Gli scienziati vedono i pesci nuotare a una profondità record di oltre 8 chilometri

Gli scienziati vedono i pesci nuotare a una profondità record di oltre 8 chilometri

Gli scienziati vedono i pesci nuotare a una profondità record di oltre 8 chilometri

È incredibile, perché la vita a più di 8 chilometri di profondità è tutt’altro che facile. Ma questo chiaramente non impedisce a queste grotte di lumache di vivere o sopravvivere a questa profondità estrema.

È l’agosto del 2022 e la nave da ricerca La caduta di pressione dirigiti verso profondi avvallamenti in giro per il Giappone. Lì, gli scienziati – aiutati da un sistema di telecamere che scendono ripetutamente nelle profonde cavità – aprono la caccia al pesce vivente più profondo del mondo. E con successo. Perché a una profondità di 8336 metri, avvistano un delfino-chiocciola apparentemente spensierato, appartenente a una specie ancora sconosciuta all’interno del genere pseudoliparis. E con ciò è stato stabilito un nuovo record: i pesci non sono mai stati ripresi a profondità così elevate.

un altro record
E non è tutto. Perché pochi giorni dopo, i ricercatori hanno anche catturato in uno degli abbeveratoi due delfini lumaca, appartenenti alla specie Pseudoliparis belyaevi. I pesci nuotano in trappole poste a una profondità di 8022 metri. E anche questo è un record; nessun pesce è mai stato pescato a profondità superiori agli 8.000 metri.

Ricco di vita
“I trogoli giapponesi sono ottimi posti da esplorare”, ha detto il ricercatore Alan Jamieson. “Sono – anche fino in fondo – così ricchi di vita.”

E che vicino al fondo siano stati trovati anche crankbait è davvero speciale. “Studiamo queste profonde grotte di lumache da oltre 15 anni… e la profondità massima a cui possono sopravvivere è davvero sorprendente”, ha detto Jamieson. Perché la vita a così grandi profondità è tutt’altro che facile. “La bassa temperatura e l’alta pressione mettono a dura prova le cellule (di questi pesci, ndr)”, spiega. Scientias.nl fuori. “E poi hai anche il problema che non c’è molto cibo da trovare. Quindi è un ambiente molto estremo in molti modi.

READ  i casi ammontano a 38 - ilVizzarro -

Adattato alla vita in alto mare
Ci sono diversi motivi per cui le lumache riescono a sopravvivere lì. “Prima di tutto, a differenza di molti altri pesci, non hanno una vescica natatoria”, dice Jamieson. Una vescica natatoria è una cavità piena di gas (o talvolta olio) che consente ai pesci di regolare la propria densità e quindi di rimanere a una certa profondità, senza dover investire molti movimenti di nuoto (e quindi energia). Molto pratico, a meno che non si viva a grandi profondità e quindi sotto forte pressione. Questo è il motivo per cui molti pesci di acque profonde devono fare a meno della vescica natatoria. E questo vale anche per le profonde grotte di lumache. “Si sono adattati alla vita senza vescica natatoria”, afferma Jamieson. “Ad esempio, le loro ossa hanno una densità inferiore e invece di pelle e squame, hanno una pelle gelatinosa che galleggia meglio”. Garantisce che il pesce, anche se deve fare a meno della vescica natatoria, possa ancora aggrapparsi un po’ più facilmente, o con un po’ meno sforzo, alla profondità desiderata. E infine, anche i delfini lumaca hanno adattato la loro dieta per sopravvivere a grandi profondità. “Mangiano anche anfipodi; uno dei pochi organismi abbondanti a maggiori profondità.

Abbondante
E con questi accorgimenti le chiocciole – specie nelle mangiatoie giapponesi – sembrano cavarsela bene. “In altre cavità, come la Fossa delle Marianne, i gusci di lumaca diventano scarsi man mano che si va in profondità, ma in Giappone sono in realtà piuttosto abbondanti”.

pesce giovane
Anche se ci sono un sacco di queste lumache sofferenti nelle cavità giapponesi, anche a profondità estreme, l’esemplare vivente più profondo che i ricercatori hanno catturato sulla fotocamera è sorprendentemente una giovane lumaca estremamente piccola. Questo può essere spiegato; nel caso delle lumache, è vero che i loro piccoli – a differenza di quanto vediamo con molti altri pesci di acque profonde – cercano effettivamente il bordo più profondo dell’habitat.

READ  I dinosauri alati che non potevano volare

Il record può essere difficile da battere
Ora che questo giovane pesce entra nei libri come il pesce vivente più profondo mai registrato dalla telecamera, sorge immediatamente la domanda su quanto durerà questo record. Sebbene non si possa escludere che alcuni pesci vadano un po’ più in profondità, probabilmente non dovresti aspettarti di trovare pesci profondi centinaia di metri ancora in attesa di essere scoperti. “I pesci sembrano aver raggiunto il loro limite fisiologico”, ha detto Jamieson, che sottolinea che il pesce vivente più profondo probabilmente non può andare molto più in profondità di 8.400 metri. E la giovane lumaca delfino è ovviamente già molto vicina a questo presunto limite.

Sebbene un record del genere – e forse anche definitivo – sia ovviamente meraviglioso, non è ciò che entusiasma di più i ricercatori. Sono particolarmente contenti che le immagini confermino che comprendiamo il mare profondo meglio di quanto spesso si pensi. “Diciamo sempre che non sappiamo nulla del mare profondo, ma due anni fa abbiamo previsto che avremmo trovato nuove specie di pesci in questa conca (vicino al Giappone, ndr) e che sarebbero vissuti più in profondità di ogni altra specie che conosciamo . Ed eccoli qui!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *