Gli anelli intorno a Saturno scompaiono. Ma niente panico, anche Marte ne avrà un po’

Di tutti i pianeti del nostro sistema solare, Saturno è forse il più bello. Da vicino, gli anelli intorno al pianeta brillano di rosa tenui, grigi e marroni. È difficile immaginare Saturno senza di loro. Ma gli anelli di Saturno non sono una caratteristica permanente. Infatti scompaiono.

Tutti i pianeti gassosi del sistema solare hanno un sistema ad anello, ma questo è stato scoperto solo alla fine del 20° secolo. Il sistema di anelli di Saturno è di gran lunga il più sorprendente ed è stato osservato molto prima. Nel 1610 Galileo Galilei guardò Saturno e vide tre oggetti invece di uno. Stupito, Galileo credeva che il pianeta avesse due anse (ansae). Quando li guardò di nuovo due anni dopo, erano scomparsi, per poi riapparire due anni dopo, più nitidi che mai. Mezzo secolo dopo, grazie al miglioramento della tecnologia dei telescopi, Christiaan Huygens fu il primo a confermare nel 1655 che questo anae era in realtà un anello attorno al pianeta. Huygens ha descritto un anello sottile e piatto che non ha mai toccato il pianeta.

Giovanni Cassini dimostrò nel 1675 che l’anello era in realtà costituito da due anelli, tra i quali vi era una separazione che fu poi chiamata separazione Cassini. Nel 1858, James Clerk Maxwell dimostrò che gli anelli dovevano contenere ghiaia e pezzi di roccia.

Osserviamo gli anelli di Saturno al loro apice

Le ultime scoperte mostrano che si tratta di un sistema di innumerevoli piccoli anelli discreti con partizioni strette e vuote tra questi anelli. Gli anelli sono spessi in media solo circa 20 metri e sono costituiti da particelle di ghiaccio e polvere di meteorite. I blocchi di ghiaccio e roccia sono diversi per forma e diametro, ma in apparenza gli anelli sembrano grandi piatti rotondi. L’intero sistema è concentrico, perché le numerose lune di Saturno subiscono e causano fluttuazioni gravitazionali.

READ  "In autunno nuova ondata di contagi, chi non si vaccina non mostra solidarietà"

Gli anelli intorno a Saturno perdono materiale ogni anno. Le micrometeoriti in arrivo e la radiazione solare disturbano i minuscoli frammenti polverosi di materia ad anello, elettrizzandoli. Le particelle, improvvisamente trasformate, si trovano nelle linee del campo magnetico di Saturno. Quando si avvicinano troppo alla sommità dell’atmosfera di Saturno, la gravità li attira ed evaporano nelle nuvole del pianeta.

Gli astronomi chiamano questo fenomeno “pioggia ad anello” e nel tempo il fenomeno eliminerà l’elemento distintivo che rende Saturno così speciale per noi fino a quando non rimarrà più nulla. In altre parole, stiamo guardando gli anelli di Saturno al loro apice, uno spettacolo meraviglioso che sembra immutabile dal nostro punto di vista, ma è fugace su larga scala.

Abbiamo ancora 300 milioni di anni

Può essere utile sapere che il processo richiederà del tempo: gli scienziati stimano che gli anelli spariranno completamente in circa 300 milioni di anni. Quindi abbiamo ancora tutto il tempo per ammirare e studiare la bellezza degli anelli di Saturno. Perché mentre gli astronomi capiscono che gli anelli stanno scomparendo, non sanno ancora tutto su di loro, incluso come Saturno li ha ottenuti in primo luogo.

Ci siamo avvicinati per la prima volta agli anelli di Saturno all’inizio degli anni ’80, quando la navicella spaziale Voyager della NASA ha sfrecciato oltre in un grande tour dei pianeti esterni. A quel tempo, gli scienziati sospettavano che gli anelli si fossero formati vicino a Saturno circa 4,6 miliardi di anni fa, quando il sistema solare era giovane ed esuberante. Con oggetti rocciosi che volavano ovunque, un nuovo pianeta avrebbe potuto facilmente afferrarne alcuni, facendoli oscillare attorno al suo centro e appiattendoli per gravità.

READ  le parole del virologo Silvestri sono incoraggianti

Saturno non aveva anelli quando i dinosauri vagavano per la terra

Ma il panoramica de Voyager ha suggerito una storia diversa. Le osservazioni hanno catturato gli anelli in modo più dettagliato che mai, rivelando che il sistema non aveva la massa prevista dai ricercatori, il che significa che gli anelli non potevano avere miliardi di anni. Gli anelli devono essere stati molto più giovani, forse solo da 10 a 100 milioni di anni. Il sistema di anelli di Saturno era sembrato vecchio quanto lo stesso sistema solare; ora sembrava che gli anelli non esistessero nemmeno quando i dinosauri iniziarono a vagare per la terra. Il sistema solare si era quindi stabilizzato, quindi Saturno da dove avrebbe prelevato la materia prima per gli anelli?

Nel 2017, la sonda Cassini della NASA ha sorvolato gli anelli di Saturno, inviando quante più informazioni possibili prima che la sonda si autodistruggesse nell’atmosfera del pianeta. Le ultime misurazioni hanno confermato ciò che avevano osservato le missioni Voyager, ovvero che gli anelli non erano abbastanza massicci per essere antichi.

Non sappiamo ancora come si siano formati gli anelli

La comunità scientifica non ha ancora raggiunto un consenso sulla storia dell’origine degli anelli di Saturno. Ma se gli anelli sono davvero cosmicamente giovani, gli scienziati affermano che probabilmente si sono formati quando una delle lune di Saturno, a sua volta piuttosto vecchia, si è avvicinata troppo e si è lacerata. Questa luna probabilmente non era nemmeno un grosso problema. La nostra luna potrebbe essere usata per creare migliaia di sistemi di anelli come quello di Saturno.

READ  Che tipo di amante sei? Questo test psicologico lo rivela

Quando Cassini si è tuffato tra Saturno e gli anelli, siamo stati in grado di misurare la quantità di materiale degli anelli che scorre verso il pianeta. La missione Voyager aveva già visto le prove della fuoriuscita di materiale dagli anelli su Saturno, ma Cassini ha permesso agli astronomi di indagare davvero sul fenomeno e fare le loro migliori stime sulla vita degli anelli.

Anelli intorno a Marte in arrivo

Quindi altri 300 milioni di anni buoni. Ma ciò non significa che forse un giorno, dopo la scomparsa degli anelli di Saturno, l’universo sarà in grado di dare al pianeta un set completamente nuovo. Giove, Urano e Nettuno hanno tutti gli anelli. Sono cose vaghe, ma ci sono, e probabilmente erano molto più massicce molto tempo fa. Le forze cosmiche, tra l’altro, sono già al lavoro con la prossima aggiunta del sistema solare. Da qualche parte tra 20 milioni e 80 milioni di anni fa, Phobos, una piccola luna di Marte, probabilmente si disintegrerà. I frammenti gireranno intorno al Pianeta Rosso e si stabiliranno in anelli intorno a Marte.

(kg)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.