Gli agricoltori della Gelderse Vallei non si fidano del programma di riscatto

Gli agricoltori della Gelderse Vallei non si fidano del programma di riscatto

Contadini della Gelderse Vallei a colloquio con Nieuwsuur
  • Dieuwke van Ooij

    Giornalista

  • Dieuwke van Ooij

    Giornalista

Oggi, il Dipartimento dell’Agricoltura pubblica online un modello di calcolo che gli agricoltori possono utilizzare per vedere se sono un cosiddetto caricatore di punta. Lo sono se espellono troppo azoto vicino a un’area protetta Natura 2000. Ma pochi agricoltori sono interessati a un simile sistema di riscatto.

Questo emerge da una conversazione con alcuni allevatori della Gelderse Vallei che, questo fine settimana, su invito di Newsuur ha espresso il proprio parere sull’attuale dossier sull’azoto.

‘Sul mio cadavere’

Il ministro vuole individuare, utilizzando lo strumento di calcolo, circa 3.000 allevamenti lattiero-caseari, suini, vitelli e pollame idonei all’acquisizione. Questa disposizione significa che gli agricoltori possono vendere le loro fattorie allo stato per il 100 o il 120 percento del valore. Per ora sarà volontario.

“Sul mio cadavere me ne vado. Continuerò, anche se è con due mucche, se posso metterci la mia passione”, afferma risolutamente l’allevatore Elton van Ginkel.

Lui ei suoi colleghi allevatori nella Gelderse Vallei affermano di non avere fiducia nei regolamenti e nelle politiche degli attuali ministri Piet Adema e Christianne van der Wal. Quest’ultimo ha effettivamente annunciato lo strumento di calcolo per sbloccare la situazione di stallo. Gli agricoltori possono immediatamente vedere se la loro azienda sta emettendo troppo azoto. Lo spazio di azoto che si libera dopo il subentro è destinato principalmente agli agricoltori sprovvisti di permesso non per colpa loro: i cosiddetti rilevatori PAS.

“Perché collaborare? »

Apeldoorn pensa che ci siano partiti politici alla Camera che sono soddisfatti solo “quando se ne va l’ultimo agricoltore”. “E questo mentre il resto dell’economia può continuare a crescere. Perché dovremmo partecipare a questo processo? Dobbiamo solo avere il diritto di esistere”, spiega l’agricoltore.

Molti giovani agricoltori non hanno certo intenzione di rinunciare ai loro progetti per il futuro, nonostante le norme più severe sull’azoto. Henriëtte Rozendaal, allevatrice di vitelli: “Nessuna vittoria senza battaglia. Tutto questo mi rende solo più combattivo.”

“Niente importa”

La mancanza di fiducia nella politica significa che c’è poco entusiasmo per la firma di un accordo. “Non dovresti fare accordi con partiti di cui non ti fidi. Al momento non credo che tutto sia degno di fiducia a L’Aia e Bruxelles”, dice uno.

La maggior parte degli agricoltori vuole principalmente continuare la propria attività agricola. E vogliono pensare insieme a soluzioni per le emissioni di azoto. Van Ginkel: “Nella Gelderse Vallei, al nostro ritmo si può ottenere una riduzione del 50%. Se conti tutti i settori. Se il mio vicino si ferma ora, non conta. Darò da mangiare meno proteine, allora non conta . Nulla ha importanza, a meno che Schiphol non acquisti i permessi per poter volare di nuovo, allora è improvvisamente permesso.”

La sfiducia degli agricoltori nei confronti dei responsabili politici deriva principalmente dal fatto che non c’è un obiettivo finale in vista, afferma l’allevatore Apeldoorn. “Non appena questo obiettivo finale sarà chiaro agli agricoltori, potremo andare avanti. Dopo quattro anni, non sappiamo ancora dove siamo. Fintanto che altri settori dell’economia olandese possono continuare a crescere, non possiamo mai finire come agricoltori.

READ  Lo stratagemma dell'ibrida plug-in 2/Tre stalli, tre abusi. O no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *