Gli scienziati trovano un legame tra terremoti e raggi cosmici

Gli scienziati trovano un legame tra terremoti e raggi cosmici

In un articolo di Rivista di fisica atmosferica e solare-terrestre affermano di aver dimostrato una relazione statistica tra l’attività sismica sulla Terra e i cambiamenti nell’intensità dei raggi cosmici provenienti dallo spazio misurati sulla superficie del nostro pianeta.

Il campo magnetico influenza la radiazione

I raggi cosmici sono particelle ad alta energia provenienti dallo spazio che colpiscono la Terra. La radiazione diretta è chiamata radiazione primaria ed è costituita da elettroni liberi e nuclei atomici.

Quando la radiazione primaria colpisce l’atmosfera terrestre, le particelle entrano in collisione con le molecole di gas, creando le cosiddette particelle secondarie come muoni e neutrini.

La maggior parte di queste particelle viene assorbita nell’atmosfera prima di raggiungere la Terra. E gli scienziati del CREDO hanno studiato i cambiamenti in questi raggi cosmici secondari.

Diversi scienziati ritengono che le correnti parassite nel nucleo liquido della Terra generino il campo magnetico terrestre, che protegge e devia le particelle cariche nei raggi cosmici primari.

Il team di ricerca sospetta che se i forti terremoti sono collegati a disturbi nelle sostanze che alimentano la “dinamo” interna del pianeta, potrebbero potenzialmente alterare il campo magnetico.

Questo, a sua volta, influenzerebbe le traiettorie delle particelle primarie dei raggi cosmici in un modo che dipende dalle dinamiche di disturbo all’interno del pianeta.

Ciò dovrebbe consentire agli strumenti di misurazione sulla Terra di rilevare i cambiamenti nel numero di particelle di raggi cosmici secondari rilevati.

Quindi, se i ricercatori vedono cambiamenti nei raggi cosmici secondari, potrebbero essere correlati al campo magnetico terrestre mentre l’attività del nucleo cambia e i terremoti potrebbero essere in arrivo.

Rispondi nelle statistiche

Per verificare questa affermazione, i ricercatori hanno analizzato i dati sul livello di intensità dei raggi cosmici dalla rete internazionale Neutron Monitor Database e dall’Osservatorio Pierre Auger in Argentina.

Questi dati sono stati confrontati con i cambiamenti nell’attività solare nei dati del Centro di analisi dei dati sulle influenze solari e le informazioni sull’attività sismica sulla Terra dall’US Geological Survey.

Osservando periodi di tempo specifici dalle diverse fonti di dati, i ricercatori hanno trovato una chiara correlazione tra i cambiamenti di intensità dei raggi cosmici secondari e la magnitudo di tutti i terremoti di 4 o più sulla scala di Richter.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che 15 giorni dopo il cambiamento del raggio cosmico secondario, il numero di attività sismiche è aumentato. Questo può annunciare un terremoto con largo anticipo.

Anche se gli scienziati sottolineano che questo non significa che i raggi cosmici causino terremoti, vedono un legame tra i due fenomeni.

La scoperta inoltre non dice nulla sulla posizione di un terremoto, solo sull’attività sismica globale.

I ricercatori sperano che la connessione possa diventare più chiara e che questa conoscenza possa essere utilizzata per anticipare i terremoti con largo anticipo.

READ  ILARIA CAPUA parla ancora, il VIROLOGO ha spiegato perché COVID-19 si è diffuso tanto "ILMETEO.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *