha ragioni costituzionali: Volt vuole contestare che un giudice può decidere sulla composizione dei gruppi parlamentari. E il 24 aprile ci sarà un congresso del partito, durante il quale si discuterà con i membri “l’attuale situazione”. Questo congresso può essere utilizzato dai detrattori di Dassen per mettere in discussione la sua leadership. Internamente, ci sono molte critiche sulla gestione di questa crisi da parte di Volt.

Laurens Dassen è apparso sollevato quando ha detto ai giornalisti martedì pomeriggio che “vuole imparare lezioni” dal caso. Anche se, proprio come il momento della stampa precedente, dopo la sentenza del tribunale, non ha potuto evitare di essere intrappolato in ascensore dai giornalisti che hanno continuato a fare domande sul futuro incerto di Volt.

Leggi anche questo rapporto del procedimento sommario di Gündogan contro Volt

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *